Salvare le banche venete è costato 11,2 miliardi
Massimo Franchi
il manifesto, 4 aprile 2018. «Ecco perchè non ci sono risorse per le cose che servono (dalla difesa del suolo alla salute, dall'accoglienza dei profughi ai trasporti pubblici. Il Moloch finanziario divora tutto. (m.p.r.)

Secondo Pier Carlo Padoan non avrebbero inciso sui conti pubblici. Ieri invece abbiamo scoperto che i miliardi di soldi pubblici utilizzati per il salvataggio delle banche venete non solo hanno aumentato il debito pubblico ma il deficit annuale. Mettendo a rischio i criteri fissati dalla commissione europea con il rischio di un intervento correttivo. Il 26 giugno scorso il governo Gentiloni dava il via libera al decreto che regalava Veneto Banca e Popolare di Vicenza ad Intesa San Paolo. Il giorno seguente le banche avrebbero riaperto con un altro padrone.

Per evitare il fallimento dei due istituti e il tracollo del territorio veneto depauperato dalla gestione criminale dei manager (Veneto Banca) e da Gianni Zonin (Popolare di Vicenza), il governo - dopo aver per mesi assicurato che sarebbe intervenuto il Fondo Atlante alimentato dalle altre banche - decise a sorpresa di intervenire d’urgenza. Lo Stato sborsò 4,8 miliardi sotto forma di iniezione vera e propria di liquidità e concesse 12,4 miliardi di ipotetiche garanzie per permettere ad Intesa San Paolo di salvare il salvabile e di prelevare gli asset ancora buoni delle due banche. Eurostat, appositamente sollecitato in proposito, ieri ha chiarito, a distanza di 9 mesi, che l’impatto complessivo sui conti è di 4,7 miliardi per quanto riguarda il deficit e di 11,2 miliardi per il debito. «Ben 662 euro a famiglia italiana», calcola il Condacons.

I 4,7 miliardi di impatto sul deficit calcolati da Eurostat, in modo probabilmente inaspettato per il Mef che aveva sempre negato l’effetto banche venete sull’indebitamento, valgono tra lo 0,2 e lo 0,3 per cento. Dall’1,9 stimato dall’Istat si potrebbe così salire al 2,1-2,2 per cento. I tecnici del Mef tendono invece a sdrammatizzare l’effetto. Considerando il salvataggio come operazione una tantum, l’effetto non si sentirebbe invece sul deficit strutturale, quello considerato valido per il rispetto delle regole europee sul pareggio di bilancio. Anche il debito, stimato in calo al 131,5 per cento, potrebbe subire qualche revisione, ma in questo caso fonti del Tesoro ricordano che parte dell’impatto è già stato contabilizzato nel fabbisogno. Sugli oltre 11 miliardi misurati da Eurostat, il peso effettivo da incorporare nei nuovi dati dovrebbe quindi essere limitato a circa 6 miliardi.

L’Istat ufficializzerà le nuove stime oggi, ma oggi il ministero dell’Economia ha intanto già diffuso il dato sul fabbisogno dei primi tre mesi del 2018, in miglioramento di 2,6 miliardi rispetto al 2017.
Certo i conti potrebbero ulteriormente risentirne se mai si concretizzasse nei prossimi mesi l’intenzione manifestata da Lega e M5S di risarcire in toto o in parte anche gli azionisti dei due istituti o di adottare una trattamento preferenziale per gli obbligazionisti. Il dato ufficializzato da Eurostat provoca la reazione indignata del sindaco di Napoli Luigi De Magistris. «Il salvataggio da parte del Governo delle banche venete vale oltre 10 miliardi di debito pubblico, il debito storico dei commissariamenti di Stato su Napoli (1980-2008) per 100 milioni lo scaricano tutto su di noi, sulla città e sui napoletani. Che vergogna!», ha scritto su twitter.
Sullo stesso tema
Andrea Carugati
11 maggio 2018. Agitazione e autocritiche tra i dirigenti del Pd dopo aver scoperto che Matteo Renzi è di destra. Meglio tardi che mai, ma occorre buttare molti gusci vuoti per un altro inizio
Gustavo Esteva
La domanda giusta da porsi di fronte allo scandalo di Facebook e Cambridge Analytica. (m.p.r.)
Luigi Pandolfi
il manifesto, 23 marzo 2018. Ecco come, passin passetto, quella che che gli sciocchi, gli ignoranti e i venduti continuano a chiamare "sinistra di governo", ha portato gli italiani a perdere le conquiste ottenute quando la Sinistra era ancora tale
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg