Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
È stato uno dei maestri dell’urbanistica italiana. L’equilibrio, l’eleganza, la discrezione, l’ironia, l’impegno personale, il disinteresse, sono state tra le sue virtù. Un “maestro senza retorica”, lo ricorda Mariella Zoppi. Un uomo che, di fronte alle vicende della società, assumeva la veste del “pessimismo preventivo”, come diceva Carlo Ludovico Ragghianti, ma non rinunciava all’azione giacobina. Un maestro che si avviluppava “in un alone di modestia e riserbo”, come ricordava Alessandro Tutino, e proprio per questo rendeva più penetrante la sue lezione. Un uomo per il quale il mestiere dell’ urbanista era in primo luogo un dovere civile: un “urbanista militante”, come lo definisce Vezio De Lucia.
Ultimi post
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliEdoardo Detti
Urbanistica e pianificazioneTemi e problemiFirenze
Paolo Baldeschi
Dal Prg di Giorgio La Pira ed Edoardo Detti al Ps dei nostri miseri giorni. Da Testimonianze, la rivista fondata da Ernesto Balducci, n. 464, “Crisi (e rinascita?) della città: il caso Firenze"
Eddy SalzanoScrittiArticoli e saggi
Edoardo Salzano
Presentazione del Quaderno di Urbanistica informazioni n. 1
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliEdoardo Detti
Edoardo Detti
Una diagnosi del 1970 sullo stato dell'urbanistica italiana, "ancora esatta" nel 1995 quando fu ripresa da Antonio Cederna sul Bollettino di Italia nostra, ancora "esatta" oggi. (m.b.)
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliEdoardo Detti
Nella Piana di Sesto Fiorentino (2004)
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg