responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

martedì 4 novembre 2014

Noi: libere di correre senza paura

Un appello che non è un appello, ma un richiamo alla ragione: sicurezza degli spazi pubblici è qualità di progettazione, non paranoia securitaria vagamente militarista. Corriere della Sera Milano, 4 novembre 2014, postilla (f.b.)

Sul Naviglio Grande ci sono aree da poco rinnovate e frequentate a ogni ora da runner e ciclisti. Uno spazio che i milanesi hanno riconquistato. Il Naviglio Grande è la zona dove è stata aggredita Irene: era lì a correre. Non era notte. C’era luce. Minuti sottratti a famiglia, lavoro, incombenze perché si ha bisogno di stare all’aperto, con i propri pensieri. Una città è anche questo: luogo di scambio e luogo dove riappropriarsi di momenti di libertà. Fa rabbia la storia di Irene. E sconfortano alcuni commenti: «Correte in gruppo, coi mariti. Vestitevi con tuta larga, evitate magliette aderenti». No. Vogliamo essere libere di correre. O camminare, zoppicare, saltellare, muoverci come vogliamo, quando vogliamo. Dove vogliamo. Senza paura. All’alba, al tramonto. In centro e in periferia. Troppo? Gli uomini vanno al calcetto con gli amici. E le donne? Perché non possono correre, anche da sole?
Perché Milano sia un bene comune, va ripensata. Con le donne. Difficile? Con l’Expo e con il Consiglio metropolitano nato per riorganizzare la città c’è un’opportunità. Ci sono gli esempi. Vienna, Marsiglia, Cordoba in Argentina, altre città in Canada lavorano sull’urbanistica di genere. Non solo colonnine Sos e illuminazione. Ma anche spazi pubblicitari vietati a inserzionisti che propongono un’immagine della donna distorta. O parchi pensati ascoltando i bisogni delle cittadine e chiamando architetti e urbaniste donne a contribuire al cambiamento.

postilla
Si dice Milano ma si potrebbe dire Ovunque: un'aggressione a una signora che fa jogging, in pieno giorno in un parco cittadino, e scatta immediatamente la reazione repressiva, da ordine pubblico o poliziesca teoria della finestra rotta che dir si voglia. Mentre invece qui, come ben capisce il testo dell'appello, si tratta di un'idea di città sbagliata, in cui lo spazio pubblico viene pensato burocraticamente, applicando in modo un po' svogliato il manuale degli standard e quello della progettazione dei giardini, e realizzando invece l'ennesima graziosa Little Big Horn, luogo ideale di agguati in quanto sottratto ai famosi “occhi sulla strada”. Ci sono due concezioni di spazio sicuro: quello militarizzato, e quello vissuto continuamente. Uno dovrebbe essere espressione di una città paranoica e fascistoide, quella che a ogni problema propone come soluzione il manganello, l'altro aspira a ben diverse idee, che non sono di vaga solidarietà e comprensione, ma di pura condivisione. Gli strumenti sono intelligenza e visione, basta usarli, non servono neppure soldi in più. Ripensiamo alla troppo celebrata ma in fondo poco capita Jane Jacobs (f.b.)

Show Comments: OR