L'intervento in Siria spacca l'unità nazionale in Gran Bretagna.
Eddyburg
Huffington Post, 14 giugno 2018. In Gran Bretagna un po' di sinistra e di buonsenso ci sono. Il governo ribadisce l'accordo con Trump, ma i laburisti di Corbyn rifiutano e accusano Theresa May di prendere ordini da Trump


È scontro in Gran Bretagna sull'intervento in Siria. La premier Theresa May l'ha definito un intervento "giusto e legittimo", non per "disarcionare" il presidente siriano, Bashar al-Assad, ma per dare un messaggio chiaro che le armi chimiche non devono essere usate, nè a Damasco e neppure nelle strade britanniche.

"Le armi chimiche non possono essere utilizzate e questo vale non solo per la Siria, ma anche per le strade britanniche", ha aggiunto la premier, con chiaro riferimento all'avvelenamento con il gas nervino, a Salisbury, dell'ex spia russa, Serghei Skripal, e della figlia Yulia. "Non si è trattato di un cambio di regime", ha aggiunto. "E' stato un attacco limitato, mirato ed efficace con chiari confini" per "degradare la capacità di ricercare, sviluppare e distribuire armi chimiche da parte del regime". La May ha aggiunto di avere in mano le prove che il governo di Damasco a Duma abbia utilizzato gas tossici: "Sappiamo con certezza che è stato il regime siriano". "Non vi posso dire tutto", ha osservato, ma ha citato "informazioni di intelligence". "Questa azione collettiva - ha proseguito nella conferenza stampa, organizzata a metà mattina, a Londra- invia un chiaro messaggio che la comunità internazionale non si tira indietro e non tollererà l'uso di armi chimiche".

La premier ha aggiunto che avrebbe voluto seguire "un'altra strada", quella diplomatica, ma che non è stato possibile; e ha ricordato le 6 volte in cui, solo nel 2017, la Russia si è opposta a risoluzioni sul dossier siriano, al Consiglio di Sicurezza dell'Onu; e il veto posto da Mosca solo qualche giorno fa, al Palazzo di Vetro, su una risoluzione che avrebbe autorizzato un'inchiesta indipendente sull'attacco a Duma.

La premier si è difesa anche dall'accusa di non aver consultato il Parlamento: ha detto che lunedì farà una comunicazione a Westminster ma ha difeso la sua decisione.

Poco prima, il leader dell'opposizione britannica, il laburista Jeremy Corbyn, l'aveva pesantemente chiamata in causa: per Corbyn, l'attacco è "discutibile da un punto di vista legale" e renderà più difficile che un giorno il regime di Assad sarà ritenuto responsabile di crimini di guerra. Corbyn ha criticato apertamente la premier perchè prende "istruzioni da Washington" e ha aggiunto che, invece di "stare alle ruote di Trump", May avrebbe dovuto ottenere il sostegno del Parlamento prima di sferrare l'attacco. "Credo che sia stato giusto prendere l'iniziativa", gli ha replicato May.

Quanto alla mancanza di consenso nell'opinione pubblica britannica, la premier ha rimarcato: "Il mio messaggio alla gente è che si tratta dell'uso di armi chimiche. C'è una posizione accettata nella comunità internazionale: le armi chimiche sono illegali, sono vietate. E abbiamo visto che questa norma internazionale si è erosa. E' nell'interesse di tutti che ripristiniamo questa norma internazionale sul divieto delle armi chimiche".

Articolo tratto dalla pagina qui raggiungibile
Sullo stesso tema
Eddyburg
Per Israele la route 4370 è una «tangenziale» che permette al traffico di scorrere senza problemi all’ingresso orientale di Gerusalemme. Per i palestinesi, invece, è la prova dell’intenzione di Tel Aviv di sviluppare una doppia rete stradale, una per loro sotto occupazione e un’altra per gli israeliani. In effetti la corsia ovest a loro destinata preclude l’accesso alla Città Santa e prosegue verso il sud della Cisgiordania (Nena-news.it).
Mario Agostinelli et al.
In anteprima per eddyburg, la sintesi del tavolo sul «Disarmo, denuclearizzazione, beni comuni, diritti ambientali, tempo di vita, diritto alla bellezza» al Forum Associazione Laudato Si’: Un alleanza per il clima, la terra e la giustizia sociale del 19 gennaio 2019. (i.b.)
Eddyburg
comune-info.net, 12 gen 2018. Seppellito sotto un mare di dollari l'art.11 della costituzione: "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli [...]". Sono made in Italy gli hungar destinati a ospitare i droni killer americani usati usati nelle guerre nel Corno d’Africa e nello Yemen. Qui la notizia. (a.b.)
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg