Urbanistica e pianificazione
Ultimi post
Società e politicaMaestriAltre persone
Mario Agostinelli
Per tributare un riconoscimento che non potrebbe certo ripagare il debito incommensurabile che la mia generazione ha nei confronti di Giorgio Nebbia (segue)
Società e politicaMaestriAltre persone
Diego Novelli
Per noi giovani era rimasto “il Grigia”, il nome di battaglia che aveva scelto, poco più che ventenne, “da che parte stare” quando l’allora capo di governo, il generale Badoglio «con il suo degno compare Vittorio» (il Re che aveva firmato le leggi razziali di Mussolini) l’8 settembre del 1943, fuggì da Roma per mettersi al sicuro al Sud già liberato dagli anglo-americani. (segue)
Società e politicaMaestriAltre persone
Edoardo Salzano
Il dolore e il rimpianto per la scomparsa di due compagni, due fratelli e maestri, che hanno contribuito, in tempi e modi diversi, ma convergenti, a creare e fecondare il terreno nel quale affondano le radici, le ragioni, le lotte e le speranze della piccola comunità di eddyburg. Mi riferisco a Franco Berlanda e a Giorgio Nebbia, al vuoto che la loro scomparsa ha lasciato e all'impegno che l'eredità di ciascuno di loro richiede in quanti si propongono di proseguire il lavoro al quale essi hanno dedicato le loro vite.
Società e politicaMaestriAltre persone
Luigi Saraceni
Dal libro «Un secolo e poco più» (Sellerio, 2019) una cronaca emozionante di un'Italia tra fascismo e rinascita, in cui il sindaco di Castrovillari (CS) con coraggio e determinazione amministra un paese distrutto dalla guerra. (a.b)
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Lodo Meneghetti
arcipelagomilano.org,
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Massimiliano Virgilio
, 29 novembre 2017. Alessandro Leogrande è andato via. Un suo ricordo, si Massimiliano Virgilio e un articolo di Leogrande su Rocco Scotellaro
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Claudio Greppi e Alberto Magnaghi
, 23 novembre 2017. A 76 anni è
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliEdoardo Detti
Società e politicaMaestriAltre persone
Giovanna Ricoveri
il manifesto, 17 novembre 2017. È scomparso uno dei primi intellettuali che abbia riconosciuto e analizzato il nesso profondo tra lo sfruttamenti che il capitalismo compie sulle diverse risorse della societò e della Terra, dal lavoro alla persona umana alla natura
Società e politicaMaestriAltre persone
Elisabetta Forni
È andata via Amalia Signorelli, l'antropologa che «si è inoltrata nel mondo "altro da noi" nel quale siamo tuttavia immersi e che quasi mai siamo in grado di comprendere e spiegare: gli immigrati, i subalterni (gramscianamente intesi) i discriminati nei rapporti di genere»
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Antonio Gnoli
Sono cresciuto in una strada malfamata, tra gente che viveva pericolosamente. Era povera ma bella. Oggi invece le città sono sempre più degradate e noi sempre più stressati
Società e politicaMaestriAltre persone
Alberto Vitucci
«Sorriso e determinazione. E una voglia generosa di fare qualcosa per la sua città».
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Roberta De Monticelli
I grandi temi dell'obbedienza e disobbedienza attraverso alcuni capisaldi della nostra cultura,
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Franco Lorenzoni
«Ho insegnato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è la politica».
Società e politicaMaestriAltre persone
Francesco Erbani
«Al Maxxi i progetti e le idee di Yona Friedman, il guru che ha realizzato poco ma ha pensato molto sui doveri della sua professione
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Tomaso Montanari
«Testo del discorso tenuto dal Presidente di Libertà e
Società e politicaMaestriAltre persone
Manfredi De Leo
Il grande pensatore liberale il quale «aprì un varco nella storia del pensiero economico attraverso cui passeranno prima le utopie dei cosiddetti socialisti ricardiani, poi la lucida anatomia del Capitale di Karl Marx, ed infine la critica di Piero Sraffa che scoprirà proprio in Ricardo le radici di un approccio all’economia radicalmente alternativo al pensiero unico liberista».
Società e politicaMaestriAltre persone
Franco Lorenzoni
«È possibile e ha senso raccontare ai ragazzi di oggi Barbiana? In che misura è lecito educare alla trasgressione di leggi ritenute ingiuste? E in che modo?».
Società e politicaMaestriAltre persone
Alessandro Santagata
«Molte le iniziative sul prete di Barbiana, scomparso da 50 anni, domani ne avrebbe compiuti 94. Carte inedite nel volume "Lettera ai cappellani militari. Lettera ai giudici", a cura di Sergio Tanzarella
Società e politicaMaestriAltre persone
Roberto Saviano
«Solo attraverso il diritto si sarebbe evitato di ledere i diritti di tutti. Una grande lezione per noi oggi, che vediamo quotidianamente farne strane da chi considera il fine superiore a qualunque mezzo e il diritto un ostacolo da spazzare v
Società e politicaMaestriAltre persone
Simonetta Fiori
Articoli di Filippo Ceccarelli ,Simonetta Fiori, Rossana Rossanda, Luciana Castellina.
Società e politicaMaestriAltre persone
Valentino Parlato
La scomparsa di Valentino Parlato ci induce a riprendere dall'archivio di
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Antonio Gramsci
Dal Sapere al Comprendere, dal Comprendere al Sentire, e
Società e politicaMaestriAntonio Gramsci
Tommaso Nencioni
80 anni dalla scomparsa. Articoli di
Padri e fratelli
Sarà l'emozione dei giorni della sua scomparsa, ma non possiamo contenere in poche righe la presentazione di una cartella dedicata a lui. Perciò ne spieghiamo le ragioni e l'articolazione nel testo che segue.
Un archeologo che, per amore della bellezza da salvare, divenne giornalista, urbanista, legislatore: apostolo della tutela del patrimonio comune. Condusse memorabili battaglie, testimoniate da migliaia di articoli e da numerosi contributi alla legislazione. Famose le campagne che promosse, per la difesa dell’Appia Antica, dei centri storici di Roma, Venezia e altre città italiane, per le coste della Sardegna. Ma soprattutto contribuì poderosamente a far crescere nella consapevolezza comune la convinzione che la storia e la bellezza, che formano e caratterizzano il territorio dell’Italia, sono una ricchezza che occorre difendere contro l’espandersi della “repellente crosta di cemento e asfalto”: non per ridurle a merce, ma perchè rimangano beni di cui possano godere le generazioni presenti e quelle future.
È stato uno dei maestri dell’urbanistica italiana. L’equilibrio, l’eleganza, la discrezione, l’ironia, l’impegno personale, il disinteresse, sono state tra le sue virtù. Un “maestro senza retorica”, lo ricorda Mariella Zoppi. Un uomo che, di fronte alle vicende della società, assumeva la veste del “pessimismo preventivo”, come diceva Carlo Ludovico Ragghianti, ma non rinunciava all’azione giacobina. Un maestro che si avviluppava “in un alone di modestia e riserbo”, come ricordava Alessandro Tutino, e proprio per questo rendeva più penetrante la sue lezione. Un uomo per il quale il mestiere dell’ urbanista era in primo luogo un dovere civile: un “urbanista militante”, come lo definisce Vezio De Lucia.
Non per tutte le persone che vorrei ricordare ai lettori di eddyburg.it ho materiale che giustifichi una cartella.Le raccolgo tutte qui, certo che non si disturberanno l'uno con l'altro
123414Next
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg