Il Parlamento torna a pesare
Michele Ainis
la Repubblica, 28 marzo 2018. Un primo passo per restaurare ciò che della democrazia rapprentativa Matteo Renzi ha rottamato. Ma così piccolo, e così inconsapevole, che non provoca molte speranze


Nello zoo delle nostre istituzioni è riapparso un animale che credevamo estinto: il Parlamento. Soffocato durante la lunga stagione bipolare dalla dittatura dei governi, con un presidenzialismo di fatto se non anche di diritto. Imbavagliato dai decreti legge, dall’abuso dei voti di fiducia (108 nei 57 mesi della legislatura scorsa), da canguri, ghigliottine e altre diavolerie procedurali inventate per bloccare il dibattito in aula. Deformato nella sua capacità di rappresentare gli italiani dai premi di maggioranza, concessi in dote a questo o a quel partito. Screditato dal trasformismo degli eletti (566 cambi di casacca nell’ultimo quinquennio: un record). Infine preso in ostaggio da leader che abitavano fuori dalle aule parlamentari (nella XVII legislatura fu il caso di Grillo, Berlusconi, Renzi).

E adesso? Intanto il Parlamento che si è appena insediato vanta tre primati assoluti. Perché è il più giovane della storia repubblicana (con un’età media di 44 anni alla Camera, 52 al Senato). Perché ospita il maggior numero di donne (34,6%: il doppio rispetto al 2008, 4 punti percentuali in più rispetto al 2013). E per il suo tasso d’innovazione, dato che il 65% dei parlamentari sono new entry rispetto alla legislatura scorsa. Non è poco, in un tempo segnato dai furori popolari contro la “casta” dei palazzi romani; giacché questo triplice primato raccoglie quantomeno una domanda di ricambio, d’apertura. Tanto più che alla presidenza del Senato ora siede una donna, ed è un’altra prima volta. Anzi: è l’incarico più alto mai conquistato da una cittadina italiana nell’architettura dello Stato.
E a proposito dei nuovi presidenti delle Camere. La loro rapida elezione suona come una prova d’efficienza, oltre che di disciplina nelle votazioni. Non era previsto, non era scontato. 
Del vecchio Parlamento si ricorda l’impasse durante l’elezione del capo dello Stato, con i 101 franchi tiratori che nel 2013 tradirono Prodi. Ma si ricordano altresì i veti incrociati che sulle prime impedirono la scelta dei timonieri di Montecitorio e di palazzo Madama. Fu la pensata notturna d’un capopartito (Bersani) a sbrogliare la matassa. Stavolta no, nessuna decisione solitaria. L’elezione di Fico e Casellati scaturisce da una strategia comune fra leader d’opposti schieramenti. È dunque un successo della democrazia parlamentare, giacché quest’ultima - diceva Kelsen - esige un compromesso permanente, un reciproco parlarsi ed ascoltarsi.

C’entra qualcosa la nuova legge elettorale col vento che all’improvviso spira sulle Camere? Probabilmente sì, nonostante tutti i suoi difetti. Perché il Rosatellum ha un impianto proporzionale, dopo 25 anni di maggioritario. E perché il proporzionale genera un clima favorevole al negoziato fra i partiti, senza maggioranze artificiose, senza un sospetto di carte truccate. Del resto, con tre forze più o meno equivalenti, il negoziato è d’obbligo, non c’è altra soluzione. Specie se ciascun attore è minoranza rispetto agli altri due. 
Eccolo infatti il responso delle urne: la geografia politica disegna tre grandi minoranze. E nessuna maggioranza autonoma in nessuna assemblea legislativa (la volta scorsa, invece, il Pd controllava la Camera). Ma dov’è la casa delle minoranze? Nel Parlamento, non certo nel governo, cui l’opposizione non ha accesso. Quindi il Parlamento torna ad essere il fulcro del sistema, il suo baricentro, come nei gloriosi anni Settanta.

Sarà per questo che il presidente Fico, nel suo primo discorso, ha evocato la « centralità » del Parlamento, ripetendo uno slogan che sembrava consegnato agli archivi della storia. Sarà inoltre la sua fresca esperienza sui banchi dell’opposizione che l’ha spinto a promettere tutela per ogni opposizione, rifiutando le scorciatoie e gli strappi del passato. E sarà forse l’esempio del Senato - che ha corretto il proprio regolamento sul volgere della legislatura scorsa - a spronare anche la Camera verso un’analoga riforma, come ha annunziato, per l’appunto, il suo nuovo presidente. In ogni caso, d’ora in poi lo spazio parlamentare si dilata, mentre l’esecutivo finirà per dimagrire. Significa che l’opposizione potrà ben esercitare un ruolo attivo, al di là della mera testimonianza. Potrà farlo il Pd, sempre che non vada all’opposizione di se stesso. Ma l’ultimo paradosso della democrazia italiana è esattamente questo: il sistema (parlamentare) salvato dai partiti antisistema.
Sullo stesso tema
Piero Bevilacqua
il manifesto, 4 ottobre 2018. L'arresto di Mimmo Lucano letto nel contesto dell'amministrazione della giustizia in Calabria, che fa emergere le contraddizioni tra legalità e giustizia (m.p.r.).
Riccardo Puglisi
lavoce.info, 14 settembre 2018. Il Parlamento europeo ha approvato la nuova direttiva sul copyright. Tra maggiori tutele per i produttori di contenuti e rischio di censura, ora spetta ai singoli stati recepire e applicare la nomativa. (m.p.r.)
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg