Per Edoardo Salzano
Laura Fregolent
La comunità IUAV lo ricorda. Riprendiamo il ricordo di Laura Fregolent e le immagini di Guido Guidi. Qui tutti gli altri



Se ne va con Edoardo Salzano un pezzo della storia dell’urbanistica del nostro paese.

Se ne va un intellettuale che credeva fermamente nel ruolo dell’Università come attore sociale e politico, se ne va un pensatore profondo che non ha mai abbandonato l’esercizio di un pensiero critico dentro e fuori le aule dell’Accademia. Eddy è stato infatti un urbanista attivo e militante perché ha sempre pensato che il mestiere dell’urbanista non potesse limitarsi ad un mero ruolo tecnico, ma che dovesse essere espressione del suo forte coinvolgimento ideale, culturale, etico e politico. Su questo piano si giocava anche l’affinità con il pensiero di Astengo ed il suo avvicinamento alla Scuola di Pianificazione.

Eddy lega la sua attività di docente allo Iuav sin dal 1972, quando inizia ad insegnare presso il Corso di laurea in urbanistica; successivamente dal 1994 è presidente del Corso di laurea in Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale e infine nel 2000 viene scelto Preside della Facoltà di Pianificazione del territorio dello Iuav. Soprattutto come responsabile della Scuola ha cercato di profondere nella sua organizzazione la sua visione dell’urbanistica e dei suoi obiettivi. E la dimensione dell’interesse collettivo ed il ruolo dell’operatore pubblico erano centrali nelle sue riflessioni, nelle sue lezioni, nel suo essere attivamente consapevole e partecipe delle azioni da intraprendere per provare a migliorare, se non a cambiare, i destini del mondo.

Eddy era poi anche un bravo cuoco: diceva che un urbanista non può essere troppo distante dalla sapienza del fare in cucina, del mescolare ingredienti per dare vita a pietanze e sapori. Vedeva in questa pratica un sapere manuale e concettuale che alludeva al progetto, alla creazione, al fare. L’uomo, l’urbanista, il professore, il politico si fondevano nella sua poliedrica personalità.

La figura di Edoardo Salzano è anche strettamente legata all’Istituto Nazionale di Urbanistica, di cui è stato presidente dal 1983 al 1991. Durante quegli anni promuove la rivista Urbanistica Informazioni, dirigendola dal 1972 al 1992, una rivista che nelle sue intenzioni doveva avere un taglio incisivo e immediato, doveva “stare nel dibattito” ed essere un riferimento per professionisti, amministratori, urbanisti, studenti. Per chi studiava pianificazione era scontato anche solo sfogliare Urbanistica informazioni per avere il quadro e il polso di quanto stava succedendo nel paese.

Il rapporto con la città di Venezia è stato intenso, continuo e in diverse forme: durante i mandati a guida socialista di Mario Rigo e Nereo Laroni è stato consigliere comunale prima (1975-1990) e Assessore all’urbanistica (1975-1985) poi.

Voce critica prima, responsabile poi di un tentativo di svolta dell’urbanistica veneziana, avviando un rinnovamento degli strumenti urbanistici in particolare per il Centro storico e il primo passo per un nuovo approccio alla pianificazione era la conoscenza approfondita dei luoghi, del contesto della città. Il Fotopiano di Venezia che definiva come lo “strumento tecnico per il governo del territorio: più precisamente, come la prima delle componenti di un sistema informativo urbano territorializzato per la pianificazione e la gestione urbanistica” diventa il primo e fondativo atto di questo nuovo percorso. Opera innovativa, lungimirante che conteneva una capacità di visione e di sistematizzazione dell’informazione all’avanguardia.

Negli ultimi decenni la sua attenzione alla città, ma possiamo dire al paese, è continuata attraverso le sue posizioni schiette e critiche nei confronti di trasformazioni urbane e territoriali, di norme, deliberazioni e scelte politiche intraprese e loro ricadute misurate sempre in termini di messa a rischio dell’interesse pubblico e collettivo. E il suo sito eddyburg, molto conosciuto, era proprio un osservatorio critico e attento ai fenomeni urbani, ma anche uno strumento potente di diffusione e non solo per addetti ai lavori.

Salutare oggi Edoardo Salzano ci pone di fronte a una riflessione triste che si alimenta non solo della perdita del maestro, del docente, dell’amico, ma piuttosto della consapevolezza che le figure militanti “alla Eddy” sono scomparse e con loro la tenace azione culturale e formativa che era consustanziale a quella politica.
Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
Archivio di studi urbani e regionali, 126/219. Un ricordo che è anche un ringraziamento a Eddy, per aver continuato a credere che una città diversa è possibile e a lottare per una urbanistica al servizio dei cittadini e non degli interessi forti.
Lodo Meneghetti
Arcipelagomilano.it. Ricordare Eddy è ritrovare la grandezza della sua sapienza, giacché affatto ristretta allo specialismo decantato da ritardati modernisti, e invece aperta all’interpretazione olistica delle capacità umane.
Mauro Baioni
Left, 44, 1 novembre 2019. L’attività tecnica è anche culturale e d’impegno civile per la collettività e l’ambiente. È la lezione, sempre più attuale, del grande urbanista Edoardo Salzano il quale ha saputo fondere la passione per il territorio e quella per le istituzioni.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno con testimonianze da "Una comunità di intenti" di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I sessione del convegno dedicato a "Le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta". Interventi di Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni e Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg