responsive_m


Questa mattina Edoardo Salzano ci ha lasciato. La commemorazione laica si terrà mercoledì 25 prossimo, alle ore 15, presso la sede di Ca' Tron dell'Università IUAV di Venezia, Santa Croce 1957. Dalle 12 alle 14 sarà possibile un ultimo saluto a Eddy, presso la camera ardente dell'ospedale civile di Venezia. Niente fiori ma, per chi vuole, una donazione all'Associazione eddyburg (bonifico su c/c IBAN IT03N0501812101000012375168).

PER EDDY

INVERTIRE LA ROTTA

CONTRORIFORMA URBANISTICA

DAI MEDIA

VENEZIA

mercoledì 8 ottobre 2014

Per chiarire una questione Contorta

Riceviamo la lettera dei tre esperti, responsabili per le discipline dell’idraulica e della morfodinamica del Piano Morfologico per la laguna di Venezia, Andrea Defina,Stefano Lanzoni, Marco Marani.  Quando gli studi, pagati con fondi pubblici, diverranno pubblici? Con postilla (m.p.r.) 

Il dibattito in corso sull'escavo del Canale Contorta ha comprensibilmente richiamato le possibili relazioni con l'aggiornamento del "Piano Morfologico" per la laguna, ultimato alla fine del 2010 e in fase di valutazione da parte degli organi competenti. Inevitabilmente si sono anche tirati in ballo presunti asservimenti del Piano a obiettivi di parte. Le polemiche strumentali non sono certamente utili agli scopi della salvaguardia della laguna di Venezia e vogliamo pertanto chiarire due questioni importanti: 

1) le analisi e le indicazioni contenute nel documento di piano consegnato nel 2010 rappresentano l'obiettiva valutazione delle tendenze evolutive idrauliche, morfologiche e ambientali della laguna, e dei relativi possibili interventi, ottenuta al meglio delle attuali conoscenze; 

2) la formulazione degli scenari del Piano, come pure il completamento delle analisi modellistiche, sono avvenuti in tempi anteriori al momento in cui il "Progetto Contorta" è stato avanzato. Pertanto, diversamente da quanto si potrebbe desumere da alcuni interventi recenti, il Piano Morfologico non contiene valutazioni degli impatti idraulici e morfologici del proposto Progetto Contorta. 

Ora che tale progetto viene proposto con decisione, troviamo piuttosto sorprendente che le (sommarie) indagini idrodinamiche e morfodinamiche svolte a suo supporto non tengano conto del mutato assetto lagunare previsto nel Piano Morfologico, ormai precisamente delineato. Ovvero quel che stupisce non è che venga proposto l'escavo del Canale Contorta, ma piuttosto che non siano da tempo state promosse indagini per quantificare, dettagliatamente e nel contesto dell'aggiornato Piano Morfologico, i cambiamenti che la realizzazione del Progetto Contorta inevitabilmente porterebbe nel delicato assetto della zona centrale della laguna. 

Si minimizzano invece tali conseguenze e le si liquidano come di banale quantificazione, preferendo sottacere quel che passate esperienze dovrebbero aver insegnato (se i moderni strumenti modellistici fossero stati disponibili al tempo dell'escavo del Canale Malamocco-Marghera forse la laguna centrale non si troverebbe nell'avanzato stato di erosione che oggi tutti constatiamo). In conclusione, riteniamo sia importante non dimenticare che una pianificazione trasparente deve partire da una condivisa conoscenza degli impatti, in modo che ciascuno possa prendersi le proprie responsabilità al momento di compiere scelte che lasceranno il loro segno sul tessuto lagunare per il prossimo secolo almeno. Marco Marani, Stefano Lanzoni, Andrea Defina docenti all'Università di Padova responsabili dell'aggiornamento del Piano Morfologico per la laguna di Venezia.

Lettera inviata contemporaneamente al Gazzettino di VeneziaMarco Marani, è professore straordinario all'Università di Padova e al Duke University (USA)  Stefano Lanzoni è professore ordinario all'Università di Padova. Andrea Defina è professore Ordinario all'Università di Padova 
I tre esperti sono responsabili per le discipline dell’idraulica e della morfodinamica dell’Aggiornamento del Piano Morfologico per la laguna di Venezia (2006-2010)

postilla

La  lettera ci è stata inviata da Marco Marani che l'ha accompagnata con altre sue personali considerazioni: «So che il testo del Piano Morfologico e' circolato ampiamente tra chi si occupa di questi temi. Chi si e' occupato del Progetto Contorta per l'Autorita' Portuale ha avuto accesso al piano e lo ha letto. Il mancato riferimento al piano non e' dunque dovuto a una mancanza di informazioni. Tutt'altro.  Quel che spero si capisca dalla lettera è che nel passaggio del Progetto Contorta presso il Magistrato alle acque, che sta da tempo discutendo il piano morfologico, NON e' possibile far finta di dimenticare il piano morfologico stesso. A meno che non lo si voglia fare di proposito». Speriamo che l'Autorità portuale che conta per il suo progetto "dell'appoggio di tanti ministri" come abbiamo sentito dichiarare da Costa nella sua presentazione del progetto, non sia tra "gli ostacoli" che da anni impediscono l'approvazione del Piano Morfologico (m.p.r.).



Show Comments: OR