In questa sezione, dedicata all’Urbanistica e alla Pianificazione, trovate materiali relativi alle tecniche e agli strumenti idonei a governarne le trasformazioni della città e del territorio: cioè degli “oggetti” cui è dedicata la cartella Città e Territorio. Naturalmente le cose sono abbastanza intrecciate e i collegamenti consentono di passare con facilità dall’una all’altra sezione quando l’argomento lo rende opportuno.
Ultimi post
Città e territorioSOSMaremma
Ok trasversale a ordine del giorno sul Corridoio tirrenico. La maggioranza si spacca. Commissione LLPP Senato chiede al governo l’adeguamento dell’Aurelia. Donati (Verdi): “Un primo importante impegno ma la battaglia contro l’autostrada continua” (14 ottobre 2004)
Città e territorioSOSL'isola d'Elba
Le osservazioni della Lega Ambiente al Piano strutturale di Cempo nell'Elba
Città e territorioSOSMaremma
Anna Donati
Relazione di Anna Donati, senatrice dei Verdi-L'Ulivo, al Convegno Per la sicurezza della Aurelia in alternativa all'Autostrada della Maremma, organizzato a Roma il 31 ottobre 2003.
Città e territorioSOSMaremma
Pro-memoria sugli sviluppi di Caparbio consegnato al Soprintendente regionale Mario Lolli Ghetti e al Soprintendente ai Beni Architettonici e al Paesaggio di Siena e Grosseto, Gianni Bulian durante l’incontro del 28 ottobre 2003 a Capalbio Scalo
Città e territorioSOSMaremma
Andrea Provisionato
Finalmente la saggezza si fa luce. Secondo la corrispondenza del Tirreno (di Andrea Provvisionato del 31 ottobre 2003) “una parte dell’Ulivo insiste: costi troppoalti” e sostiene:”Meglio la vecchia Aurelia messa in sicurezza”
Urbanistica e pianificazioneTemi e problemiAbusivismo
La parte del maxiemendamento presentato dal governo berlusconi relativa all’ignobile articolo 32 della Finanziaria 2004. È stato approvato dal Senato della Repubblica, avendo il Governo posto la fiducia (”o votate, o tutti a casa”)
Urbanistica e pianificazioneTemi e problemiAbusivismo
Le regioni nelle quali la “cultura dell’abusivismo” non allignava (e per fortuna sono molte) hanno sparato sacrosante bordate contro il Condono Tre, giurando che non avrebbero applicato la legge nazionale avvalendosi delle loro prerogative costituzionali. Che sta succedendo adesso? In Friuli – Venezia Giulia sembra che le cose non vadano bene. Ecco una nota del WWF che segue, trasmessa alla stampa locale il 21 febbraio (ma il 24 febbraio 2004 non risulta aver trovato eco sulla stampa)
Città e territorioSOSIl Carso
Duino Aurisina
Sul sito nazionale un dossier che ripercorre l’iter e le motivazioni della contrarietà al progetto (Il Piccolo, martedì 11 febbraio 2003).
Urbanistica e pianificazioneTemi e problemiAbusivismo
Felice Cavallaro
“Palermo, l’assessore alla legalità scrive al sindaco: Quelle case vanno abbattute, sono un simbolo della mafia”. Dal Corriere della sera del 19 febbraio 2004 la cronaca di Felice Cavallaro
Città e territorioSOSIl Carso
Le associazione ambientaliste triestine (W.W.F.,Sezione di Trieste; Italia Nostra, Sezione di Trieste; Legambiente, Circolo Verdazzurro) stanno tentando di contrastare una ulteriore variante al PRG di Duino Aurisina che minaccia di incentivare il degrado del paesaggio carsico. Infrangendo le difese poste dal PRG si vorrebbe consentire un’edificazione diffusa e uno svillettamento del paesaggio della landa carsica, eccezionale e unico dal punto di vista naturalistico ed essenziale alla tutela dell’identità storica dei luoghi cantati da Scipio Slataper, Umberto Saba, Giani Stuparich, Srecko Kosovel,Italo Svevo, Giuseppe Ungaretti. Inserisco di seguito un documento di sintesi e il testo dell’osservazione alla variante predisposti dalle associazioni ambientalistiche.
Città e territorioSOSIl Carso
Le associazioni ambientaliste WWF, Italia Nostra, Comitato per la Bellezza e l'Associazione culturale Polis hanno lanciato il seguente appello.
Urbanistica e pianificazionePadri e fratelliEdoardo Detti
Nella Piana di Sesto Fiorentino (2004)
Urbanistica e pianificazione
Mi capita ogni tanto di imbattermi in prodotti di giovani studiose e studiosi di urbanistica che mi sembra opportuno segnalare. Magari diventeranno libri, o apriranno percorsi di ricerca più larghi. Ma se li colloco qui vuol dire, in primo luogo, che sono ben scritti, e poi che mi sembrano utili ad altri. L'una e l'altra cosa non si possono dire sempre di libri scritti dai miei colleghi professori Immagine di Athena Lemnia da http://www.geocities.com/Athens/Ithaca/1736/
Ci sono stati momenti decisivi per l'urbanistica italiana. Momenti in cui i temi dell'urbanistica sono diventati popolari, e magari politicamante centrali. E momenti in cui la pratica della pianificazione ha ricevuto e praticato nuovi strumenti. Ma anche momenti particolarmente bui. Qui se ne raccolgono cronache e documenti
In un paese in cui l’amministrazione pubblica è debole, l’interesse collettivo trascurato, il territorio maltrattato, non è facile per l’urbanista trovare lo spazio sociale entro il quale esercitare i suoi saperi e le sue abilità. Meno che meno all’urbanista pubblico, il più necessario di tutte le incarnazioni di questa sfaccettata figura. In questa cartella raccolgo documenti che riguardano le idee e le discussioni attorno al ruolo, alla formazione, al riconoscimento sociale dell’urbanista.
È dal 1972 che le 20 regioni italiane avrebbero potuto innovare in materia di urbanistica e governo del territorio. Per anni si sono limitate a parafrasare e arricchire la vecchia legge del 1942. Le cose sono cambiate a partire dagli anni Novanta. Numerose regioni hanno dato vita a regole innovative per il governo delle trasformazioni della città e del territorio. E' seguita una nuova svolta, con tendenze fortemente liberalistiche in alcune regioni e con altre regioni che sembrano invece volerle contrastare. La cartella è articolata in tre parti: Generalia; Leggi vigenti; Documenti e commenti .
Post dei comitati
Notizie, commenti, discussioni, critiche, su ciò che succede nelle città italiane. Alcune seguite di più, altre di meno. L'icona è un disegno di Bibi Salzano
I documenti sulla legislazione urbanistica nazionale: i testi legislativi e la discussione su di essi, con un'articolazione interna di comodo. Tre cartelle sono dedicate alla legislazione urbanistica (testi legislativi, proposte, commenti) e uno per ciascuno alla legislazione (e relativa discussione) in materia di Beni culturali, ambiente e paesaggio e di Lavori pubblici, edilizia e altro.
Negli ultimi anni hanno pubblicano sistematicamente le loro “opinioni” Paolo Baldeschi, Piero Bevilacqua, Vezio De Lucia, Mariangiola Gallingani, Maria Cristina Gibelli, Maria Pia Guermandi, Lodo Meneghetti, Giorgio Nebbia, Filippomaria Pontani, Paola Somma, Giorgio Todde.
Non tutto va male, tra le Alpi e il Lilibeo. Vi sono regioni, province, comuni dove le iniziative per il governo del territorio sono positive, dove gli obiettivi sono lungimiranti, dove la strategia non è un coacervo di interventi miopi, dove il governo oubblicosvolge il suo ruolo. Qui ne raccogliamo alcuni documenti
Qui si parla di strumenti di pianificazione vecchi e nuovi, del loro impiego, della loro efficacia e dei loro limiti, delle loro ragioni. Se ne parla riportando scritti e atti di convegni, e altre forme di discussione e di riflessione.
Finchè gli urbanisti non si sapranno esprimere con parole chiare e comprensibili a tutti gli uomini di buona volontà (di ascoltare e imparare) le migliori intenzioni saranno sempre più deboli dei grandi interessi. E città e società saranno peggiori. Dedichiamo questa cartella a chi tenta di spiegare la città e la pianificazione urbanistica per comunicarle a tutti, con semplicità e fedeltà al vero e al giusto
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg