Città e territorioComitati, Movimenti e Reti
Post dei comitati
Ultimi post
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Leonardo Coen
Lo sviluppo ha ucciso una risorsa primaria. Se ne accorgono adesso. Da la Repubblica del 27 giugno 2005
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
A. Ravindra
Come l'introduzione sistematica di politiche di sviluppo agricolo "globalizzate" sta devastando a scala subcontinentale ambiente e società. Harvard International Review, gennaio 2007 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Geoffrey Lean
La prima isola abitata, nel Golfo del Bengala, è stata sommersa dal mare che cresce di livello. Iniziano ad avverarsi le più fosche previsioni degli scienziati. The Independent, 24 dicembre 2006 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
John Ashton
Estratti dal recentissimo rapporto WWF (agosto 2005) sul riscaldamento globale, anche in Italia (f.b.)
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2007
Sulla conferenza del clima pubblichiamo oggi due articoli da il manifesto del 14 settembre 2007: l’editoriale di Massimo Serafini e un’intervista di Guglielmo Ragozzino a Paolo Cacciari
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Jean-Paul Besset
Une analyse sur Le Monde, 9 Août 2003. Les rapides changements climatique produisent des effets bouleversants sur les peuples de la terre. Il faut vivre avec eux. Par ce que l’humanité puisse survivre «il faut consommer moins, brûler moins d'énergie, se déplacer autrement, économiser les ressources, produire autrement, éviter le gaspillage... Oui, prévention, précaution, réparation, recyclage, décroissance et économies sont les clés de l'avenir. Se traduiront-elles en autant de politiques? Ce serait introduire l'idée de limite au cœur de l'activité humaine. A contrario du consensus de la pensée contemporaine autour de la fuite en avant et vers le toujours plus»
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Carol J. Williams
Se ne va, quella che dovrebbe essere la massima autorità per la prevenzione. Dice che non si sono regole serie, urbanistiche e edilizie, per la Costa del Golfo. The Los Angeles Times, 3 gennaio 2007 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Elizabeth Rosenthal
Come in un film di fantascienza, gli scienziati dalla Liguria alla Scandinavia raccontano il riscaldamento globale. International Herald Tribune, 11 settembre 2005 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Mike Davis
Il pianeta si scalda, ma i parecchi segnali evidenti di crisi non scoraggiano i più spudorati cementificatori dello sprawl. Anzi. The Nation, 3 aprile 2007 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Glennda Chui
Fertilizzanti, impermeabilizzazione, squilibri naturali: il suburbio non è un problema estetico. Mercury News, 9 dicembre 2005 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
(red.)
Cultura della conservazione, riduzione degli sprechi: le ricette per tutelare le nostre risorse più importanti sono sempre le stesse. Da Repubblica on-line, 16 agosto 2006 (m.p.g.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Mike Davis
Il cambiamento climatico nelle sue conseguenze urbane e sociali. Come sempre i costi maggiori ricadranno sui più poveri. Da il manifesto, 2 febbraio 2007 (m.p.g.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Walter Palmieri
Lo tsunami è una campana che ha suonato anche per noi. Non solo perché siamo tutti abitanti del pianeta, ma anche perché il nostro cortile non è proprio sicurissimo. Da I frutti di Demetra, n.5, 2005
Società e politicaGiornali del giornoArticoli del 2005
William Jefferson Clinton
Riflessioni dell'ex presidente USA, responsabile ONU per la ricostruzione. International Herald Tribune, 23 dicembre 2005 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Elena Dusi
Sbaglia chi difende la “libertà” di sfruttare ogni risorsa, suolo compreso: dobbiamo darci una regolata nell’addomesticare il pianeta. Da la Repubblica, 29 giugno 2007 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Antonio Cianciullo
Non si salva neppure il liquido elemento. Di chi sarà la colpa? Da la Repubblica del 19 settembre 2007
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Giovanni Valentini
“Riconversione ecologica dell’economia” o “conciliazione” di economia e ambiente? Non è la stessa cosa. Da la Repubblica del 3 maggio 2007
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Miguel Bustillo
Segnali, anche dalla California di Arnold Schwarzenegger, per adeguarsi al protocollo di Kyoto. Dal Los Angeles Times, 2 giugno 2005 (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Fabrizio Bottini
Un percorso critico attraverso gli articoli dalla stampa italiana e internazionale che ci hanno descritto i vari aspetti del problema, dei soccorsi, della ricostruzione, delle polemiche sul futuro di New Orleans
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Luca Mercalli
In realtà anche il problema “collasso” ha una sua soluzione: si chiama conversione ecologica dell’economia. Da la Repubblica del 6 maggio 2007
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Come i cambiamenti climatici e la crescita 'senza fine' stanno prosciugando le risorse idriche. Due interventi su la Repubblica, 6 marzo 2007 (m.p.g.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Lucy Siegle
Comportamenti quotidiani e problemi ambientali mondiali: pro e contro da The Observer, 5 marzo 2006. Con link a un estratto da documento di pianificazione (f.b.)
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Luca Fazio
Il direttore di "Civiltà dell'acqua" spiega come risparmiare il bene più prezioso, e perchè sia diventato scarso. Da il manifesto del 28 giugno 2005
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Da il manifesto del 25 ottobre 2006 una presentazione di Marina Forti del Living Planet 2006, il rapporto del Wwf sullo stato degli ecosistemi, un commento di Guglielmo Ragozzino e un link
Città e territorioNostro pianetaClima e risorse
Luca Mercalli
Il territorio, oltre e prima che oggetto di "governo" per qualsivoglia "sviluppo", è quella cosa, viva, su cui camminiamo. La Repubblica, 24 aprile 2007; e un intervento di Jacopo Giliberto dal Sole 24 Ore (f.b.)
Comitati e movimenti
Eddyburg ha una visione molto ampia dello spazio pubblico nella città, e una percezione molto viva dei rischi che esso corre. Per noi lo spazio pubblico ha il suo punto di partenza nell’archetipo della piazza, si estende all’insieme dei luoghi finalizzati alle necessità comuni, e permea l’intera concezione della “città come bene comune”
Sono sempre di più, e sempre più autorevoli, le voci di chi chiede di invertire la rotta per salvare il pianeta, a dimostrazione del fatto che il futuro della terra è tema di stringente attualità: sono riflessioni ad ampio raggio sulla politica e sull’economia, che riescono ad andare oltre un semplicistico ambientalismo
Città difficile e contraddittoria. Giorgio La Pira ed Edoardo Detti, ma anche la Fiat Fondiaria e gli scempi nell'area di Castello. Il bianco e il nero non danno mai il grigio: si riesce sempre a distinguerli, anche oggi. (immagine tratta da http://www.florenceprints.com/images/Firenze/)
I cambiamenti climatici e lo sfruttamento incontrollato delle risorse naturali stanno mettendo a dura prova il pianeta, spesso con conseguenze dirette anche sulle nostre città. Da Katrina all’estinzione di specie animali, i segnali si fanno sempre più frequenti
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg