«I cantieri del Mose? Erano legittimi»
Alberto Vitucci
«Dopo dieci anni il Consiglio di Stato respinge il ricorso del Wwf su Malamocco e dà ragione al Consorzio Venezia Nuova».  La Nuova Venezia, 25 agosto 2017 (m.p.r.) con riferimenti


«I cassoni si devono fare in laguna, per ragioni occupazionali». Era stata questa la motivazione addotta dalla Commissione di Salvaguardia, presieduta allora dal presidente della Regione Giancarlo Galan, per sistemare l'enorme cantiere del Mose sulla spiaggia di Santa Maria del Mare. Milioni di tonnellate di calcestruzzo avevano trasformato la spiaggetta in un cantiere per la produzione dei cassoni, condomini in cemento oggi affondati alle tre bocche di porto per sostenere le paratoie. Era stato costruito anche un grande villaggio per gli operai, il territorio stravolto. Ricorsi all'Europa, tardive ammissioni che per realizzare quelle infrastrutture non tutti i vincoli di legge erano stati rispettati. Battaglia allora di minoranza condotta da coraggiosi ambientalisti, dal Comune e da pochi altri. Poi nel 2014 gli arresti e l'inchiesta penale. E la scoperta che molte di quelle denunce erano fondate.

Venezia. Il cantiere del Mose forse non era in regola. Ma il ricorso è stato presentato «tardivamente». E anche annullando oggi quella delibera della Regione che autorizzava il progetto, «i ricorrenti non ne trarrebbero alcun vantaggio». Sono le motivazioni, per certi versi sorprendenti, con cui il Consiglio di Stato mette la parola "fine" al contenzioso tra Comune e Wwf da una parte, Regione, ministero delle infrastrutture e Consorzio Venezia Nuova dall'altra.
Una sentenza che arriva dodici anni dopo i fatti, dieci dopo il ricorso presentato dal Wwf sulla illegittimità di quella decisione, già bocciato in primo grado dal Tar del Veneto nel 2008. In mezzo è passato di tutto. Una grande inchiesta penale che ha dimostrato come molti dei pareri favorevoli al Mose fossero viziati dalla corruzione, come molti si siano arricchiti con il denaro dello Stato. Quasi conclusa l'inchiesta penale, ancora in corso i processi della Corte dei Conti che chiede la restituzione di milioni di euro ai protagonisti della vicenda, adesso arriva la sentenza.«Ricorso che va respinto», scrivono i magistrati Giuseppe Severini (presidente), Roberto Giovagnoli, Claudio Contessa, Valerio Perotti e Stefano Fantini. E condannano il Wwf al pagamento delle spese, 5 mila euro. 
È stata accolta dunque dopo molti anni la tesi del Consorzio Venezia Nuova, allora difeso dagli avvocati Alfredo Biagini, Angelo Clarizia e Benedetto Giovanni Carbone. Respinta quella dei legali dell'associazione ambientalista (Alessio Petretti, Angelo Pozzan e Alfiero Farinea) che ricordava le violazioni di legge commesse dalla Regione - nella mancata acquisizione del parere paesaggistico - e l'eccesso di potere. «Non può ritenersi», scrivono i giudici amministrativi di secondo grado, «che l'associazione appellante potrebbe conseguire una effettiva utilità dall'eventuale annullamento della sola delibera della Commissione di Salvaguardia del 31 luglio 2007, perché un tale annullamento non determinerebbe comunque lo spostamento della contestata localizzazione». 
Non basta, perché secondo i giudici il Wwf non ha nemmeno titolarità per ricorrere e non ha formulato in modo esplicito la richiesta di risarcimento danni ambientali». Sentenza che farà discutere, anche per l'inedita tempistica. Nove anni di ritardo per chiudere una vicenda che nel frattempo ha mutato contesto. Ed è stata ampiamente trattata nelle aule dei Tribunali. L'episodio sollevato dal Wwf era stato contestato anche dal Comune, allora guidato da Massimo Cacciari, che all'epoca aveva ingaggiato un braccio di ferro proprio sull'utilità del Mose, proponendo alternative poi scartate. Esprimendo parere contrario alla decisione dalla Regione del ministero di cementare la spiaggia di Santa Maria del Mare per installarci i l cantiere dei cassoni del Mose.

Riferimenti
In linea con la sentenza, addirittura anticipandola, il Consorzio Venezia Nuova ha stipulato una convenzione triennale con lo IUAV e MIT di Boston per studiare come riutilizzare l'area ora sommersa dal cemento un tempo tra le più belle della laguna, in barba all'impegno preso di smantellare l'opera “temporanea alla chiusura del cantiere. Si veda su eddyburg: Summer school Iuav nel villaggio MoSE e Piattaforma del Mose esposto in corte dei conti
Sullo stesso tema
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
Cristiano Gasparetto
perUnaltracittà, 20 novembre 2018. L'acqua alta di ottobre, la quarta più alta dopo quella del 1966, è usata per rilanciare il sostegno al MoSE, un'opera che contravviene tutte le regole ed è stata criticata ad oltranza per la sua incapacità di risolvere il problema di Venezia. Qui il link all'articolo. E riferimenti. (i.b.)
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Paolo Baldeschi
Scritto per eddyburg: denuncia e analisi di un'ulteriore legge «ad civitatem» di invenzione renziana la cui vittima è ancora Firenze.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg