Società e politica
Ultimi post
Società e politicaTemi e principiPolitica
16/07/2018 Filippomaria Pontani
Una breve ed incisiva panoramica sui prolemi dell'Inghilterra attraverso la lettura critica di alcuni avvenimenti artistici, politici e sportivi recenti. (i.b.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
13/07/2018 Furio Colombo
Il Fatto Quotidiano, 13 luglio 2018. Una testimonianza di un italiano che visto il Sessantotto negli Stati Uniti e in India per raccontare a chi non c'era un importante pagina di storia. (e.s)
Società e politicaTemi e principiItaliani brava gente
21/06/2018 Alex Zanotelli
Nigrizia.it, 15 giugno 2018. Un’onda nera e razzista sta travolgendo la società italiana. La cavalca il fascio-leghista Matteo Salvini, strumentalizzando le migrazioni. Credenti e laici devono contrastare questo fenomeno. Con commento. (m.c.g.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
18/06/2018 Roberto Petrini
la Repubblica, 17 maggio 2018. Molticontinuano a credere che la"flat tax" significhi meno tasse per tutti.Invece è una truffa che avvantaggia i più ricchi e impoverisce tuttigli altri. Con commento (e.s.)
Società e politicaTemi e principiLavoro
18/06/2018 Roberto Ciccarelli
Il manifesto, 17 giugno 2018. Resoconto di una manifestazione contro il razzismo e contro lo sfruttamento. Forse segna l'inizio di un percorso di liberazione. Con commento (e.s)
Società e politicaTemi e principiItaliani brava gente
17/06/2018 Edoardo Salzano
Ho ascoltato un'intervista rilasciata dal leader del M5S, Luigi Di Maio, a proposito dei porti da chiudere e dei migranti da respingere. Orribile: ecco perché Di Maio e Salvini sono due facce della stessa medaglia
Società e politicaTemi e principiPolitica
14/06/2018 Tomaso Montanari
huffingtonpost. 12 giugno 2018. Non c'è democrazia senza opposizione, che a questo punto della nostra storia non può che essere ricostruita a partire dalle lotte e dai diritti. (i.b.)
Società e politicaTemi e principiItaliani brava gente
12/06/2018 Arlette e André-Yves Portnoff
Lettera da Parigi. Anche dall'estero qualcuno segue gli scandali peggiori che avvengono nel Belpaese. L'assassinio di Peppino Impastato da parte della mafia 40 anni fa, è ricordato da un Memoriale a Cinisi, Che cosa ricorderà gli scandali compiuti da signori in giacca e cravatte e senza sacrifici umani evidenti? (e.s.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
06/06/2018 Tommaso di Francesco
il manifesto, 5 giugno 2018. Usque tandem? Fino a quando dovremo sopportare questo truculento rappresentante dei più profondi abissi della xenofobia italiota? Forse l'Italia è divenuta una malata terminale alla cui agonia assistiamo impotenti. Con commento (e.s.)
Società e politicaTemi e principide homine
05/06/2018 Mariangela Mianiti
il manifesto, 5 giugno 2018. Un italiano uccide a sangue freddo un lavoratore africano, sindacalista difensore dei lavoratori schiavizzati nella fertile piana di Rosarno. È solo razzismo? Il capitalismo ha anche altre facce (m.p.r.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
04/06/2018 Gianfranco Marcelli
Avvenire, 3 giugno 2018. Interessanti e utili osservazioni sull'apparente assenza di riferimenti culturali del nuovo governo: un articolo critico, ma concluso da una speranza che è un'evidente illusione. Con commento, (e.s.)
Società e politicaTemi e principiSinistra
03/06/2018 Roberto Ciccarelli
Il manifesto, 2 giugno 2018. Una parola chiave per ribaltare il tavolo della “politica politicante” e ritrovare nella Politica lo strumento per affrontare insieme i problemi di tutti.( con commento e.s.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
03/06/2018 Eddyburg
Avvenire 2 giugno 2018. In tutte le direzioni di marcia preannunciate il governo Conte si presenta come quello più di destra che l'Italia abbia avuto. Impoverite i poveri e ricaccia i profughi sono ovviamente i piatti forti del menu
Società e politicaTemi e principiPolitica
02/06/2018 Manlio Dinucci
lI manifesto, 1 giugno 2018. Questi sciocchi italiani, credono di essere schiavi dell'Unione europea, in realtà il tallone è l'Impero statunitense. Il quale comunque rafforza il suo armamento in Euroa(e.s.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
02/06/2018 Marco Revelli
il manifesto, 2 giugno 2018. Ancora largamente incompresi riferimenti ideologici degli elettori del terzo millennio. per comprendere è utile partire dalle cause (m.p.r.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
02/06/2018 Ida Dominijanni
Internazionale, 1° giugno 2018. Utile resoconto, ferocemente agrodolce della travagliata crisi della democrazia italiana. I segni dell'auspicato "cambiamento" ci sono tutti, ma si cambia per il peggio. Con commento (e.s.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
01/06/2018 Tomaso Montanari
Huffington post, 1° giugno 2018. Una ballata funerea, per accompagnare un altro passo verso la disgregazione di un'Italia devastata. Se si vorrà scendere più in basso occorrerà scavare il fondo dell'abisso con la vanga o con la dinamite (e.s.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
01/06/2018 Tomaso Montanari
Non siamo stati i soli a criticare Sergio Mattarella per le sue posizioni a proposito della priorità dei “mercati”
Società e politicaTemi e principiPolitica
31/05/2018 Silvia Truzzi
il Fatto Quotidiano, 30 maggio 2018. Intervista di Silvia Truzzi alla costituzionalista Lorenza Cassese. Un altro tassello per comprendere l'attuale crisi istituzionale italiana. (m.p.r.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
30/05/2018 Stefano Feltri
il Fatto Quotidiano, 30 maggio 2018. Intervista di Stefano Feltri a Barbara Spinelli. Un altro tassello per comprendere l'attuale crisi istituzionale italiana. (m.p.r.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
30/05/2018 Edoardo Salzano
Rispondo ad alcune critiche ricevute per aver pesantemente criticato Sergio Mattarella, presidente della Repubblica, a proposito della polemica Di Maio-Savona-Salvini
Società e politicaTemi e principiPolitica
29/05/2018 Massimo Villone
il manifesto, 29 maggio2018. È cosa saggia ragionare e argomentare prima di esprimere giudizi su questioni un po' complesse. Pochi lo fanno a proposito della vicenda Mattarella-Savona-Salvini. L'autore di questo articolo fortunatamente si. (e.s)
Società e politicaTemi e principiSinistra
28/05/2018 Eddyburg
Potere al popolo, 28 maggio 2018. La dura e argomentata contestazione di "Potere al popolo a proposito delle iniziative di Sergio Mattarella, nel suo ruolo di presidente della <Repubblica: al servizio dei "mercati", non dei cittadini». Con commento (e.s.)
Società e politicaTemi e principiPolitica
28/05/2018 Francesco Gesualdi
pressenza online, 28 maggio 2018. Una guerra è in corso, e al presidente della Repubblica corre l'obbligo di dichiararla. Ma l'aggressore è costituito da "i mercati", non da chi da essi si difende. Con commento (e.s.)
Società e politicaTemi e principiDifendere la Costituzione
26/05/2018 Elena Tebano
Corriere della sera, 26 maggio 2018. Una buona sentenza della Corte costituzionale a proposito degli accessi agli asili. Ma il vulnus alla Carta del 1948 è ben più profondo, con commento (e.s)
Temi e principi
Hanno cominciato a sgretolarla da tempo. Non tutti quelli che dovevano difenderla lo hanno fatto con intelligenza. Eppure, rappresenta il punto più alto cui è giunta la coscienza democratica della nazione: quando le "parti" hanno saputo rinunciare alla difesa del proprio particulare per trovare l'unità comune.
Una quota consistente di elettori appartiene all'area del centro sinistra ma non si sente rappresentata dalla componente maggioritaria di quell'area: quella "riformista". Si tratta di un elettorato disperso in molte formazioni. Si discute sul "che fare" per ricostituire una identità della sinistra italiana "radicale" che non si contrapponga al centrosinistra "riformista" ma sappia costruire con esso una reale alternativa ai governi di destra.
Il Novecento è stato ricco di speranze e delusioni, ferocie e magnanimità, eroismi ed efferatezze, martiri e carnefici, aguzzini e vittime. Qualche regime fu diabolico, qualche altro fu truce, ma i popoli furono dovunque impastati di terra e di cielo: nessuno interamente colpevole, nessuno interamente innocente. A differenza che altrove, in Italia si pensa invece che “noi siamo buoni". Questa cartella vuole documentare che gli italiani non furono buoni sempre, né dappertutto.
Tra le cose da non dimenticare c’è la Resistenza. Fu il nuovo atto di nascita per il nostro paese, e l’evento attraverso il quale la società italiana passò, tra lagrime e sangue, per diventare democratica. Fu un momento pienamente europeo, nel quale il mondo evitò lo sterminio definitivo grazie a due tensioni feconde: quella dell’alleanza tra le democrazie occidentali e l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, e quella della Resistenza nei paesi dominati dal nazismo.
Materiali del convegno: “A che serve la storia? I saperi umanistici alla prova della modernità”, Roma, La Sapienza, 24-25 novembre 2009
È aperta da tempo una polemica politica sugli anni di Tangentopoli, su Mani pulite e sull'epoca che ha preceduto i fatti esplosi nel 1992. Una polemica, non una riflessione. Una polemica, come hanno rilevato molti osservatori, ispirata più alle esigenze congiunturali della lotta per il potere che a quelle della verità e della giustizia. D'altra parte, alcuni rilevano da tempo, con maggiore o minore amarezza, che "Tangentopoli non è finita". I meccanismi di corruzione consolidati allora perseguono, magari sottotraccia. E gli strumenti inventati in quel clima continuano a essere perfezionati: tendono anzi alla generalizzazione. Infine, la sinistra ha sempre rivelato una certa titubanza, un certo imbarazzo a ripercorrere la storia di quegli anni, a fare i conti con le proprie responsabilità, suscitando così il sospetto, ingeneroso e ingiusto, che nella notte di Tangentopoli "tutti i gatti erano grigi". Anche come contributo alla riflessione riporto qui alcuni un mio articolo, uscito nel 1992 sulla rivista Democrazia e diritto, e alcuni capitoli di un libro (da tempo esaurito) che, a caldo, abbiamo scritto su quei fatti Piero Della Seta ed io: "L'Italia a sacco" (devo dire che né il titolo né la copertina mi sono piaciuti molto). Del libro questa cartella contiene la premessa, alcuni paragrafi dell'interpretazione di taglio "urbanistico", e il capitolo conclusivo, nonché il file in formato acrobat del libro.
Il grande poeta ed editorialista Francesco Tullio Altan ha inventato (dopo Pimpa e Cipputi, dopo Camillo Cromo e Barigazzi, dopo gli orribili commendatori dal naso adunco e le formose e italianissime signore acutamente buonsensaie) il personaggio del Cavalier Banana. Qui veramente Altan non ha avuto bisogno di fantasia: la satira era già nel personaggio che le sue vignette raffigurano. È al Cavalier Banana e alla sua Repubblica che dedico questa cartella.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg