Urbanistica e pianificazione
Ultimi post
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
Walter Tocci
Riprendiamo la presentazione e i primi due paragrafi di uno splendido saggio
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Alessandro Arienzo
Una politica di massa" per Carocci. Un saggio di Michele Filippini indaga il dialogo dell’autore dei "Quaderni" con le scienze sociali
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
Vezio De Lucia
Vent’anni fa scompariva Antonio Cederna. Col passare del tempo il suo pensiero è più necessario che mai ed è sempre più forte l’assenza del suo sdegno per la rovina delle città. Ma il torto maggiore alla sua memoria è di banalizzarla o distorcerla. È quello che sta succedendo a Roma riducendo il complesso e geniale disegno di Cederna per i Fori Imperiali a una modesta proposta di pedonalizzazione.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
Lorenzo Grassi
L'attualità rende interessante riproporre l'intervista di Lorenzo Grassi ad Antonio Cederna sui Mondiali 90 a Roma.
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Antonio Gramsci
Un recente articolo di Stefano Settis sull'importanza della conoscenza del latino ci ha ricordato questo scritto di Antonio Gramsci. Lo pubblichiamo sottolineando l'ampiezza della visione del pensatore comunista, e la sua capacità di comprendere il ruolo della conoscenza in una società caratterizzata, come quella di oggi, dalla dialettica della lotta di classe. Antonio Gramsci,
Società e politicaMaestriAltre persone
Ferruccio Sansa
«Don Andrea Gallo (1928-2013) è stato un “prete di strada”, come lui stesso si definiva. All’inizio degli anni 70 ha fondato la Comunità di San Benedetto al Porto per accogliere chiunque fosse in difficoltà: tossici, prostitute, madri sole, immigrati».
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Roberto Romano
Articoli di Felice Roberto Pizzuti e Roberto Romano per ricordare il grande valore culturale e umano di un uomo che era impossibile non apprezzare.
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Luciana Castellina
«L'America che verrà. Un pellegrinaggio a New York in cerca del monumento dell’intellettuale e leader comunista. Citato nelle università Usa, è stato dimenticato all’interno del Left Forum: la sua figura avrebbe aiutato a orientarsi di fronte al "fenomeno Sanders"»
Società e politicaMaestriAltre persone
Pierluigi Battista
Marco Pannella 1930-2016. Dalla storica battaglia referendaria sul divorzio all’opposizione alle leggi d’emergenza degli anni ’70. Fino alle campagne antiproibizioniste. Una vita in prima linea sul fronte dei diritti civili». Articoli da
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Giovanna Ricoveri
Un convegno a Roma.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Luigi Piccioni e Giorgio Nebbia
In occasione dei suoi novant'anni, una conversazione con Luigi Piccioni. Un viaggio lungo oltre ottanta anni di vita personale e italiana ricostruito con brio, lucidità, ironia e autoironia. Auguri anche da
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Fabrizio d’Esposito
Un gigante del pensiero politico di cui gli italiani d'oggi sembrano vergognarsi. Per fortuna dei viventi che vogliono cambiare la società in cui viviamo, e dei nostri posteri, c'è chi conserva la memoria e i suoi materiali
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Michela Barzi
«Da giornalista e madre di famiglia - non certo da urbanista - fornisce una lettura della città contemporanea in cui viene utilizzata l’esperienza quotidiana, fatta di vita di quartiere e di spostamenti con mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta».
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
Luigi Piccioni
Testo di Luigi Piccioni tratto da "Antonio Cederna, Tiziano Raffaelli e il Parco di San Rossore", a cura di Renzo Moschini, Pisa,
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Redazione Tiscali
La memoria si sa è labile, quella italiana lo è ancora di più: Gramsci con tutte le sue lucide e rivoluzionarie intuizioni resta tra i più studiati intellettuali del mondo, del quale non fa parte con ogni evidenza l'Italia
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Eddyburg
Il 27 aprile del 1937, 79 anni fa, si spense Antonio Gramsci. Il padre della sinistra anticapitalista italiana ancor oggi ritenuto uno dei più importanti prodotti della cultura italiana. È più rispettato, studiato e utilizzato all'estero che nella nostra provincia da chiunque voglia conoscere il mondo per cambiarlo.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
Vezio De Lucia
Presso il Salone Aldo Moro della Camera dei Deputati, l’Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli ha promosso una cerimonia in ricordo di Antonio Cederna a vent’anni dalla sua scomparsa. Pubblichiamo l'intervento introduttivo, tratto da
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
Walter Tocci
Un saggio sull'eredità di Antonio Cederna a vent'anni dalla sua scomparsa, in occasione di una conferenza organizzata dall'associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli alla Camera dei Deputati.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliGigi Scano
Mauro Baioni
Sono molte le pagine belle dell’urbanistica in cui possiamo riconoscere la mano di Luigi Scano.
Società e politicaMaestriAltre persone
Rosetta Loy
Rosetta Loy intervistata da Antonio Gnoli. Una grande scrittrice racconta se stessa le sue passioni, la sua vita, i suoi libri. L'anteprima di un'autografia.
Società e politicaMaestriAltre persone
Fabio Mussi
In ricordo di Umberto Eco. Articoli di Claudio Magris, Fabio Mussi, Ezio Mauro e l'intervista di Benedetto Vecchi ad Alberto Asor Rosa.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
Antonio Cederna
Mentre il parlamento si appresta ad approvare la truffa della legge sul consumo di suolo e la devastazione delle aree già urbanizzate, confermando la folle catena procedurale governo-tegioni-comuni, destinata a non funzionare, ecco uno scritto limpido che viene da lontano.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
Manlio Marchetta
Un ricordo di Mario Guido Cusmano, professore emerito e maestro dell'urbanistica toscana, nel giorno della sua scomparsa (m.b.)
Società e politicaMaestriAltre persone
Giovanni De Luna
Nel 40° anniversario dell'assassinio di Pierpaolo Pasolini. «Pensatore pessimista e profetico, volle mostrare il vero volto, feroce e repressivo, dell’autorità.,nascosto sotto le spoglie dell’edonismo»
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Adriano Prosperi
«Il nuovo saggio di Fabre ricostruisce le trattative “vaticane” per far uscire dal carcere il leader comunista. Mussolini fu irremovibile e influenzò il processo. Nell’Archivio Andreotti i documenti sullo “scambio”». La Repubblica, 2 ottobre 2015
Padri e fratelli
Sarà l'emozione dei giorni della sua scomparsa, ma non possiamo contenere in poche righe la presentazione di una cartella dedicata a lui. Perciò ne spieghiamo le ragioni e l'articolazione nel testo che segue.
Un archeologo che, per amore della bellezza da salvare, divenne giornalista, urbanista, legislatore: apostolo della tutela del patrimonio comune. Condusse memorabili battaglie, testimoniate da migliaia di articoli e da numerosi contributi alla legislazione. Famose le campagne che promosse, per la difesa dell’Appia Antica, dei centri storici di Roma, Venezia e altre città italiane, per le coste della Sardegna. Ma soprattutto contribuì poderosamente a far crescere nella consapevolezza comune la convinzione che la storia e la bellezza, che formano e caratterizzano il territorio dell’Italia, sono una ricchezza che occorre difendere contro l’espandersi della “repellente crosta di cemento e asfalto”: non per ridurle a merce, ma perchè rimangano beni di cui possano godere le generazioni presenti e quelle future.
È stato uno dei maestri dell’urbanistica italiana. L’equilibrio, l’eleganza, la discrezione, l’ironia, l’impegno personale, il disinteresse, sono state tra le sue virtù. Un “maestro senza retorica”, lo ricorda Mariella Zoppi. Un uomo che, di fronte alle vicende della società, assumeva la veste del “pessimismo preventivo”, come diceva Carlo Ludovico Ragghianti, ma non rinunciava all’azione giacobina. Un maestro che si avviluppava “in un alone di modestia e riserbo”, come ricordava Alessandro Tutino, e proprio per questo rendeva più penetrante la sue lezione. Un uomo per il quale il mestiere dell’ urbanista era in primo luogo un dovere civile: un “urbanista militante”, come lo definisce Vezio De Lucia.
Non per tutte le persone che vorrei ricordare ai lettori di eddyburg.it ho materiale che giustifichi una cartella.Le raccolgo tutte qui, certo che non si disturberanno l'uno con l'altro
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg