Un tram chiamato Farinetti. “Gli fanno una linea ad hoc”
Ferruccio Sansa
Il comune pagherà le spese per il tram collegherà il centro al nuovo store di Eataly (Fico). Ennesimo esempio della subalternità della pianificazione urbanistica all'interesse privato. Un passetto in più dalla contrattazione al vassallaggio. il Fatto Quotidiano, 10 agosto 2017 (p.d.)

In carrozza. Parte il tram più Fico d’Italia. Quello che collegherà il centro di Bologna e la “Fabbrica italiana contadina”. Fico, appunto. A Bologna, nonostante il caldo rovente che piega quasi le torri, le polemiche politiche si risvegliano: “Sembra una linea fatta apposta per servire la nuova creatura di Eataly e Oscar Farinetti”, è convinto Max Bugani, consigliere comunale M5S. Virginio Merola, il sindaco, invece è trionfante: “Voglio ringraziare il sottosegretario Maria Elena Boschi e il ministro Claudio De Vincenti per l’attenzione”.
Dopo il via libera del Cipe, il Comitato interministeiale per la programmazione economica le cui deleghe sono in mano al ministro dello Sport Luca Lotti, dovrebbero finalmente arrivare i 110 milioni del Patto per Bologna più volte annunciato. Ma a nessuno sono sfuggiti quei quattro milioni per finanziare il progetto del tram che collegherà Bologna a Fico. La partenza adesso è ufficiale. E ripartono anche le polemiche su quella che promette di diventare una specie di Disneyland del cibo: 100mila metri quadrati di parco tematico, poi ristoranti, campi, stalle, centro congressi. Il sito già annuncia 2 milioni di visitatori stranieri l’anno. Ma proprio il M5S accusò: “Il parco agroalimentare sorgerà sui terreni pubblici del Caab, il mercato ortofrutticolo di Bologna. Non c’è stato un bando”. Farinetti replicò: “Non sono io privato che devo decidere se fare un bando. Non ho voglia di mettermi a discutere con gente che si occupa solo di scandali e non di bellezza”. E il patron di Eataly fece anche qualche previsione: “Ci vorranno cento milioni, ma sarà bellissimo”. Addirittura ci fu chi parlò di sei milioni di visitatori l’anno.
Era soltanto l’inizio: dopo la presentazione del progetto ecco aggiungersi - “con regolare variante”, spiegano dal Comune di Bologna - un albergo da 200 stanze. Bugani la vede così: “Si stanno rendendo conto che il progetto rischia di non stare in piedi. Hanno aggiunto un albergo e poi chissà che altro ancora ci metteranno”. Fico Eataly World è la società che si occupa dell’avvio, della gestione e delle promozione del parco, in Italia e all’estero: la società è partecipata da Eataly Srl, Coop Alleanza 3.0 Soc. Coop. e Coop Reno Scarl. Presidente onorario è Oscar Farinetti, presidente Francesco Farinetti e tra i consiglieri c’è Nicola Farinetti. Il M5S punta il dito: “Sono gli imprenditori vicini alle due anime del centrosinistra. Niente di illecito, però è una questione di opportunità politica”.
A quando l’apertura? Nel marzo scorso a Roma è arrivato l’annuncio: i cancelli dovrebbero essere spalancati nel prossimo ottobre. Ma in parecchi hanno sottolineato il rischio cattedrale nel deserto. Anche Romano Prodi, bolognese doc, parlò di “problema di trasporti” in quella zona alla periferia della città. Merola non la prese benissimo: “Grazie al Comune si fa Fico e grazie al Comune ci sarà un sistema di trasporti. Ringrazio tutti per i consigli meravigliosi, ma intanto sono io che ho trovato i milioni per progettarlo... Se tutti questi che ci danno consigli ci dicessero anche come trovare i soldi, il mio lavoro sarebbe anche molto più facilitato. Romano lo fa in buona fede, ma il sistema dei trasporti si farà. Ho un po' d'esperienza amministrativa per sapere che ci vuole un mezzo di trasporto”.
Adesso ecco arrivare anche il progetto per il tram finanziato con soldi pubblici: “Noi non c’entriamo niente con questo progetto e non siamo i destinatari dell’opera. È un tram al servizio della città”, ricordano da Eataly. Intanto arrivano i primi 4 milioni e la benedizione del Governo e del Cipe. Ma poi quanto denaro pubblico costerà il tram? In Comune allargano le braccia: “Finora non abbiamo stime”.
Sullo stesso tema
Laury-Anne Cholez
Sulle conseguenze, ancora largamente ignorate, del 5G. Dalla questione energetica all'obsolescenza programmata che costringerà all'acquisto di nuovi dispositivi cellulari. Con commento (i.b)
Sergio Brenna
Intervento al Convegno di Rifondazione Comunista «La città ai tempi del neoliberismo» che si è tenuto il 6 Aprile 2019 a Bergamo. Dal caso emblematico di Milano a considerazioni sulla deriva dell'urbanistica nazionale. (i.b.)
Ilaria Agostini
Riflessione sull'esplosione delle mega-city, mega-regioni; forme urbane che stravolgono l'idea stessa di città con drammatiche ripercussioni ecologiche, sociali e in termini di democrazia. E' davvero questo l'unico modello possibile? (i.b.)
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg