Città e territorioNostro pianeta
Sono sempre di più, e sempre più autorevoli, le voci di chi chiede di invertire la rotta per salvare il pianeta, a dimostrazione del fatto che il futuro della terra è tema di stringente attualità: sono riflessioni ad ampio raggio sulla politica e sull’economia, che riescono ad andare oltre un semplicistico ambientalismo
Ultimi post
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
24/04/2016 Rossella Muroni
«Per uscire dall’era dei fossili non bastano i proclami ma occorre dotarsi di un piano rigoroso di transizione che punti celermente verso le energie rinnovabili». Il manifesto, 24aprile 2016 (c.m.c.)
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
23/04/2016 Luca Fazio
«Intervista. Il presidente del Consiglio, nella sede dell'Onu per ratificare gli impegni presi alla Cop21 di Parigi, con il solito discorso ispirato e visionario dipinge l'Italia come un paese all'avanguardia negli investimenti per le energie rinnovabili. Per Loredana De Petris si tratta della solita propaganda: "Il suo governo sta andando nella direzione opposta"».
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
20/04/2016 Antonella Leto e Roberta Radich
Due promotrici e organizzatrici dello straordinario lavoro compiuto delle persone che si sono impegnate nella grande battaglia contro il consumismo energetico e a difesa dei patrimoni e delle risorse comuni sottolineano i risultati positivi raggiunti al di là d
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
20/04/2016 Alessandro Giannì
«
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
20/04/2016 Virginia Della Sala
Una prima analisi sulle sconfitte e sulle vittorie del referendum.
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
19/04/2016 Serena Giannico
« Quasi 16milioni alle urne, altro che referendum bufala. La rabbia dei No Trivdella Lucania, unica regione in cui è stato raggiunto il quorum.Scoperchiato il vaso di Pandora delle concessioni scadute: ilministero sapeva. Arriva una nuova richiesta di moratoria. In attesache la Ue apra un procedimento d’infrazione». Il manifesto, 19aprile 2016 (c.m.c.)
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
17/04/2016 Adriana Pollice
Lo scrittore No Tav
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
16/04/2016 Luisiana Gaita
«Lo studio di "Cittadini per l'aria" con i dati dello European Environment Bureau: "Cambiare le politiche". E l'Italia ha fatto pressione sui Paesi europei per abbassare i limiti. Ora però incombe la procedura d'infrazione sulla questione Pm10.»
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
16/04/2016 Moni Ovadia
«Il significato del voto in occasione di questo particolare referendum, assume una valenza di particolare rilievo etico. Andando a votare in massa, noi dichiariamo che il bene comune è superiore a qualsivoglia ambizione di chi governa».
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
15/04/2016 Tonino Perna
«Se non si raggiunge il quorum si manda un pessimo segnale a chi ci ha creduto e si è speso per utilizzare questo che rimane uno dei pochi strumenti di democrazia reale, oltre naturalmente a rafforzare il governo Renzi nella sua deriva autoritaria».
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
14/04/2016 Serena Giannico
Il Capo comincia a temere d'essersi sbilanciato troppo. Anche Franceschini e Madia non voteranno. Laura Boldrini invece si: «è un dovere per tutti».
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
12/04/2016 Gaetano Azzariti
«Ferma le trivelle. Tutti i referendum indicano un cambiamento, sono un inizio non la conclusione della loro realizzazione. Saranno i rapporti di forza a segnare la portata del risultato».
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
11/04/2016 Tiziana Colluto
«L'analisi contenuta nel progetto CoCoNet, finanziato dall'UE: cosa accadrebbe in caso di un imprevisto in fase estrattiva o di trasporto? A causa dell’andamento delle correnti marine, l'entità monetaria del danno è, secondo gli esperti, non calcolabile».
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
10/04/2016 Francesco Martone
Occorre un sì deciso al referendum del 17 aprile, non solo contro la distruzione della bellezza, ma per una uscita progressiva dalla dipendenza dal petrolio, e la crescita di un movimento globale per la salvezza del pianeta.
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
09/04/2016 Francesco Ditaranto
La Francia dice stop alla ricerca di idrocarburi in mare e chiederà che il divieto venga esteso a tutto il Mediterraneo. «Troppo alti i rischi ambientali» afferma la ministra dell'ambiente e dell'energia.
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
08/04/2016 Guido Viale
Chi oggi comanda in Italia, in Europa e nel resto del mondo obbedisce agli interessi dei petrolieri e perciò ci sta portando alla catastrofe. Ecco una ragione in più per votare contro le trivelle.
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
08/04/2016 Alberto Asor Rosa
«Più che mai è importante andare a votare per questo referendum per dimostrare che non si abbandona il paese in mano a chi vuole mercificare qualsiasi cosa senza rispetto e che esiste ancora la volontà e la forza di cambiare rotta». Il manifesto, 8 aprile 2016 (c.m.c.)
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
31/03/2016 Annalisa Corrado
«La vittoria del SÌ al referendum del 17 aprile potrebbe dare una spallata ad un castello di bugie e mostrare che la strada verso la democrazia energetica, verso una promozione sostenibile dei talenti sani dei nostri territori è segnata e che non si torna più indietro», S
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
29/03/2016 Enzo Di Salvatore
«Referendum trivelle. Lo stato dell’arte è il seguente: ad oggi nessuna società petrolifera può chiedere nuovi permessi e nuove concessioni. Ma quel che la legge non consente non significa che venga impedito. Ad alcune condizioni». Il
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
04/03/2016 Geraldina Colotti
Gli sfruttatori delle risorse dei popoli impoveriti dallo sfruttamento avevano minacciato la dirigente ambientalista di farle fare la fine degli altri attivisti delle comunità indigene. Nonostante la "vigilanza" del governo lo hanno fatto. Articoli di F. Martone e G. Colotti.
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
02/03/2016 Rosalba Castelletti
Sarà una resistenza durissima fino a quando la religione de Denaro non sarà stata sconfitta e il sistema capitalistico superato da uno finalmente umano.
Città e territorioNostro pianetaInvertire la rotta
01/03/2016 Giovanna Ricoveri
Dal celebrato incontro mondiale sul clima di Parigi, COP21, sono passati 2 mesi, ma non è cambiato proprio nulla. CNS - Ecologia Politica
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg