La scomparsa di Edoardo Salzano, autore del Prg ripudiato nel 1999
Redazione La Voce.it
Voce.it, 24 settembre 2019. «Salzano, teorico della perequazione, venne preso di mira dalla lobby dei progettisti e costruttori dai quali partirono critiche dirette a quello che ritenevamo un rischio di ingessamento della città».


Si è spento all'età 89 anni, a Venezia, dove risiedeva dal 1974, l'architetto e urbanista Edoardo Salzano. Era nato a Napoli nel 1930. Presidente dell'Istituto Nazionale di Urbanistica dal 1983 al 1991 e fondatore della rivista «Urbanistica Informazioni», che ha diretto dal 1972 al 1992. Maestro per generazioni di allievi allo Iuav di Venezia e autore del manuale Fondamenti di urbanistica (Laterza), Salzano è stato autore di innovativi e coraggiosi piani urbanistici, come il piano regolatore generale del centro storico di Venezia (1981-1985) e il piano paesaggistico regionale della Regione Sardegna (2006).

Sul finire degli anni Ottanta, la Giunta di Claudio Bergianti gli aveva affidato la stesura del nuovo piano regolatore generale di Carpi la cui gestazione, faticosissima e molto contrastata, durò poco meno di un decennio. Fino a che, con la prima Giunta di Demos Malavasi (1995-1999) e con Mauro Benincasa all'Urbanistica in sostituzione di Andrea Artioli, l'incarico gli venne revocato e il completamento del piano - che è quello tuttora vigente, adottato nel 2000 - venne affidato all'architetto Mauro Fortelli.

I motivi di quel ripensamento si inscrivono nella storia stessa dell'urbanistica di Carpi nell'ultimo ventennio: Salzano, teorico della perequazione, venne preso di mira dalla lobby dei progettisti e costruttori dai quali partirono critiche dirette a quello che ritenevamo un rischio di ingessamento della città. Le critiche di eccesso di pianificazione (Salzano era accusato di aver redatto un piano che avrebbe comportato 80 miliardi di vecchie lire in espropri) trovarono udienza nella maggioranza al governo della città che negli anni successivi avrebbe sostituito alla fascia di verde perimetrale prevista da Salzano la settantina di piani particolareggiati che avrebbero scandito i primi due decennio degli anni Duemila.

(nelle foto, Edoardo Salzano nel corso di un'intervista rilasciata nel 1989 a Florio Magnanini)
Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
Archivio di studi urbani e regionali, 126/219. Un ricordo che è anche un ringraziamento a Eddy, per aver continuato a credere che una città diversa è possibile e a lottare per una urbanistica al servizio dei cittadini e non degli interessi forti.
Lodo Meneghetti
Arcipelagomilano.it. Ricordare Eddy è ritrovare la grandezza della sua sapienza, giacché affatto ristretta allo specialismo decantato da ritardati modernisti, e invece aperta all’interpretazione olistica delle capacità umane.
Mauro Baioni
Left, 44, 1 novembre 2019. L’attività tecnica è anche culturale e d’impegno civile per la collettività e l’ambiente. È la lezione, sempre più attuale, del grande urbanista Edoardo Salzano il quale ha saputo fondere la passione per il territorio e quella per le istituzioni.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno con testimonianze da "Una comunità di intenti" di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I sessione del convegno dedicato a "Le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta". Interventi di Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni e Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg