Scritti per eddyburg
Ultimi post
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2004
19/08/2009 Eddyburg
Ha avuto coraggio Renato Soru, il presidente della Regione Sardegna, ha avuto coraggio la Giunta regionale nell’approvare il provvedimento di salvaguardia temporanea delle coste. Un atto, oggi, controcorrente. Un atto controcorrente in un’Italia in cui scoppiano le rivolte contro i “termovalorizzatori” perché si è appaltata ai privati la loro localizzazione, invece di farne l’oggetto di una pianificazione regionale, trasparente e partecipata. Un atto controcorrente in un’Italia in cui il governo vuole sottrarre alle regioni la preoccupazione della tutela dell’ambiente (e i “Governatori” non insorgono come un sol uomo).
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2006
10/08/2009 Carla Ravaioli
In due articoli su Liberazione (26 luglio e 9 agosto 2009) l’opinionista di eddyburg indica una strada per superare la crisi senza ripristinarne le radici
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2008-2009
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
Ha concluso il documento programmatico sull’ambiente il gruppo di lavoro dei partiti dell’opposizione, i “riformisti” e gli altri. Si riuniscono il 15 gennaio, a Roma, le componenti politiche, sociali, culturali della sinistra “radicale” per discutere sul che fare. Sullo sfondo, la tragedia che, dai fondali dell’Oceano indiano, si è scatenata sulla povertà dell’Asia (e dell’Africa) e sul tempo libero dell’Occidente.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
La televisione di Stato cancella un programma di satira di Paolo Rossi. L‘ordine dei giornalisti rimprovera Vauro per una vignetta di critica a un collega. I giornalisti dell’Unità sono in agitazione perché, per cacciare un direttore troppo critico verso B., i poteri stanno consegnando la gloriosa testata a degli incompetenti. Un membro scomodo della Commissione d’indagine sul caso Alpi-Hrovatin (presidente: Taormina) eliminato grazie a una manovra di disinformazione. Troppi quattro casi di censura in una sola settimana.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
Il catalogo dei paesaggi italiani, proposto al convegno di Italia Nostra; il deperimento dell’apparato industriale dell’Italia, raccontato in questi giorni dai media come segno (ed elemento) della decadenza nazionale. Si tratta di fatti che non hanno relazione tra loro, come se riguardassero mondi diversi? Credo che si tratti invece di una stessa questione.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
In Francia un ministro, accusato di essersi fatto pagare dallo Stato l’appartamento in cui abita, ha dato immediatamente le dimissioni; la cosa è stata considerata normale. Da noi, povera Italia, è considerato normale l’opposto. Anche dagli urbanisti della SIU, la prestigiosa Società italiana degli urbanisti.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
L’hanno capito tutti. Sta sfasciando il Paese, la Nazione e lo Stato. Ma non perché è maleducato, né solo perché difende i suoi interessi materiali. No. Se fosse così non riuscirebbe a aggregare consenso né sarebbe riuscito, in passato, a trovare complicità nel fronte opposto. Sta sfasciando il Paese, la Nazione e lo Stato perché ha una strategia e la sta lucidamente realizzando, e perchè questa strategia è la negazione dei valori, e la liquidazione delle risorse, su cui l’Italia è stata costruita.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008
L’apoteosi mediatica che ha unificato il mondo attorno alla drammatica agonia e morte di Papa Woytila e alla rapida e discussa scelta del suo successore, la straordinaria vittoria dell’opposizione al Cavaliere nelle elezioni regionali e la conseguente crisi politica e parlamentare della “Casa delle libertà”, condita dalla farsa della formazione del Bbis e dalla commedia della baruffa in Laguna. Tutto ciò ha distratto l’opinione pubblica, anche la più attenta, da due eventi molto minori, ma per diverse ragioni significativi: uno scambio di lettere sul problema della crescita e l’eclissi della sinistra.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
Nell’urbanistica italiana la partecipazione è come un fiume carsico. Appare e scompare, a tratti diventa di moda, e poi per anni nessuno ne parla, salvo pochi affezionati cultori. Adesso il fiume è riapparso, impetuoso. È un tema molto delicato. Si pone sulla cerniera di quel rapporto che legittima l’urbanistica: il rapporto con la politica e con la società.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
Vezio De Lucia, Mariarosa Vittadini, Giancarlo Storto, Renato Grimaldi, Piero Cavalcoli: nomi di funzionari pubblici di grande spessore professionale, culturale, personale, rimossi dal loro incarico (o indotti ad abbandonarlo) perchè non davano sufficienti garanzie di subalternità al potere: anteponevano l’interesse della Repubblica a quello della fazione al potere. Simili, ma non uguali. I primi, rimossi da governi di destra. L’ultimo, Piero Cavalcoli, costruttore e dirigente del prestigioso ufficio che gestiva la pianificazione metropolitana a Bologna, rimosso dalla sinistra.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
L’ambientalismo deve essere “sostenibile”? Lo ha affermato recentemente Giovanni Valentini, intelligente notista di Repubblica, animatore di numerose battaglie contro il “Malpaese”. L’associazione di quei due termini (quasi un ossimoro) rivela due gravissimi equivoci culturali (semantici) e politici, che rendono spesso ambigua la discussione e precaria la collaborazione nel vasto campo dell’ambientalismo.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
Battersi contro i mulini a vento non è sempre impresa da folle. A volte, quando i mulini a vento sono davvero giganti minacciosi, è saggio arginarne la prepotenza. Niki Vendola, il saggio presidente (per favore, non dite “governatore”) della Puglia non è il primo, e non sarà l’ultimo a tentar di frenare la devastazione che minaccia il nostro territorio, grazie a un’industria miope e a un governo (non solo quello di Berlusconi) incapace di governare.
Scritti per eddyburgEddytorialiEddytoriali 2005
10/06/2008 Eddyburg
Si apprestano a festeggiare l’avvio dei lavori dell’auditorium di Niemeyer a Ravello, i suoi numerosi difensori: da Domenico De Masi a Fulco Pratesi, da Cesare de Seta a Grazia Francescato, da Mario Pirani a Giovanni Valentini, da Fausto Bertinotti ad Antonio Bassolino, da Renato Brunetta a Massimo Cacciari. Ma che cosa ha detto il Consiglio di Stato, con la sentenza che ha respinto i ricorsi di legittimità? Qualcuno si è preoccupato di verificarlo?
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg