Scritti per eddyburg
Jean-Charles d'Avec Sommeils, in arte d'Avec, è stato concepito in Valdibrana, è nato in Brianza mentre nevicava, uno choc che lo ha segnato per sempre. Rapito all'età di dieci anni da una compagnia di guitti, non si è più ritrovato. Si dice che il suo cuore sia finito fra i polimeri di una poetessa. Per i tipi de La Vita Felice nel 2000 ha pubblicato Il corruttore di bozze, con disegni di Alberto Rebori e introduzione di Michele Cortelazzo. Per diversi anni ha tenuto sull'«Unità» la rubrica i Rebusi di d'Avec. Sue bischerate sono uscite sulle riviste «Resine» e «Confini». Di d'Avec hanno scritto Cesare Segre, Giuseppe Traina e Annamaria Manna.
Ultimi post
Scritti per eddyburgIl taccuino di d'Avec
- Su Storace la giustizia faccia il suo corso. - Così si vedrà se è ovradimensionato.
Scritti per eddyburgIl taccuino di d'Avec
Dice Ferrara che B. se non vuole annegare deve diventare anfibio. - Par già di sentirlo il «gre gre di ranelle».
Scritti per eddyburgIl taccuino di d'Avec
Nella villa di Arcore a difesa dei fossi, puoi star certo, solo "bossi, tagliati alla Umberto " *.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg