Società e politicaEventi
La vittoria elettorale di George W. Bush non è stata solo un evento molto preoccupante per i destini del mondo (sarebbe già abbastanza). La vittoria e il rafforzamento di Bush ripropongono con forza, sul versante della sinistra e della democrazia europea, alcuni temi non più eludibili: il ruolo dei "valori" nella politica, la crisi delle forme attuali della democrazia.
Ultimi post
Società e politicaScritti su cui riflettereScritti 2005
Sull'orribile evento, scritti e parole di S. Ranucci, T. Di Francesco, A. Robecchi, da il manifesto del 10 e del 13 novembre 2005, e di J.T. Cobb, C. A. La Cour, Wi. H. Hight, da Field Artillery, marzo-aprile 2005
Società e politicaEventiBush II
Gianni Riotta
Riflessione moderata su una pratica smoderata, in uso nell'Impero Stars and Stripes. Da il Corriere della sera del 21 marzo 2006
Società e politicaScritti su cui riflettereScritti 2004
Ida Dominijanni
E' "nella reazione della sinistra al crollo del Muro giusto quindici anni fa, che vanno ricercate le cause di quella cattiva «laicizzazione» della sinistra che, con la cesta delle ideologie sconfitte, ha buttato via anche il bambino di un qualsivoglia orizzonte di senso". Da il manifesto del 9 novembre 2004
Società e politicaEventiBush II
George W. Bush
Il discorso del Presidente, George W. Bush, dopo la riunione di Gabinetto per i soccorsi alle zone colpite dall'Uragano Katrina, 31 agosto 2005. Il giudizio ai posteri, alla storia, e magari anche alla cronaca dei prossimi giorni (f.b.)
Società e politicaEventiBush II
(red.)
Editoriale dal New York Times, 1 settembre 2005, a commento del primo discorso di George W. Bush dopo che l'uragano Katrina ha colpito New Orleans (f.b.)
Società e politicaEventiBush II
Ida Dominijanni
A partire dalle contingenze e dai libri, si invita a ragionare di liberà e di democrazia. Sulle due sponde dell'Atlantico. Da il manifesto del 25 gennaio 2005
Società e politicaMaestriEnrico Berlinguer
Sandro Portelli
Un'altra riflessione ( da il manifesto del 6 novembre 2004) sulla vittoria di Bush che serve per affrontare un po' meglio le questioni di casa nostra. Di cui è bene che ci occupiamo, no?
Società e politicaEventiBush II
Friedman. Thomas L.
Una America diversa per gli stessi americani. Da la Repubblica del 5 novembre 2004
Società e politicaEventiBush II
Rossana Rossanda
L'editoriale de il manifesto del 4 novembre 2004. "Il presidente uscente ha prevalso nell'opinione dei suoi concittadini nonostante abbia portato il paese in guerra con la menzogna, abbia attaccato l'Iraq con ogni mezzo illecito senza riuscire a sottometterlo, non abbia affatto abbattuto il terrorismo fondamentalista, abbia isolato gli Usa dalla maggior parte del mondo e, sul piano interno, non abbia un bilancio né brillante né popolare"
Società e politicaEventiBush II
Cosimo Rossi
«L'automatismo tra partecipazione al voto e aumento dei consensi all'area progressista non c'è più. Bush ha mobilitato strati popolari più consistenti di Kerry, superando la contraddizione con gli interessi materiali attraverso il richiamo a valori forti». Da il manifesto del 4 novembre 2004
Società e politicaEventiBush II
Ida Dominijanni
Da il manifesto del 4 novembre 2004. Il "bipolarismo sociale radicalizza necessariamente il bipolarismo politico: anche in questo le elezioni americane acquistano un valore di annuncio. Il ritornello che da anni ci ossessiona, secondo cui nei regimi bipolari le elezioni si vincono al centro, da ieri non è più sostenibile"
Società e politicaEventiBush II
Riccardo Staglianò
Perché Kerry non ha vinto secondo Michael Walzer. Un'intervistaal politogo statunitense, da la Repubblica del 4 novembre 2004
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg