A margine del Rapporto UE: "Israele usa il turismo per legittimare le colonie"
Clara Zanardi
Nuovi episodi di cancellazione dell'identità storica e attuale della Palestina nel quadro dell guerra devastante avviata con la "dichiarazione Balfour del 1046, che consegnò la Palestina ad Israele
Spesso si tende acredere che il turismo sia un'attività neutra, legata a svago e piacere, equindi sconnessa da precisi interessi geopolitici. Esso ci pare cioèirriducibilmente estraneo al conflitto, formidabile costruttore di ponti tra differentipopoli della Terra. L'Organizzazione Mondiale del Turismo lo definisce adesempio "driver of peace".

Oltre la retorica,però, il turismo è oggi uno dei settori trainanti dell'economia mondiale,vettore di un modello capitalistico di sviluppo territoriale che stimolaappetiti contrapposti nella competizione globale per la crescita. Esso è perciòparte integrante di strategie politiche nazionali e può divenire a sua voltafonte di conflittualità all'interno di un dato campo di forze in tensione, comeè stato drammaticamente rivelato dagli attacchi terroristici che negli ultimianni hanno preso di mira mete turistiche.

Nei contesti dove ilconflitto sociale è particolarmente acuto, poi, il turismo può agire daulteriore catalizzatore dei processi in atto. Il caso delle politicheturistiche di Israele nei territori palestinesi occupati, così come lo descriveil Guardian in questo articolo, èesplicito in tal senso. Basato su un recente report dell'UE, esso denuncia ilcrescente incremento da parte di Israele di aree turistiche e archeologiche neiquartieri palestinesi di Gerusalemme Est, al fine di espandere illegalmente gliinsediamenti e legittimare la propria presenza tramite la costruzione di unanarrazione identitaria nazionalista ed etnicamente esclusiva.

In quello che è atutti gli effetti un regime coloniale, il turismo opera infatti da leva perl'inasprimento dell'ingiustizia sociale generata dall'occupazione israeliana ecostituisce una manifestazione ulteriore dell'apartheid instaurata ai danni delpopolo palestinese. Lo fa in un triplice senso:
1)   tramite appropriazione fisica. In questi anni continua e costante è stata la sottrazione diterritorio palestinese ad opera di coloni e imprese israeliane attraversopratiche violente: demolizione di case, espropri, sradicamento di uliveti,uccisioni, repressione armata. Ciò accade anche per la costruzione di siti oinfrastrutture turistiche, che agiscono come avamposto per avviare un processodi incorporazione dell'area interessata e di quella circostante.
Alcuni esempi nesono:
- il parco archeologico City of David, nell'area palestinese di Silawan,ottenuto tramite una progressiva operazione di rilevamento territoriale ede-arabizzazione della comunità residente;
- l'approvazione di un nuovo sentiero escursionistico attraversola Cisgiordania e le Alture del Golan, il primo di questo tipo in territori nonisraeliani ();
- il progetto di unanuova funivia turistica che toccheràanche Gerusalemme Est ).

2)   Tramite appropriazioneeconomica. Attraverso il controllo sistematico e lasottrazione diretta dei luoghi di interesse turistico, che si sommano allarestrizione militare della libertà di movimento, Israele priva i palestinesidella possibilità di strutturare una propria rete di servizi ed infrastruttureturistici, impedendogli così di accedere ad un'importante fonte di sussistenzaeconomica ed annichilendone di fatto la legittima domanda di sovranità.

3)   Tramite appropriazionesimbolica. La promozione di una narrativa sionista,che cancella ogni traccia della stratificazione storica dei territori occupati,è attivata dal governo israeliano per legittimare il proprio statuto colonialea livello internazionale. Essa si basa sul principio della continuità storica,secondo il quale l'insediamento contemporaneo si riallaccia senza soluzione dicontinuità al mito fondativo delle origini, rimuovendo ogni  altra presenza storico-culturale, anteriore,coeva o intermedia che sia.  Un'ideologiache costituì la matrice stessa del progetto sionista, animato dallarivendicazione di una corrispondenza naturale tra il "popolo senzaterra" e quella che veniva definita una "terra senza popolo". Alcontrario, la cultura, la storia e la civiltà palestinesi rappresentano unacomponente fondamentale e ineludibile dell'identità di quei luoghi. La sistematicanegazione, depurazione, annessione e confisca dei luoghi turistici e deimonumenti palestinesi, insieme alla modifica dei loro nomi e allariarticolazione revisionista del loro significato, mina profondamente l'identità palestinese,compromettendone l'unità geografica, storica e culturale.

Il turismo finiscecosì per assumere in Israele un ruolo chiave nella strategia nazionale diproduzione del consenso e, a sua insaputa, il turista stesso rischia di essereattratto non solo in quanto consumatore, ma anche come agente metabolizzatore eriproduttore di una determinata e parziale narrazione storica. Un'operazioneideologica capillare funzionale a legittimare Israele quale stato"democratico" agli occhi del mondo, corredata dall'organizzazione digrandi eventi di richiamo internazionale e validata dal riconoscimentoincondizionato degli stati occidentali. 

Non ultimo il  nostro, che tra pochi mesi faràinspiegabilmente partire il Giro d'Italia proprio da questa Gerusalemmecontesa, dopo averla depurata perfino della qualifica "Ovest" e conciò riconosciuta nella sua "unità" come "capitale diIsraele". In aperta violazione alle innumerevoli risoluzioni dell'Onu [n.2253 (1967), 2254, 252 (1968), 267 (1969), 271, 298 (1971), 465 (1980), 476,478] e all'affermazione del Consiglio di Sicurezza del 23 dicembre 2016,secondo cui "la costituzione da parte di Israele di colonie nel territoriopalestinese occupato dal 1967, compresa Gerusalemme Est, non ha validità legalee costituisce una flagrante violazione del diritto internazionale e ungravissimo ostacolo per il raggiungimento di una soluzione dei due Stati e diuna pace, definitiva e complessiva".

Per un approfondimento vedi, su NENAnews, il Rapporto UE: "Israele usa il turismo per legittimare le colonie. Per la "Dichiarazione di Balfour vedi qui: Il peccato originale dello stato di Israele: come Europa e Usa si liberarono delle colpe verso gli ebrei consegnando a Israele terre che appartenevano ad altri popoli. Allora iniziò la guerra tra il mondo a dominio anglosassone e il mondo musulmano


Sullo stesso tema
Eddyburg
Convegno dell'11 giugno 2019 sull'analisi degli impatti e dei conflitti legati alla progressiva turistificazione delle città e degli spazi di vita. Con una sezione dedicata alle contro-progettualità (attivate o attivabili) capaci di prefigurare possibili alternative socio-economiche rispetto alla monocoltura dell’industria turistica. (i.b.) Qui maggiori info.
Atena Poliade
Il futuro è già cominciato: una satira distopica per leggere una città e il suo governo. A volte la fantasia ci aiuta ad immaginare dove potremmo andare a finire. Bisogna vedere se i fiorentini saranno capace di scongiurare il rischio alle elezioni di fine mese. (i.b.)
Giuseppe Grosso
Il manifesto, 23.04.2019. Un regolamento comunale limita a 90 giorni l'affitto turistico delle abitazioni ordinarie. Purtroppo per noi, succede a Madrid e non in Italia. (m.b.)
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg