Urbanistica e pianificazione
Padri, fratelli e compagni di viaggio, come Edoardo Detti, Antonio Cederna, Luigi Scano, Giorgio Nebbia.
Ultimi post
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
19/03/2016 Walter Tocci
Un saggio sull'eredità di Antonio Cederna a vent'anni dalla sua scomparsa, in occasione di una conferenza organizzata dall'associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli alla Camera dei Deputati.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliGigi Scano
18/03/2016 Mauro Baioni
Sono molte le pagine belle dell’urbanistica in cui possiamo riconoscere la mano di Luigi Scano.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAntonio Cederna
09/02/2016 Antonio Cederna
Mentre il parlamento si appresta ad approvare la truffa della legge sul consumo di suolo e la devastazione delle aree già urbanizzate, confermando la folle catena procedurale governo-tegioni-comuni, destinata a non funzionare, ecco uno scritto limpido che viene da lontano.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
06/01/2016 Manlio Marchetta
Un ricordo di Mario Guido Cusmano, professore emerito e maestro dell'urbanistica toscana, nel giorno della sua scomparsa (m.b.)
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
31/08/2015 Vezio De Lucia
Un mese fa ci lasciava Vincenzo Cabianca, un urbanista che ha insegnato molto e ha ancora molto da insegnare.lo ricordiamo oggi con due testi scritti rispettivamente da Umberto De Martino e Vezio De Lucia, introdotti da una breve premessa
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
24/07/2015 Luigi Cogodi
Una persona e un'epoca che non possono essere dimenticati. Li ricordiamo attraverso un'intervista rilasciata nel 2002 a Filippo Peretti.
Città e territorioVenezia e la LagunaVivere a Venezia
22/05/2015 Luigi Scano
Qualche anno fa (14 agosto 2009) avevamo pubblicato su
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliGigi Scano
18/03/2015 Luigi Scano
Iniziamo la riedizione degli scritti di Gigi Scano con un testo inedito, non ancora compreso nell'archivio cartaceo di Gigi né negli archivi digitali. È la traduzione in formato digitale, effettuata da Mauro Baioni, di un dattiloscritto di Gigi datato 1998, trovato nelle carte personali di Vezio De Lucia.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliGigi Scano
18/03/2015 Eddyburg
Ripensiamo a Gigi e al patrimonio che ci ha lasciato, nel settimo anniversario della sua scomparsa, il 18 marzo 2007
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
28/01/2015 Benedetto Vecchi
«Torna finalmente nelle librerie il saggio di Henri Lefebvre «Il diritto alla città». Un libro presto archiviato come incompleto, anche se negli anni successivi alla sua pubblicazione ha aperto sentieri di analisi sulle trasformazioni urbane come quelli di Mike Davis, Saskia Sassen e David Harvey».
Città e territorioTemi e problemiAbitare è difficile
23/01/2015 Sergio Pascolo
Schema del dialogo tra Edoardo Salzano, Sergio Pascolo, Mariarosa Vittadini, Enrico Tantucci, organizzato da Corte del fòntego editore, a Venezia, palazzetto Bru Zane, il 15 gennaio 2015. In calce il link alla registrazione su youtube
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
11/01/2015 Edoardo Salzano
Dall'archivio della vecchia edizione di
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
19/09/2014 Valerio Paolo Mosco
Un'analisi di una grande personalità, che per l'importanza del ruolo svolto nel sapere e nel mestiere, non merita solo agiografie. L'abbozzo di un ritratto nel quale forse non ci sono tutti i "chiari" del vero, ma cominciano ad apparire gli "scuri" senza i quali il vero non c'è.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
17/09/2014 Eddyburg
Bernardo Secchi, è scomparso il 15 settembre. Lo ricordano qui Giovanni Caudo, Stefano Boeri, Pier Luigi Panza e Francesco Erbani, 16-17 settembre 2014
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
30/03/2014 Aldo Garzia
«Oggi è la festa dell’ex presidente della camera. Dirigente nel «gorgo» comunista, poeta, curioso profeta del futuro. Da Lenola a Montecitorio, e poi il Pci e il Crs. Un provinciale cittadino del mondo, «costretto» a schierarsi contro le ingiustizie del Novecento e del capitalismo. Un maestro per molte generazioni».
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
19/01/2014 Lodo Meneghetti
Per ricordare ancora Carla Ravaioli ripresentiamo la recensione del suo libro "Ambiente e pace una sola rivoluzione. Disarmare l’Europa per salvare l'Europa", che avevamo pubblicato su
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
18/01/2014 Valentino Parlato
Un ricordo di Carla Ravaioli, utile per chi voglia proseguire il suo lavoro. Il suo dia­logo con Valen­tino Par­lato, apparso sul
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
17/01/2014 Aldo Tortorella
Il commosso ricordo della nostra amica e collaboratrice espresso da uno dei più lucidi dirigenti del Partito comunista italiano.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
06/01/2014 Daniele Archibugi e Marco Ruffolo
«Passano gli anni, i problemi cambiano eppure rimangono simili. Rileggere oggi i suoi scritti ci fa capire quanti appuntamenti siano stati mancati dalla politica italiana per risolvere i problemi strutturali del Paese».
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
09/11/2013 Aldo Garzia
«Bisogno per la sinistra di una grande politica filtrato dall'analisi della figura del dirigente comunista». Un convegno dedicato (finalmente) a un politico cui gli italiani devono molto. E non solo loro.-
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
31/10/2013 Luca Mastrantonio
Una grave omissione nella bella fiction sull'ingegner Adriano Olivetti, protagonista d'un progetto culturale che contribuì a far emergere l'Italia dalla palude del fascismo.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
14/09/2013 Federico Rampini
Scomparso a New York l'autore de "L'esperienza della Modernità", caposaldo spesso sottovalutato degli studi urbani contemporanei, e critico spietato del conformismo progressista, di cui aveva raccontato magistralmente le miserie.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
10/09/2013 Edoardo Salzano
A proposito di una utile rievocazione di un maestro dell'urbanistica italiana e del nocchiero di un piano regolatore di Roma che insegnò molte cose buone (a differenza del successivo)
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
10/09/2013 Giuseppe Pullara
Ricordando Luigi Piccinato, un maestro dell'urbanistica, un piano regolatore generale che fece storia, e di cui più tardi cui si tradirono gli elementi positivi per enfatizzarne i negativi.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelli
24/06/2013 Antonio Cederna
Una cerimonia esclusiva della "bella gente" romana ha festeggiato il cinquantesimo anniversario dell'Hotel Hilton a Monte Mario, divenuto simbolo dello scempio dei paesaggi e delle città. Un amico di eddyburg ci suggerisce di pubblicare questo antico scritto di Antonio Cederna (
Padri e fratelli
Sarà l'emozione dei giorni della sua scomparsa, ma non possiamo contenere in poche righe la presentazione di una cartella dedicata a lui. Perciò ne spieghiamo le ragioni e l'articolazione nel testo che segue.
Un archeologo che, per amore della bellezza da salvare, divenne giornalista, urbanista, legislatore: apostolo della tutela del patrimonio comune. Condusse memorabili battaglie, testimoniate da migliaia di articoli e da numerosi contributi alla legislazione. Famose le campagne che promosse, per la difesa dell’Appia Antica, dei centri storici di Roma, Venezia e altre città italiane, per le coste della Sardegna. Ma soprattutto contribuì poderosamente a far crescere nella consapevolezza comune la convinzione che la storia e la bellezza, che formano e caratterizzano il territorio dell’Italia, sono una ricchezza che occorre difendere contro l’espandersi della “repellente crosta di cemento e asfalto”: non per ridurle a merce, ma perchè rimangano beni di cui possano godere le generazioni presenti e quelle future.
È stato uno dei maestri dell’urbanistica italiana. L’equilibrio, l’eleganza, la discrezione, l’ironia, l’impegno personale, il disinteresse, sono state tra le sue virtù. Un “maestro senza retorica”, lo ricorda Mariella Zoppi. Un uomo che, di fronte alle vicende della società, assumeva la veste del “pessimismo preventivo”, come diceva Carlo Ludovico Ragghianti, ma non rinunciava all’azione giacobina. Un maestro che si avviluppava “in un alone di modestia e riserbo”, come ricordava Alessandro Tutino, e proprio per questo rendeva più penetrante la sue lezione. Un uomo per il quale il mestiere dell’ urbanista era in primo luogo un dovere civile: un “urbanista militante”, come lo definisce Vezio De Lucia.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg