Degenerazione urbana
Donato Belloni
Per il malaffare, espansione o rigenerazione, pari sono. Un commento all'ennesima vicenda di tangenti legate all'urbanistica, in Lombardia. (m.b.)




In Lombardia, come in molte parti di questo disastrato paese, si era appena innescato un nutrito dibattito sulla “Rigenerazione Urbana” come alternativa al “Consumo di Suolo”.
Vediamo come si presenta l’iniziativa regionale:
"Da adesso in avanti - ha detto l'assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni - Regione Lombardia inaugura l'epoca della programmazione urbanistica ordinata che ci porterà, grazie a regole chiare e condivise da tutti, ad azzerare da qui al 2050 il consumo di suolo agricolo".
“Con questi provvedimenti – ha commentato il relatore Mauro Piazza (Fi) – Regione Lombardia ha introdotto un sistema di norme finalizzate a perseguire, mediante la pianificazione regionale, provinciale e comunale, le politiche in materia di consumo di suolo e rigenerazione urbana, con l’obiettivo di concretizzare quanto previsto dalla Commissione europea, ossia di giungere entro il 2050 a una occupazione netta di terreno pari a zero”.
“Da sottolineare tra l’altro – ha aggiunto il relatore – la norma del Ptr che, rispondendo a criteri di realismo e tenendo conto delle necessità delle attività produttive, consente una forte spinta alla rigenerazione del suolo urbano, favorendo la trasformazione delle aree dismesse”.

Se la pratica di uno smodato consumo di suolo lascia il posto alla rigenerazione urbana dovremmo essere tutti soddisfatti. O no?
Certo qualche vecchio cultore della pianificazione urbana continua a insistere che dietro l’uno e l’altra permane il medesimo “motore” della valorizzazione edilizia comunemente detta “speculazione”, ma il termine stesso appare desueto al tempo della finanza globalizzata che, almeno nelle forme, ha mandato in soffitta figure come quella del mitico Edoardo Nottola immortalata nel film “Le mani sulla città”. Ma proprio quando l’effluvio di convegni e seminari sembra segnare una nuova frontiera per la politica territoriale (almeno in Lombardia), ecco che la cronaca si incarica di riportarci alla realtà delle cose dove, neanche tanto sommerse, continuano a funzionare le vecchie logiche. Anche le peggiori. L’ennesima inchiesta giudiziaria in corso tra Milano e Varese mette in evidenza, tra gli altri, un sistema di malaffare, che ha il suo epicentro nella gestione di territori e servizi urbani, che nulla ha da invidiare a quelli di un oscuro passato. Facciamocelo raccontare dalla testata on-line locale “Varesenews”.
Sullo stesso tema
Paolo Baldeschi
Scritto per eddyburg: denuncia e analisi di un'ulteriore legge «ad civitatem» di invenzione renziana la cui vittima è ancora Firenze.
Antonio Perrotti
Lucida denuncia degli errori compiuti nella ricostruzione dell'Aquila da parte di ex funzionario pubblico della Regione Abruzzo, profondo conoscitore delle vicende e del territorio, nonché attivista dei comitati post-sismici e ambientalisti (e.s./i.b.).
Tomaso Montanari
Manca la città ed è inevitabile che sia così, date le premesse. Ma se la memoria si facesse cultura e la cultura comunità, L'Aquila potrebbe dare l’ennesima, memorabile lezione di futuro. (m.b.)
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno con testimonianze da "Una comunità di intenti" di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I sessione del convegno dedicato a "Le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta". Interventi di Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni e Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg