Società e politica
Ultimi post
Società e politicaCapitalismo oggiProposta
Salvo Torre
, un saggio per comprendere appieno l'incompatibilità tra capitalismo e vita umana, che la crisi ecologica ha messo in tutta evidenza. Occorre trovare una nuova forma di mondo capace di rivoluzionare il rapporto distruttivo che passa attraverso i processi di valorizzazione e di successiva determinazione di prezzo di qualsiasi aspetto del vivente. (a.b.)
Società e politicaMaestriAltre persone
Mario Agostinelli
Per tributare un riconoscimento che non potrebbe certo ripagare il debito incommensurabile che la mia generazione ha nei confronti di Giorgio Nebbia (segue)
Società e politicaMaestriAltre persone
Diego Novelli
Per noi giovani era rimasto “il Grigia”, il nome di battaglia che aveva scelto, poco più che ventenne, “da che parte stare” quando l’allora capo di governo, il generale Badoglio «con il suo degno compare Vittorio» (il Re che aveva firmato le leggi razziali di Mussolini) l’8 settembre del 1943, fuggì da Roma per mettersi al sicuro al Sud già liberato dagli anglo-americani. (segue)
Società e politicaMaestriAltre persone
Edoardo Salzano
Il dolore e il rimpianto per la scomparsa di due compagni, due fratelli e maestri, che hanno contribuito, in tempi e modi diversi, ma convergenti, a creare e fecondare il terreno nel quale affondano le radici, le ragioni, le lotte e le speranze della piccola comunità di eddyburg. Mi riferisco a Franco Berlanda e a Giorgio Nebbia, al vuoto che la loro scomparsa ha lasciato e all'impegno che l'eredità di ciascuno di loro richiede in quanti si propongono di proseguire il lavoro al quale essi hanno dedicato le loro vite.
Società e politicaMaestriAltre persone
Luigi Saraceni
Dal libro «Un secolo e poco più» (Sellerio, 2019) una cronaca emozionante di un'Italia tra fascismo e rinascita, in cui il sindaco di Castrovillari (CS) con coraggio e determinazione amministra un paese distrutto dalla guerra. (a.b)
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliAltri padri e fratelli
Lodo Meneghetti
arcipelagomilano.org,
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Guido Viale
, 20 novembre 2018. Dall'Europa agli Stati Uniti una "lotta di classe" è in atto. Con commento. (a.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Rocco Bellantone
, 25 ottobre 2018. L'ultimo dossier statistico annuale sull'immigrazione conferma che non c'è nessuna "invasione" in corso. L’Italia non è il Paese con il numero più alto di migranti né quello che ospita più rifugiati e richiedenti asilo, ma quello che ne uccide di più in mare rifiutando di accoglierli. (a.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Guido Viale
, 28 agosto 2018. Il respingimento dei migranti e l'austerity impostaci in questo decennio impedisce a questo paese e all'Europa di delineare un nuovo futuro, che non può essere che ecologista, capace di affrontare i problemi ambientali e sociali di questo secolo. (i.b.)
Urbanistica e pianificazioneTemi e problemiSinistra
Tomaso Montanari
, 15 agosto 2018. Sferzante analisi dei vaneggiamenti di persone che come Cassese, si dichiarano convinti della bontà del mercato e della necessità di continuare a lasciargli governare lo stato. (a.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Manuel Castells
, 23 luglio 2018. I corridoi umanitari sono un 'opportunità non solo per i migranti, ma anche per la popolazione che li accoglie, per creare un nuovo e rigenerato tessuto sociale di un Europa in profonda decadenza e crisi di valori. (i.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Gennaro Avallone e Salvo Torre
, 9 luglio 2018. L'introduzione al libro «Decolonizzare le migrazioni. Razzismo, confini, marginalità». Per contrastare la costruzione del migrante come nemico e comprendere le migrazioni attuali, una delle più grandi sfide di questo secolo, anche per l'urbanistica. Con commento. (i.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Amuf Al-Mohoudi
, 13 luglio 2018. Un'altro articolo da non perdere, che riporta ai fatti sul rapporto tra migranti, economia, criminalità, e previdenza pubblica. Non lasciamoci strumentalizzare e trasformare in un popolo arido, barbaro e senza futuro. (i.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Annalisa Camilli
Internazionale, 11 luglio 2018. La strumentalizzazione della questione migranti può arrivare da più parti. C'è solo un modo per contrastarla. Primo, non stancarsi di presentare i fatti. Secondo, non dimenticarsi i diritti umani di cui, noi occidentali, ci vantiamo di esserne i paladini. (i.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Lodo Meneghetti
Riprendiamo due testi originariamente pubblicati tra il dicembre 2015 e il gennaio 2016, senza modifiche, salvo nuovi sottotitoli.
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Alex Zanotelli et alii
L’appello di un gruppo di religiosi militanti, che invitano noi tutti a un gesto concreto di solidarietà nella lotta per tenere aperti i porti e tese le mani verso i dannati dallo sviluppo in cerca di rifugio (a.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Gad Lerner
, 6 giugno 2018. Recensione di un libro sui crimini compiuti dalla “razza padrona“ della civile Europa dalle Crociate al capitalismo odierno, quando si seminarono le piante da cui nacque l'esodo del XXI secolo. Con commento. (e.s.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
redazione Esteri Avvenire
Avvenire, 6 luglio 2018. Una sentenza della Corte costituzionale francese che ha meritato una menzione dalla stampa, benché si limiti a confermare un principio che dovrebbe appartenere al senso comune. Con commento. (e.s.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Ignazio Masulli
Se vogliamo raggiungere la vetta della montagna con gli occhi, con la visuale, ci basta avvicinarla al nostro con un binocolo. Se invece vogliamo raggiungere a piedi dobbiamo mettere in conto che abbiamo certo numero di chilometri da percorrere con le nostre gambe, e dobbiamo attrezzarci per farlo. Ogni obiettivo è vicino lontano a seconda del modo e della regione per cui vogliamo raggiungerlo. Vogliamo guardare ai numeri delle migrazioni per spaventare chi ne ha paura? E allora diremo che sono cifre spaventose, che sono torme massicce, che ci costringeranno da un giorno all’altro ai mutare le nostre abitudini, nostre ricchezze, nostri comodi vizi. Se vogliamo seminare terrore useremo grandi numeri per far sì che tutti lo condividono. Credo che oggi dobbiamo innanzitutto guardare ai movimenti migratori come qualcosa che risponde ai bisogni immediati di popolazioni che noi Primo mondo, abbiamo gettato nella disperazione e nella miseria. Dobbiamo quindi vedere i numeri grandi quanto sono per attrezzarci a governarli, per prepararci meglio all’accoglienza Guardiamo i numeri non come i tanti che non vogliono rinunciare a una briciola del proprio benessere. Vogliamo vederli con gli occhi di papa Francesco, anzi, come persone dotate di una normale umanità.
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Giorgia Dalle Ore
Da "Storie storte". Una struggente cantata pensata, composta e suonata da donne dal cervello lucido e dal cuore aperto, presenze rare in un mondo di teste di paglia. In calce il link al testo su YouTube (e.s.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Carlo Lania
28 giugno 2018. Braccio di ferro tra l'Italia che vuole maggior aiuto dall'Europa nel gestire i migranti e gli altri stati, che non ne vogliono sapere. Unico punto d'accordo: l'esternalizzazione delle frontiere! (i.b.)
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Ilaria Boniburini
Il prossimo vertice europeo sulla questione dei migranti non promette nulla di buono, e rischia di vedere approvato una nuova strategia criminale, le "piattaforme di sbarco regionali".
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Pierre Haski
, 25-26 giugno 2018. Due articoli sull'imminente incontro indetto per discutere come affrontare il flusso dei migranti, che è in calo dal 2015 nonostante i toni allarmisti.
Società e politicaEventi2015-EsodoXXI
Angelo Picariello
, 20 giugno 2018. Intervento del presidente della Repubblica Mattarella, farcito di buone parole, ma elusivo sulle cause della catastrofi in Africa e ipocrita su di chi siano le responsabilità. Con commento. (a.b.)
Maestri
Un politico pieno, perciò anche un uomo pieno: nella pianezza dei suoi dubbi e delle sue certezze, delle sue speranze e delle sue angosce, delle sue passioni e delle sue ragioni. Che non riguardano solo l'arte del governo, ma anche le dimensioni che rendono bella e profonda la vita dell'uomo. Questa cartella si apre con scritti provocati dal suo novantesimo compleanno, proseguirà con altre cose
L’ultimo grande tentativo di costruire una nuova politica in Italia fu quello compiuto da Enrico Berlinguer, segretario generale del Partito comunista italiano dal 1972 alla sua morte improvvisa, l’11 giugno 1984. Il “compromesso storico”, la “austerità”, la necessaria moralità della politica, sono state tre intuizioni fondamentali della sua vicenda politica. Oggi Berlinguer è rimpianto non solo a sinistra: lo testimoniano gli scritti che sono comparsi sui giornali d’ogni orientamento quando un giudizio ingeneroso su di lui è stato pronunciato con leggerezza, a metà del 2003. Ma i tempi sono oggi molto lontani dallo stile che lo caratterizzava, come dai contenuti della politica che Berlinguer propose, ma non riuscì a realizzare se non in piccola parte. È anche questo che mi sembra utile, oltre che giusto, dedicargli una cartella, in questo spazio dedicato al ricordo e alla conoscenza delle persone.
Una quota consistente di elettori appartiene all'area del centro sinistra ma non si sente rappresentata dalla componente maggioritaria di quell'area: quella "riformista". Si tratta di un elettorato disperso in molte formazioni. Si discute sul "che fare" per ricostituire una identità della sinistra italiana "radicale" che non si contrapponga al centrosinistra "riformista" ma sappia costruire con esso una reale alternativa ai governi di destra.
Non per tutte le persone che vorrei ricordare ai lettori di eddyburg.it ho materiale che giustifichi una cartella.Le raccolgo tutte qui, certo che non si disturberanno l'uno con l'altro
123473Next
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg