Mose mangiasoldi: la manutenzione costerà 95 milioni l'anno
Alberto Vitucci
la Nuova Venezia, 23 settembre 2017. Il mostro inutile e dannoso, che non servirà a proteggere Venezia dalle acque alte eccezionali e che ha devastato l'assetto dell'ecosistema lagunare costerà ogni anno per la sola manutenzione più della costruzione di un ospedale. con postilla


Ottanta milioni di euro l'anno. Più 15 per laguna. Dopo trent'anni, si sa ora con esattezza quanto costerà la manutenzione del Mose. Per la prima volta i conti sono messi nero su bianco sulla richiesta di finanziamento urgente, da inserire nella prossima Finanziaria, inviata in questi giorni al governo e firmata dal Provveditore alle Opere pubbliche Roberto Linetti. «Oltre ai 221 milioni mancanti per il completamento dei lavori del Mose», scrive il dirigente dello Stato al suo ministero, «sono indispensabili altri fondi in conto capitale per l'avviamento dell'attività di gestione del Mose».Nel caso non arrivassero, scrive con una certa preoccupazione il presidente Linetti, «questo porterebbe alla sospensione delle attività, oltre a provocare un danno di immagine anche a livello internazionale. Si dovrebbero anche accantonare altri milioni per poter procedere alla messa in sicurezza di quanto già realizzato, pena il decadimento delle opere, realizzate in ambiente marino e condizioni sfavorevoli, con oneri pesantissimi. E infine con «la possibilità di altri contenziosi milionari con le ditte esecutrici», già in causa con il Consorzio che a sua volta ha chiesto di ripianare i danni.Vengono citati gli ultimi inconvenienti segnalati qualche settimana fa. Come le muffe nelle gallerie sottomarine, dove l'aerazione è possibile solo con l'avvio di mezzi meccanici - e quindi degli impianti elettrici, non ancora realizzati - e la corrosione dei materiali.

La richiesta avanzata al governo è dunque di avere subito altri 300 milioni di euro. Di cui due terzi (193,5)per il Mose e la sua gestione, 102 per la laguna («manutenzione delle bricole e dei marginamenti, vigilanza contro il moto ondoso, ripristino dell'efficienza idraulica e della vivificazione delle aree lagunari soggette a minor ricambio di marea»). 115 sono i milioni richiesti (cui 70 per il Mose e 45 per la laguna) nel primo anno, il 2017, 53 più 35 nel 2019, 70 più 22 nel 2020.Qui comincerà l'avvio della gestione. Che sarà affidata secondo la legge con gara. Allora la necessità, secondo il Provveditorato, aumenterà ancora. «A regime», scrive Linetti, «serviranno almeno 80 milioni di euro, più i 15 per il mantenimento». Cifre enormi, a cui lo Stato dovrà far fronte per sempre, trattandosi di una manutenzione che non può essere mai sospesa. Uno dei primi problemi sollevati dagli oppositori del Mose, peraltro mai ascoltati in sede tecnica e politica, che mettevano in guardia per gli alti costi della manutenzione. Nei primi documenti ufficiali del Consorzio Venezia Nuova di Mazzacurati i costi per la manutenzione venivano stimati intorno ai 20 milioni l'anno, un quarto di quelli reali.

A cosa serviranno quei soldi? Gli ingegneri del Provveditorato e del Consorzio hanno fatto due conti, allegando una relazione alla lettera del Provveditore. È necessario avviare fin da subito le «attrezzature necessarie alla gestione funzionale del sistema Mose». Compresa la sala controllo e i nuovi edifici all'Arsenale per la manutenzione delle paratoie, che gli ambientalisti contestano. Poi l'attività di «gestione operativa per la movimentazione delle paratoie alle bocche di porto»; infine, le attività di «mantenimento in efficienza di quanto già installato». Un pozzo senza fondo. Perché, come si è visto negli ultimi mesi, la mancata manutenzione di una parte del sistema (cerniere, cassoni, elementi metallici e impianti del sistema) provoca guai a catena. Lo scandalo Mose non è finito
postilla
È molto o è poco spendere 80 milioni di euro all'anno per mantenere quel mostro? Abbiamo cercato qualche dato significativo per fare un confronto. Eccone uno: i quattro ospedali di Prato, Pistoia, Lucca e Massa Carrara sono costati complessivamente 290 milioni di euro. Con i soldi spesi ogni anno per mantenere quel mostro inutile e dannoso si potrebbe costruire  un ospedale all'anno. Il primo potrebbe utilmente essere destinato a ospitare, vita residua restante, quanti hanno promosso, sostenuto, agevolato e concorso a realizzare l'ignobile progetto
Sullo stesso tema
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
Cristiano Gasparetto
perUnaltracittà, 20 novembre 2018. L'acqua alta di ottobre, la quarta più alta dopo quella del 1966, è usata per rilanciare il sostegno al MoSE, un'opera che contravviene tutte le regole ed è stata criticata ad oltranza per la sua incapacità di risolvere il problema di Venezia. Qui il link all'articolo. E riferimenti. (i.b.)
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Paolo Baldeschi
Scritto per eddyburg: denuncia e analisi di un'ulteriore legge «ad civitatem» di invenzione renziana la cui vittima è ancora Firenze.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg