responsive_m

EDDYBURG - LAVORI IN CORSO

EDDYBURG - LAVORI IN CORSO
Care amiche e amici, lettrici e lettori di eddyburg, con Eddy avevamo avviato un lavoro di ristrutturazione complessiva del sito, necessario per farlo funzionare correttamente e per rendere accessibile l'intero patrimonio di scritti e documenti pubblicati in più di 15 anni di attività. Le cose da fare sono molte e dedicheremo a questo impegno, e solo a questo, tutte le nostre energie per far sì che all'inizio del nuovo anno tutto sia di nuovo in ordine. Il sito è la cosa a cui Eddy teneva di più. Ilaria e Mauro

PER EDDY

INVERTIRE LA ROTTA

CONTRORIFORMA URBANISTICA

DAI MEDIA

VENEZIA

mercoledì 25 settembre 2019

Ciao Eddy

off topic, 24 settembre 2019, «Edoardo Salzano verrà ricordato per tante cose. La prima è la battaglia contro la legge Lupi, del 2005».
Eddy Salzano se n’è andato. Dopo decenni di lotta in prima linea contro il malgoverno della città e dopo l’impegno di una vita contro un’idea di urbanistica governata da palazzinari e speculatori, forse Eddy non ha più retto alla nuova versione green e fashion del “fare città”, abbracciata proprio dai sedicenti eredi della sua amata sinistra.

Edoardo Salzano verrà ricordato per tante cose, dal suo lavoro di urbanista, al suo impegno di docente allo IUAV, ma, soprattutto da Milano, lo pensiamo con indomito affetto per un paio questioni fondamentali. La prima è la battaglia contro la legge Lupi, del 2005. La mobilitazione sostenuta e resa forte dalla autorevolezza di Eddy e di tanti che che con lui si sono attivati, creò un vasto movimento capace di fermare una proposta di legge disastrosa, sbagliata e che avrebbe definitivamente sancito la privatizzazione dell’urbanistica. La seconda è la sua creatura, Eddyburg. Un sito ormai fondamentale per tutti coloro che si occupano di città e territorio, di architettura ed urbanistica; un luogo anche fisico (come dimenticare le scuole di Eddyburg) che ha reso possibile una riflessione ben al di là dei contenuti specialistici, diventando un vero e proprio riferimento politico, forte di una radicalità scientifica e di una passione libera e preziosa.

Nell’ottobre 2015, a Venezia, a tavola insieme a Vezio de Lucia, mi chiese chi sarebbe stato il prossimo sindaco di Milano. Ricordo l’espressione sconcertata quando gli risposi che molto probabilmente sarebbe stato Beppe Sala. Eddy fino alla fine ci è stato molto vicino, con lui abbiamo condiviso l’opposizione alla città di Expo, degli eventi, del lusso e della turistificazione. L’eredità di Edoardo Salzano è nelle nostre mani, nelle mani di tutti coloro che si occupano di urbanistica cercando di rompere i vincoli della rendita e del capitale, nelle mani di quelli che lottano per una città sempre più libera e di tutti.

Ciao Eddy.
Show Comments: OR