Unioni per fare, non per pianificare
Elettra Malossi
La regione Emilia Romagna ha puntato da tempo alle unioni di comuni, come forma stabile di coordinamento dei comuni appartenenti ad ambiti territoriali ottimali...



La regione Emilia Romagna ha puntato da tempo alle unioni di comuni, come forma stabile di coordinamento dei comuni appartenenti ad ambiti territoriali ottimali preventivamente individuati, qualificandoli come soggetti non solo erogatori di servizi, ma anche e soprattutto attribuendo loro il ruolo di enti di governo dell’ambito territoriale intercomunale (LR 13/2015 di attuazione della Delrio). In tale contesto è evidente che l’individuazione delle strategie di sviluppo del territorio e la pianificazione alla scala intercomunale ottimale rappresentano le vere condizioni abilitanti dei territori.

L’indebolimento delle Province causato dalla riforma, ha indebolito il governo dell’area vasta, e ridato spazio a logiche localistiche con tutto il noto corredo di esternalità negative.
Anche nell’esperienza dell’Emilia Romagna, pur avanzata rispetto al resto del paese, emerge un quadro poco rassicurante. Pianificazione provinciale ferma al palo e pianificazione intercomunale limitata a poche esperienze, che caratterizzano le Unioni più mature e strutturate. Né, per il momento, la nuova legge regionale urbanistica, pur riconoscendo l’opportunità di elaborare i nuovo strumenti di pianificazione urbanistica da parte delle unioni di comuni anche strutturando uffici di piano sovraccomunali, sembra aver prodotto esiti concreti, come dimostrano i risultati del seminario del 14 marzo.  Nelle conclusioni del Report sullo stato di salute delle Unioni dell’Emilia Romagna presentato nel corso del seminario, infatti, si constata la “scarsa diffusione in Unione delle funzioni finalizzate allo sviluppo del territorio, ad eccezione della Protezione Civile”.

Il report sottolinea che “se si vuole qualificare l’Unione non solo come soggetto gestore di servizi ma anche come ente di programmazione politica integrata, è fondamentale l’individuazione degli obiettivi da raggiungere attraverso la costruzione di un piano strategico, una sorta di patto per lo sviluppo costruito insieme agli stakeholders e alle comunità.” Non si è però ancora formato il consenso politico necessario: la pianificazione rimane ancora una funzione che i Sindaci faticano a condividere e sulla quale rivendicano autonomia e potere. Una visione miope, che non tiene conto dell’importanza di creare valori e obiettivi comuni di lungo periodo, per il miglioramento del livello di benessere sociale, economico e ambientale dei cittadini di oggi e di domani.

Note
Il report dell'Osservatorio regionale sulle Unioni di comuni si può scaricare qui

Su eddyburg sono disponibili molti commenti critici sulla cosiddetta riforma Del Rio. Tra gli altri, segnaliamo un commento sulle attese deluse per la cooperazione intercomunale, scritto da Serena Righini e Paolo Dallasta (m.b.)
Sullo stesso tema
Norberto Vaccari
Carissimi Eddy, Ilaria e Mauro (sì vi considero degli amici, molto speciali, che con le attività e le parole mi fanno dei favolosi regali),vorrei dirvi che questa puntata della SDE è stata veramente molto interessante e utile.Nel mio piccolo intervento avrei voluto dire tante cose ma mi sono rimaste dentro.Provo a scriverle.
Giuseppe Boatti e Carlotta Di Cerbo e Ma
E' necessario rivolgersi alla magistratura per ottenere che i cittadini, riuniti in un comitato responsabile e propositivo, ottengano il privilegio di dialogare con il Comune? Il caso della Goccia, un'area verde pari all'intero Parco Sempione.
Michela Barzi
Varese. Una polemica locale sull'identità urbana della capitale morale leghista scalda gli animi di maggioranza e opposizione, ma nasconde le idee sbagliate e penalizzanti anche di chi si ritiene progressista e di sinistra
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg