Ma dove vivi?
Paolo Grassi
Quando, l’8 dicembre 2007, partecipai alla presentazione del libro di Edoardo Salzano Ma dove vivi? - La città raccontata mi portai e mostrai i ciclostilati del 1973 ...
Quando, l’8 dicembre 2007, partecipai alla presentazione del libro di Edoardo Salzano Ma dove vivi? - La città raccontata mi portai e mostrai i ciclostilati del 1973 sulle questioni urbanistiche aperte che lui aveva redatto per la Federazione Romana del Pci e che erano stati distribuiti in tutte le sezioni romane. Mi fa ridere, oggi, l’affermazione “stare sul territorio”, allora non si usava dire così, ma lo si faceva sul serio in una rete organizzata che legava vertici e periferia. Tutto questo è stato poi man mano demolito nelle successive trasformazioni del più grande partito della sinistra.

Eddy Salzano è stato sempre sulla breccia, coerente al massimo nell’affermare e sostenere due principi: il primato della sana urbanistica come unico e indispensabile metodo di governo del territorio e il primato dell’interesse pubblico su quello privato. Puntando sempre ad una consapevolezza diffusa, quindi non solo tra gli specialisti della materia e il libro citato ne è un particolare esempio. Belle queste parole dell’introduzione: «L'obiettivo essenziale di questo libro è aiutare chi vive nella città a comprenderla per concorrere a trasformarla; vi allude del resto il titolo, scelto dall'editore prima ancora che il testo venisse licenziato. Questa scelta spiega anche perché non troverete in queste pagine nessuna completezza di trattazione; non è questo lo scopo di chi si è proposto di aprire un percorso e indicare alcune direzioni lungo le quali proseguire la ricerca, affidandosi all'intelligenza e al sentimento: solo così può nascere un sapere sufficiente a chi voglia essere, insieme, individuo e membro di una comunità larga e aperta». Intelligenza e sentimento: doti che hanno accompagnato questa grande persona per tutta la sua vita. Sarà ricordato per sempre.

P.S. Riporto la dedica che mi fece quel giorno, ben conoscendo la mia passione belliana, con quel verso “venissimo a capì che so’ misteri”, a stabilire una sorta di complicità in quella passione stessa. D’altra parte nel sito da lui creato, www.eddyburg.it, non ci son solo contributi (originariamente meglio raggiungibili) di urbanistica o politica, ma anche poesie, brani letterari, canzoni, ricordi personali e perfino ricette di cucina. Tra quei ricordi, interessante e simpatico quello riguardante il nonno materno, Arnando Diaz, che per un colpo di pistola (che non si tirò) divenne poi il grande generale della Vittoria del 1918.
Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
Archivio di studi urbani e regionali, 126/219. Un ricordo che è anche un ringraziamento a Eddy, per aver continuato a credere che una città diversa è possibile e a lottare per una urbanistica al servizio dei cittadini e non degli interessi forti.
Lodo Meneghetti
Arcipelagomilano.it. Ricordare Eddy è ritrovare la grandezza della sua sapienza, giacché affatto ristretta allo specialismo decantato da ritardati modernisti, e invece aperta all’interpretazione olistica delle capacità umane.
Mauro Baioni
Left, 44, 1 novembre 2019. L’attività tecnica è anche culturale e d’impegno civile per la collettività e l’ambiente. È la lezione, sempre più attuale, del grande urbanista Edoardo Salzano il quale ha saputo fondere la passione per il territorio e quella per le istituzioni.
Ultimi post
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg