Chi non risica non rosica: l’università diligente e il risiko immobiliare
Giancarlo Consonni
Dialoghetto sull'azione congiunta di due importanti attori delle politiche urbane: Regione e università. Jobnotizie.it online



Cosa è venuto fin qui daRegione Lombardia in fatto di pianificazione urbanistica? Governo dellatendenza insediativa in coerenza con interventi mirati sul sistema deitrasporti? Non scherziamo. Il respiro strategico non è andato oltre il recuperodi sottotetti e cantine. E, naturalmente, l’approvazione e il sostegno ainterventi infrastrutturali nati altrove e tesi a privilegiare ancora una voltail trasporto su gomma (Brebemi, Pedemontana). Niente male per un contesto untempo all’avanguardia per i trasporti su ferro.
-    Ma come – misento tirare per la giacca –: non hai visto la messa in campo di una cittànuova?
-    E dove?
- Non fare lognorri: è la prospettiva finalmente definita per l’area ex-Expo: un fattoeccezionale che, per una volta, vede concordi Stato, Regione, Comune di Milanoe Città Metropolitana.
-    Ma guarda: unanuova città nell’area più densamente costruita e abitata d’Europa! Occorreavere una grande intelligenza strategica, oltre che una considerevole riservadi risorse economiche, per mettere in campo una cosa simile. Sono sbalorditodalla lungimiranza dei nostri governanti…
-    Siccome ilrischio di aggiungere un nuovo capitolo alla vicenda delle cattedrali neldeserto è dietro l’angolo, si è deciso di fare sul serio: non singolicontenitori, ma una vera e propria città…
-    E come concepita?
-    La piastrasupertecnologica c’è già: basta attaccarvi gli edifici in modo dar vita a unpolo di rilevanza metropolitana.
-    Prima leinfrastrutture primarie e poi il disegno urbano: un caso curioso dirovesciamento della logica.
-    È il contesto chelo richiede…
-    Un esperimentoche potrebbe fare scuola: da utilizzare, per esempio, nella colonizzazione diMarte.
-    Intanto su quellapiastra occorre portare la giusta massa critica. Che in questo caso viene dallospostamento delle facoltà scientifiche dell’Università Statale da Città Studi…
-    Curioso: in questiultimi decenni sul fronte dell’Università non si è fatto che tagliare ifinanziamenti pubblici e ora si trovano soldi freschi per questo intervento…
-    È un premio alladisponibilità ad assecondare operazioni strategiche che hanno un consensobipartisan…
-    L’università-Cenerentolaritrova appeal entrando nel risiko immobiliare. Vedo i padri fondatoririvoltarsi nella tomba…
-    Chi non risicanon rosica…
-    Diciamopiuttosto: chiodo schiaccia chiodo.
-    ???
-    Dapprima si èandati in soccorso di Cabassi (primo chiodo), ora si va in soccorso di Arexpo(secondo chiodo). Sempre a spese del contribuente.
-    Ma sull’areaex-Expo le facoltà scientifiche della Statale troveranno una straordinariaoccasione di rilancio…
-    Si gioca sullapelle degli studenti che dovranno fare due chilometri a piedi per raggiungerele aule dalla stazione della metropolitana…
-    Una soluzione sitroverà…
-    C’è pur semprel’esempio di Bicocca (altra operazione dove il pubblico è corso in soccorso delprivato). Con in più che ora non siamo in una fase espansiva dell’università(vedi il numero chiuso adottato per le facoltà umanistiche) e ci viene servito sulpiatto un trasferimento di cui non si sentiva proprio il bisogno. E che nessunpiano, regionale o comunale, aveva previsto: il classico coniglio dal cappello…
-    Un coniglio èsempre meglio che la morta gora. L’operazione metterà comunque in moto nuoviinvestimenti su Città Studi…
-    Dove, perchél’Università Statale trovi la parte rimanente delle risorse necessarie altrasferimento, si dovranno fare concessioni agli operatori immobiliari da partedel Comune…

-    Di cosa tiscandalizzi: se si è fatto per CityLife, perché non si può trovare una modalitàanaloga per un’operazione di ben altra portata strategica?
Sullo stesso tema
Lodo Meneghetti
I contrafforti dell’urbanistica hanno ceduto, sembianti dell’architettura si sono sfigurati, spazi umanizzati si sono imbestiati, ragione e sentimento del bello si sono anestetizzati, corpo-anima del brutto si è impinguato. (segue)
Maria Cristina Gibelli
Continua senza pudore a Milano la farsa della consultazione dei cittadini sui ‘grandi progetti’ di rigenerazione urbana.
Vincenzo Robustelli e Mario Vitiello e A
Giovedì 28 febbraio, ore 18.00, a Milano presso l’auditorium Stefano Cerri di via Valvassori Peroni si tiene un importante incontro pubblico per discutere dell’inaccettabile progetto di svuotamento di Città Studi: con Salvatore Settis, Paolo Berdini e Serena Vicari Haddock.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg