Subito a Roma, prima che sia troppo tardi
Eddyburg
«Un appello. C’è bisogno di un’alternativa, di un nuovo progetto di società che guardi ai valori civili e sociali della Costituzione e superi i confini dei partiti tradizionali». il manifesto, 1 luglio 2017 (c.m.c.)

«In un progetto condiviso e in una sola lista. Una grande lista di cittadinanza e di sinistra, aperta a tutti: partiti, movimenti, associazioni, comitati, società civile. Un’alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza».

Nell’accogliere questo appello di Anna Falcone e Tomaso Montanari, vogliamo promuovere un incontro pubblico per avviare qui a Roma un percorso verso quell’Alleanza popolare indicata dall’assemblea nel Teatro Brancaccio del 18 giugno scorso. Pur se provenienti da esperienze diverse, siamo persone da sempre impegnate nelle battaglie per la democrazia e l’uguaglianza e sentiamo l’esigenza, oltreché la responsabilità, di ricostruire un pensiero critico e sviluppare un’iniziativa sociale, in alternativa all’attuale quadro politico cittadino.

In una città impoverita e sfiduciata, in cui non si vedono all’orizzonte neanche gli esordi di politiche pubbliche che si propongano di affrontare gli squilibri e i dissesti dell’oggi, né di delineare i risanamenti e le strategie per il domani. E dove aumentano le diseguaglianze economiche, la fatica e la solitudine delle donne, cresce il degrado materiale; i servizi pubblici si riducono e si deteriorano, tra mancanza di risorse e gestione approssimata; il lavoro diminuisce e fa aumentare la disoccupazione, la sottoccupazione, il precariato, il lavoro nero; il patrimonio pubblico, il territorio, l’ambiente e i beni culturali alla mercé dei poteri privati.

E se il centrosinistra ha definitivamente esaurito la sua traiettoria politica, consegnandosi al mercato e lasciandosi contagiare dalla corruzione, anche la nuova esperienza cinquestelle non sembra in grado di corrispondere adeguatamente ai bisogni della città, tra inconsistenze e dilettantismi, oltre a quel meschino riflesso culturale che la spinge verso derive perbeniste, se non razziste.

La città rischia di perdersi.
Roma ha un disperato bisogno di tornare a respirare e di ritrovare una speranza. Ha bisogno di una politica nuova. Una politica che accolga tutti e tutte e non lasci indietro nessuno; che costruisca vivibilità e non paura; che rispetti i diritti sociali e promuova il lavoro; che non faccia mercato del proprio territorio; che salvaguardi i beni comuni e non svenda il suo patrimonio; che non realizzi grandi opere inutili, ma investa sulla manutenzione della città e delle sue bellezze; che usi le imposte e le tariffe per redistribuire la ricchezza e per finanziare e gestire servizi pubblici. Una politica insomma che salvaguardi Roma e le dia un futuro di crescita economica e serenità sociale.

C’è bisogno di un’alternativa, di un nuovo progetto di società che guardi ai valori civili e sociali della Costituzione e superi i confini dei partiti tradizionali. Un progetto che unifichi le aspirazioni di chi avverte l’urgenza di impegnarsi al servizio della democrazia.

Tanti e tante, ci auguriamo, saranno protagonisti di questo percorso. Noi vogliamo essere solo un inizio, un innesco per cominciare insieme a parlare di noi e della nostra città. Vediamoci il prossimo 10 luglio alle 17, alla Casa internazionale delle donne, in Via della Lungara 25.


Prime firme:
Giuliana Aliberti, Andrea Baranes, Andrea Costa, Vezio De Lucia, Francesca Fornario, Francesca Koch, Roberto Giordano, Sandro Medici, Maurizio Messina, Roberto Morea, Roberto Musacchio, Rita Paris, Bianca Pomeranzi, Alessandro Portelli, Enrico Pugliese, Rosa Rinaldi, Giulia Rodano, Bia Sarasini, Enzo Scandurra, Anna Simone, Tina Stumpo, Francesco Sylos Labini, Stefania Tuzi 

Hanno aderito:
Elettra Deiana, Paolo Cento, Vincenzo Vita, Adriano Labbucci, Alfonso Gianni, Vito Meloni, Corrado Morgia, Gemma Azuni, Alberto Campailla, Angelo Fredda, Patrizia Sentinelli, Michele Dau, Maurizio Fabbri, Ferruccio Nobili, Lucia Bartolini, Maurizio Sapora, Sergio Di Julio, Monica Capalbi, Andrea Maccarrone, Lisa Canitano, Marco Schettini, Elio Romano, Domenico Artusa, Michela Becchis.


Per aderire:
civediamoildieci@gmail.com
evento facebook: www.facebook.com/events/1913965345555364
Sullo stesso tema
Eddyburg
Un appello per invitare la Politica a occuparsi di cose che la politica politicante trascura del tutto, mentre sono vitali per chi abita nel pianeta Terra (e in Italia) oggi e vorrebbe viverci anche domani. In calce le adesioni
Eddyburg
17 ottobre 2017. Una iniziativa che dovrebbe ripetersi in ogni piazza d'Italia, grande o piccola sia la città o il paese. Un appello che dovrebbe essere un canto per tutti i petti
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg