Amazzonia, Papa a giovani indios: "Non rassegnatevi, studiate e lottate"
Paolo Rodari
La Santa Sede online  19 gennaio 2018. Un discorso pienamente politico, che parla dell'Amazzonia, ma si riferisce al mondo. È solo un papa della chiesa cattolica che parla, ma meriterebbe di guidare il mondo

"I popoli originari dell'Amazzonia non sono mai stati tanto minacciati nei loro territori come lo sono ora". È il primo storico incontro tra Francesco e l'Amazzonia, quello di quest'oggi a Puerto Maldonado, la capitale della biodiversità del Perù situata all'interno del più grande polmone verde del mondo. Qui i primi missionari domenicani arrivarono nel 1902, a piedi, dopo un viaggio lungo e molto pericoloso.

Oggi Francesco arriva in aereo per un appuntamento a lungo atteso: "Ho molto desiderato questo incontro", dice nel Coliseo Regional Madre de Dios davanti a 4mila rappresentanti delle popolazioni indigene, occasione per Francesco per toccare temi a lui cari: le periferie, i poveri, le popolazioni indigene, la custodia del creato, la "resilienza" che le stesse popolazioni devono mantenere di fronte a chi separa terra e popolo, a chi sfrutta le infinite risorse della foresta facendo a meno della gente che la abita.

"Il tesoro che racchiude questa regione", dice il Papa, non può essere compreso, capito, "senza la "vostra saggezza" e le "vostre conoscenze". Francesco conosce "le profonde ferite che portano con sé l'Amazzonia e i suoi popoli" e per questo ha voluto venire fin qui, per unirsi "alle vostre sfide e con voi riaffermare un'opzione convinta per la difesa della vita, per la difesa della terra e per la difesa delle culture".

I popoli dell'Amazzonia sono minacciati, oggi più di prima. Francesco riassume così queste minacce: "Da una parte, il neo-estrattivismo e la forte pressione da parte di grandi interessi economici che dirigono la loro avidità sul petrolio, il gas, l'oro, le monocolture agro-industriali". Dall'altra la minaccia "viene anche dalla perversione di certe politiche che promuovono la 'conservazione' della natura senza tenere conto dell'essere umano e, in concreto, di voi fratelli amazzonici che la abitate".

Il Papa dice di essere a conoscenza "di movimenti che, in nome della conservazione della foresta, si appropriano di grandi estensioni di boschi e negoziano su di esse generando situazioni di oppressione per i popoli originari per i quali, in questo modo, il territorio e le risorse naturali che vi si trovano diventano inaccessibili".

È questa problematica che soffoca i popoli e che "causa migrazioni delle nuove generazioni di fronte alla mancanza di alternative locali". Francesco chiede di "rompere il paradigma storico che considera l'Amazzonia come una dispensa inesauribile degli Stati senza tener conto dei suoi abitanti".

L'appello del Papa è che si aprano "spazi istituzionali" di rispetto, riconoscimento e dialogo con i popoli nativi, assumendo e riscattando cultura, lingua, tradizioni, diritti e spiritualità che sono loro propri.

I primi interlocutori di questo dialogo interculturale, tuttavia, devono essere le stesse popolazioni amazzoniche, affinché le risorse prodotte dalla stessa conservazione delle foreste "ritornino a beneficio delle vostre famiglie, a miglioramento delle vostre condizioni di vita, della salute e dell'istruzione delle vostre comunità". La vita dei popoli amazzonici è per il Papa "un grido rivolto alla coscienza di uno stile di vita che non è in grado di misurare i suoi costi".

Bergoglio, che ha indetto un Sinodo Pan Amazzonico convocato per il 2019 in Vaticano, entra ancora più in profondità nelle ferite di questa terra, la cui difesa non ha altra finalità "che non sia la difesa della vita". Dice: "Conosciamo la sofferenza che alcuni di voi patiscono per le fuoriuscite di idrocarburi che minacciano seriamente la vita delle vostre famiglie e inquinano il vostro ambiente naturale". Insieme, "esiste un'altra devastazione della vita che viene provocata con questo inquinamento ambientale causato dall'estrazione illegale. Mi riferisco alla tratta di persone: la mano d'opera schiavizzata e l'abuso sessuale. La violenza contro gli adolescenti e contro le donne è un grido che sale al cielo".

Fra i tanti popoli indifesi, i più indifesi di tutti: "Sto pensando - dice Papa Bergoglio - ai popoli denominati 'Popoli Indigeni in Isolamento Volontario' (Puav). Sappiamo che sono i più vulnerabili tra i vulnerabili". Francesco chiede si continui a stare dalla loro parte perché "è necessario che esistano limiti che ci aiutino a difenderci da ogni tentativo di distruzione di massa dell'habitat che ci costituisce". A loro, e a tutti, Francesco chiede "resilienza": "Confido nella capacità di resilienza dei popoli e nella vostra capacità di reazione davanti ai difficili momenti che vi tocca vivere".

L'articolo è tratto dal sito web La Santa Sede, e  la paginaè raggiungibile qui 

Sullo stesso tema
Paolo Rodari
La Santa Sede online 19 gennaio 2018. Non molti si sarebbe aspettati che da un papa venisse una critica a una società maschilista
Jorge Maria Bergoglio
Toscana oggi, 18 gennaio 2018.«Cercare spazi sempre nuovi di dialogo più che di scontro; spazi di incontro più che di divisione; strade di amichevole discrepanza, perché ci si differenzia con rispetto tra persone che camminano cercando lealmente di progredire in comunità»
Jorge Maria Bergoglio
La Santa Sede, 24 dicembre 2017 Dal massimo della tensione religiosa di questo Grande si sprigiona il massimo della passione civile e umana che questa triste stagione riesca a darci, «mentre sul mondo soffiano venti di guerra e un modello di sviluppo ormai superato continua a produrre degrado umano, sociale e ambientale»
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg