Un omaggio a Edoardo Salzano
Samuele Bertinelli
Ingegnere, amministratore pubblico, docente universitario, giornalista. Tante vite, in una vita. Eppure volle, Edoardo Salzano, che le sue memorie fossero quelle di un urbanista.

«Non bisogna abbandonare le scarpe, ma occorre anche afferrare il sestante, e mirare lontano. Fare, e pensare. Lavorare nel concreto, e studiare»: ecco una esortazione, per noi che restiamo, che conviene serbare.

Ingegnere, amministratore pubblico, docente universitario, giornalista. Tante vite, in una vita. Eppure volle, Edoardo Salzano, che le sue memorie fossero quelle di un urbanista. Di certo sapeva, come pochi altri, i mille fallimenti dell'urbanistica. Per questo rivolgendosi ai suoi colleghi diceva: «La multidisciplinarietà deve tornare a essere la nostra bandiera». Ma non ha mai smesso di pensare che il suo sapere disciplinare, nutrito di altri saperi, fosse necessario: per fare davvero della città la casa della società, per affermare in modo non retorico il primato degli interessi generali sui troppi interessi speculativi che, solo in nome dell'avidità, si contendono lo spazio pubblico. Non aveva paura dell'utopia. Anche per questo aborriva ogni dottrinarismo. Scrisse: «Ci vorranno secoli, decenni? Nessuno può dirlo, la Storia inventa. La direzione di marcia comunque deve essere questa: pensare a costruire una nuova società e una nuova economia».

Aveva l'entusiasmo e la curiosità dei bambini. Si era innamorato di Pistoia, Salzano, e del nostro sforzo di "Leggere la città". Aveva speso per il mio lavoro parole fin troppo generose, delle quali conserverò sempre un ricordo grato. Soprattutto, si era appassionato alla originale traiettoria che avevamo delineato per la rigenerazione del Ceppo: ne aveva parlato come di «un’esperienza pilota in Italia», grazie alla quale si sarebbe potuto «rivendicare il patrimonio pubblico per un’ utilizzazione condivisa della città». Quando ho perso le elezioni, uno trai primi che mi è venuto in mente è stato proprio lui. Ho pensato, con una stretta al cuore: non potrò portare Salzano a passeggiare per il Ceppo finalmente recuperato..
Ma la Storia inventa. Chissà..

Oggi penso - in questo gorgo settembrino che si è già portato via fin troppe persone care - che vorrei tornare a stringerlo nello stesso abbraccio caldo e confidente dell'ultima volta che ci siamo visti.

Ciao, Eddy.
Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
Archivio di studi urbani e regionali, 126/219. Un ricordo che è anche un ringraziamento a Eddy, per aver continuato a credere che una città diversa è possibile e a lottare per una urbanistica al servizio dei cittadini e non degli interessi forti.
Lodo Meneghetti
Arcipelagomilano.it. Ricordare Eddy è ritrovare la grandezza della sua sapienza, giacché affatto ristretta allo specialismo decantato da ritardati modernisti, e invece aperta all’interpretazione olistica delle capacità umane.
Mauro Baioni
Left, 44, 1 novembre 2019. L’attività tecnica è anche culturale e d’impegno civile per la collettività e l’ambiente. È la lezione, sempre più attuale, del grande urbanista Edoardo Salzano il quale ha saputo fondere la passione per il territorio e quella per le istituzioni.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I sessione del convegno dedicato a "Le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta". Interventi di Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni e Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg