Francia. I giudici: "aiutare gli immigrati irregolari non è reato"
redazione Esteri Avvenire

Avvenire, 6 luglio 2018. Una sentenza della Corte costituzionale francese che ha meritato una menzione dalla stampa, benché si limiti a confermare un principio che dovrebbe appartenere al senso comune. Con commento. (e.s.)

Dicono che se un cane morde un uomo questa non non è una notizia, mentre se un uomo morde un cane questo è un evento che merita di essere ripreso e commentato dai media. La stampa commenta oggi la notizia che la Corte costituzionale francese ha giudicato che aiutare un migrante dalla morte non è un reato, anche se udite, udite è un migrante “irregolare”. A noi sembra che questa notizia  riveli in pieno la profondità dell’abisso morale nel quale siamo sprofondati (e.s.)


Avvenire, 6 luglio 2018
Francia. I giudici: «aiutare
gli immigrati irregolari non è reato»


La Corte costituzionale francese ha giudicato incostituzionale il "reato di solidarietà" dichiarando che un sostegno disinteressato a un migrante per "soggiorno irregolare" non può essere perseguito, in nome del "principio di fraternità"; di conseguenza vengono censurate le disposizioni del Codice di ingresso e soggiorno degli stranieri.

L'importante sentenza, che arriva in un momento di forte scontro in Europa sull'accoglienza, risponde a un quesito di Cèdric Herrou, un agricoltore diventato il simbolo degli aiuti ai migranti sul confine franco-italiano e che aveva chiesto l'abolizione del "reato di solidarietà", in seguito alla sua condanna per aver offerto sostegno ad alcuni richiedenti asilo. "Dal principio di fraternità deriva la libertà di aiutare gli altri, a fini umanitari, indipendentemente dalla regolarità della loro permanenza nel territorio nazionale", si legge nella decisione.

Per consentire al legislatore di porre rimedio all'incostituzionalità accertata, la Corte ha rinviato al primo dicembre 2018 la data di abrogazione delle disposizioni contestate.

Articolo tratto dalla pagina qui raggiungibile
Sullo stesso tema
Guido Viale
, 20 novembre 2018. Dall'Europa agli Stati Uniti una "lotta di classe" è in atto. Con commento. (a.b.)
Rocco Bellantone
, 25 ottobre 2018. L'ultimo dossier statistico annuale sull'immigrazione conferma che non c'è nessuna "invasione" in corso. L’Italia non è il Paese con il numero più alto di migranti né quello che ospita più rifugiati e richiedenti asilo, ma quello che ne uccide di più in mare rifiutando di accoglierli. (a.b.)
Guido Viale
, 28 agosto 2018. Il respingimento dei migranti e l'austerity impostaci in questo decennio impedisce a questo paese e all'Europa di delineare un nuovo futuro, che non può essere che ecologista, capace di affrontare i problemi ambientali e sociali di questo secolo. (i.b.)
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg