Joan Baez: "Il mio tour negli Usa in onore di Lampedusa"
Silvia Bizio
la Repubblica online, 15 ottobre 2017. «L'artista in viaggio tra la West Coast e il South West con 'Concerts for refugees', per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla crisi dei rifugiati nel mondo: "L'isola siciliana è un emblema di questo problema globale"». (p.d.)
Leggende della musica come Joan Baez, la voce della protesta degli anni 70, Robert Plant, Emmylou Harris, Brandi Carlile e Steve Earle - insieme ad altri musicisti - stanno donando il loro tempo e talento per Lampedusa, riconoscendo l'immane sforzo che la piccola isola siciliana sta compiendo da vent'anni per i profughi. Lampedusa: Concerts for refugees è un tour di otto concerti da Seattle a Dallas, passando per lo storico teatro Wiltern di Los Angeles. Abbiamo parlato al telefono con Joan Baez (la Bob Dylan femminile) prima che salisse sul bus con il resto della compagnia e proseguire verso l'Arizona e il Texas per le altre tappe di questa importante iniziativa, organizzata dalla compagnia gesuita Jesuit Refugee Service in partnership con l'alto commissariato dell'Onu per i profughi (Unhcr). Il tour è finalizzato a raccogliere fondi e sensibilizzare l'opinione pubblica sulla crisi dei rifugiati nel mondo.
"Ci sono 65.3 milioni di persone nel mondo costrette a lasciare la propria terra per violenza, persecuzioni e calamità naturali," spiega Rob Robinson, direttore di Jrsusa e organizzatore dell'evento. Più di 21 milioni sono rifugiati. Metà dei profughi hanno meno di 18 anni, e meno del 50 percento dei giovani hanno accesso all'educazione. È per questo che proprio l'educazione è al centro del nostro impegno in questi concerti. Nel novembre del 2015 il Jrs ha lanciato la Global Education Initiative per l'educazione dei giovani profughi". "E Lampedusa è un emblema di questo problema globale" aggiunge la sempre combattiva Baez. "È un simbolo, e le immagini che si associano a quel simbolo sono molto forti, oggi come nel passato".
Joan, come è iniziato il suo coinvolgimento con questa serie di concerti per Lampedusa?
Emmylou Harris era stata la prima a entrare in contatto col gruppo di gesuiti che avevano l'appoggio della Uhncr, con cui avevo lavorato fin dagli anni 70. Il Jesuit Refugee Service è un'organizzazione umanitaria che da 36 anni opera in oltre 45 Paesi nel mondo. Sono molto seri e impegnati, e mi fido di loro ciecamente. Emmylou è una donna di forti convinzioni, è una specie di calamita cui non puoi sottrarti quando si mette in testa una cosa e decide di coinvolgerti. Mi ha fatto capire la forza del progetto. Insieme sul palcoscenico cerchiamo di far capire l'importanza di questa causa. Soprattutto quella di dare educazione ai profughi.

Quindi crede che la musica possa scuotere le coscienze?
Di sicuro la musica riesce a smuovere lo spirito, ovvero riesce a creare forme di empatia talora inconsapevoli. Ed è già qualcosa. Dà alla gente una sensazione di speranza, anche quando sembra che ce ne sia poca. La musica vera anela sempre a un mondo migliore. Io sono cresciuta con quel tipo di musica. Si può fare politica con la musica. Io ci credo.

Il problema dei profughi le è sempre stato a cuore.
Oggi più che mai. E con le cose che stanno succedendo a Washington - e non è Trump, lui è solo lo strillone - con questo sentore di regressione conservativa e isolazionista, credo che mai come adesso dobbiamo cantare ad alta voce. La destra estrema è in crescita qui negli Usa, come in altri Paesi dell'occidente. Trump non ha fatto altro che sdoganare la destra americana. Allora dobbiamo darci da fare - noi persone di coscienza - più che mai. E dobbiamo incoraggiare le persone al potere a comportarsi in maniera decente, civile, avere compassione e empatia, tutte quelle cose che stanno sparendo dai nostri vocabolari. Una mia amica ha una t-shirt con la scritta: Make America Mexico Again, che trovo strepitosa. Non dovremmo dare tanta importanza alle celebrazioni individuali o di gruppo, che sono sempre divisive.
Ha visitato campi profughi? È mai stata a Lampedusa?
No, a Lampedusa non sono mai stata, ma adoro l'Italia e la Sicilia. Sono anni che non visito campi profughi dopo le mie esperienze in Cambogia e Vietnam. Lo vorrei fare appeno finisco questa serie di concerti e altri impegni pressanti. E vorrei andare a Lampedusa, certo. Questi concerti sono in onore di quell'isola, che è diventata una stazione di passaggio di tante persone in fuga da situazioni atroci. Lampedusa è il simbolo globale dell'accoglienza, del nuovo umanesimo.
Lei è anche impegnata a dipingere, sua nuova passione.
Ho iniziato a dipingere seriamente circa sei anni fa, e faccio soprattutto ritratti. Il volto umano e ciò che racconta rimane il mio soggetto favorito. Esprimi tutta una vita sul volto e un bravo artista riesce a coglierla e raccontarla. Sto pensando a una mostra e forse a un libro, un giorno.
Per il problema dei profughi, quale sarebbe la canzone di battaglia più appropriata?
Ce n'è qualcuna nuova, come Deportees o The Immigrant Song, che cantiamo in questa tournée. Ma se mi chiede se ci sia oggi una canzone come Blowing in the wind, no, non c'è.
Sullo stesso tema
Guido Viale
comune.info, 20 novembre 2018. Dall'Europa agli Stati Uniti una "lotta di classe" è in atto. Con commento. (a.b.)
Rocco Bellantone
nigrizia.it, 25 ottobre 2018. L'ultimo dossier statistico annuale sull'immigrazione conferma che non c'è nessuna "invasione" in corso. L’Italia non è il Paese con il numero più alto di migranti né quello che ospita più rifugiati e richiedenti asilo, ma quello che ne uccide di più in mare rifiutando di accoglierli. (a.b.)
Guido Viale
il manifesto, 28 agosto 2018. Il respingimento dei migranti e l'austerity impostaci in questo decennio impedisce a questo paese e all'Europa di delineare un nuovo futuro, che non può essere che ecologista, capace di affrontare i problemi ambientali e sociali di questo secolo. (i.b.)
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg