Società e politicaGiornali del giorno
Ultimi post
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
18/07/2015 Alfonso Gianni
Sulle stupidaggini maliziose (o sprovvedute ) della destra (e della sinistra) a proposito di "piani A" e piani B". Sullo sfondo del neonazionalismo tedesco e del tradimento della socialdemocrazia europea.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
17/07/2015 Massimo Recalcati
«È un grande problema di filosofia del diritto. E, tuttavia, la psicoanalisi mostra come in tutti i processi di crescita della vita individuale e collettiva l’applicazione (inumana) della Legge che non sa fare posto all’eccezione genera solo mostri».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
17/07/2015 Luciana Castellina
«“La gente pro­te­sta, scende in strada”. “Nei bar si dice che Tsi­pras ha tra­dito.” E’ com­pren­si­bile, ma per que­sto per vin­cere ci vogliono i par­titi e non i bar: pro­prio nei momenti dram­ma­tici è indi­spen­sa­bile un sog­getto con­sa­pe­vole, unito da una comune cul­tura poli­tica, da un rap­porto vero con le rispet­tive comu­nità, e non un agglo­me­rato emo­tivo».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
17/07/2015 Norma Rangeri
«Si può e si deve discu­tere per capire se si poteva otte­nere di più a Bru­xel­les, ma viste la spro­por­zione delle forze in campo e ciò che era in gioco, adesso si può dire che Tsi­pras ha, momen­ta­nea­mente, sal­vato il paese dalla cata­strofe».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
17/07/2015 Peter Schneider
«Il problema non sono immaginarie tentazioni di un nuovo imperialismo tedesco, bensì il dogmatismo di Berlino, l’ossessiva convinzione che qualsiasi debitore debba sempre ripagare tutto a ogni prezzo, anche a costo della propria sopravvivenza».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
16/07/2015 Thomas Fazi
«Intervista James Galbhraith. Secondo l’economista, amico e "consigliere" di Varoufakis, la sinistra non può cambiare l’Europa. Uscire dall'euro sarebbe doloroso, ma rimanerci a queste condizioni è inaccettabile».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
16/07/2015 Stefano Rodotà
«Come non vedere che attraverso la questione greca si è voluto risolvere proprio la questione Bruxelles, annunciando con inusitata durezza quale Europa politica ci attende per quanto riguarda leadership, forze politiche, contenuti?».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
16/07/2015 Guido Viale
Una visione ragionevole e laicamente distaccata del dramma greco (e della tragedia europea) riporta l'accento sulla questione centrale: con quali forze e con quali alleanze si può provare a costruire un'altra Europa e scalzarne il poderoso gruppo di potere che occupa l'UE?
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
16/07/2015 Ettore Livini
Il Parlamento vota, La Grecia resta in Europa e il collasso è evitato, ma il cappio bipartisan dell'UE delle banche resta stretto al collo.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
15/07/2015 Alfonso Gianni
«La politica è diventata un’arma per impedire la soluzione di un problema economico di modesta entità quale era il debito greco. La domanda allora è: c’è spazio in questa Ue per un governo che pratichi politiche anticicliche di tipo sociale? Dalla grande questione politica dell’Europa bisogna quindi ripartire».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
15/07/2015 Piero Ignazi
La feroce repressione che i falchi europei , con la complicità delle ex socialdemocrazie, ha compiuto nei confronti della Grecia di Tsipras porta acqua abbondante al mulino del populismo xenofobo e antieuropeo.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
15/07/2015 Ettore Livini
Oggi il primo voto sulle riforme draconiane imposte dall’Europa ad Atene. Syriza si frantuma e il governo otterrà il sì all’accordo solo grazie al voto delle opposizioni. Dopo questo verdetto il panorama politico del Paese cambierà per sempre. Il premier: “Non ho interesse ad andare ad elezioni anticipate, ma non guiderò un nuovo esecutivo con altri partiti” “Con la dracma i poveri diventano più poveri e i ricchi più ricchi”.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
15/07/2015 Teodoro Andreadis Synghellakis
«
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
15/07/2015 Giacomo Russo Spena
Difficile pensare che esistesse una terza possibilità. Difficile pensare che Tsipras avesse potuto ottenere di più se l'obiettivo dei falchi era quello di cacciare Tsipras e la Grecia, e quello dei socialdemocratici di impedire l'infezione Tsipras nelle loro terre.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
14/07/2015 Giorgio Barberis
«Se Tsipras rifiuta di piegarsi al ricatto la Grecia esce dall'euro e collassa; se accetta il progetto di Europa politica va letteralmente in frantumi». Queste le alternative tra cui ha dovuto scegliere.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
14/07/2015 Marco Ansaldo
«Che questa economia uccide l’ho detto nella esortazione apostolica
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
14/07/2015 Alberto D'Argenio
«Uno dei protagonisti del vertice uscendo dal Justus Lipsius confida: “Dietro di noi lasciamo macerie, i greci non riusciranno mai a rispettare tutte le condizioni, ci rivedremo tra qualche mese con lo stesso problema sul tavolo”».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
14/07/2015 Paul Krugman
«Nelle ultime due settimane abbiamo imparato che far parte della zona euro significa che se sgarri i creditori possono annientare la tua economia. Tutto ciò non ha attinenza alcuna con l’implicita economia dell’austerità».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
14/07/2015 Alfonso Gianni
«L’accordo in sé è un compromesso che sconta un clima pesante e l’isolamento della Grecia. Tuttavia Tsipras può giustamente dire di avere trattato per tutto il popolo greco. Ha rinunciato a qualche misura sociale che gli stava a cuore per salvaguardare le possibilità di sviluppo futuro per il paese»,
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
13/07/2015 Nadia Urbinati
Schäuble «ha sponsorizzato e messo in circolo una visione che sembrava fino a ieri un tabù: che l’appartenenza all’Europa è reversibile. Il che significa che si tratta di un club, anziché di un’unione, nel quale per entrare e starci è necessario accettare alcune regole stabilite dalla Kerneuropa e non egualmente costruite da tutti i partner europei».
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
13/07/2015 Angelo Mastrandrea
Grecia. Ultimatum a Tsipras con condizioni capestro. "Umilianti e disastrose", risponde il leader greco. Si tratta nella notte, ma per il Guardian è in corso un "waterboarding mentale" nei confronti di Atene.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
13/07/2015 Andrea Bonanni
Durissimo scontro all’Eurogruppo Berlino detta le condizioni, poi eurosummit nella notte.Atene: “Richieste offensive e disastrose”. Non sono
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
13/07/2015 Antonio Polito
Al di là delle interpretazioni formulate nei diversi campi del sapere, una cosa è certa: la campana suona anche per noi. E chi ci governa (per sua scelta) non se ne accorge.
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
12/07/2015 Gabriele Pastrello
Solo le persone disinformate o in malafede, possono pensare che gli ostacoli posti a Tsipras derivino dalle ragioni proclamate: la verità è che non si vuole che in Europa ci sia una presenza che testimoni la possibilità
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2015
12/07/2015 Guido Viale
«È una corsa disor­di­nata a fare a pezzi l’Ue; ma anche a segare il ramo su cui sono seduti il suoi gover­nanti. Per­ché a rac­co­gliere i frutti di que­sta semina sono e saranno altri: quelli che nazio­na­li­smo e raz­zi­smo (per­ché di que­sto si tratta) sanno col­ti­varli meglio».
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg