Un appello per la pace
Eddyburg
Un appello per sbloccare una decisionecriminale dei governi europei. Firma utilizzando il link in calce. Wemove online, 16 giugno 2017


la settimana scorsa la Commissione Ue ha proposto destinarecirca 500 milioni di euro all’anno dal budget Ue alla Ricerca e lo sviluppo alsettore bellico e delle tecnologie Questo denaro non sarà quindi destinato adaltri settori come lo sviluppo sostenibile e la tutela dell’ambiente. Questamanovra è lo specchio delle intenzioni della lobby europea dell’industriabellica. La guerra di solito non è un buon affare, se non per l’industriabellica. 
Tra sei giorni i governi degli Stati membri si incontrerannoper discutere i vari aspetti del piano. La decisione finale rimane aiministri. La buona notizia è che la proposta è allo stadio iniziale e abbiamola possibilità di bloccarla sul nascere!
Vogliamo contattare il Presidente del Consiglio Ue el’Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica disicurezza, protagonisti dell’imminente summit e dobbiamo esseresicuri che capiscano che i cittadini europei si aspettano che la proposta dellaCommissione venga rifiutata. Ti vadi aiutarci di unirti a noi e di aiutarci a raccogliere 100.000 firme perfermarli?
L’industria bellica è particolare, perché trae profitto dalconflitto e dalla guerra. Almeno cinque paesi Ue hanno venduto armi e munizionia quattro paesi coinvolti nel conflitto in Siria dal 2012. La proposta dellaCommissione mira a potenziare le capacità di questi Stati di esportare armisofisticate, finanziate con il denaro di chi paga le tasse. L’Ue nondovrebbe trattare in maniera privilegiata questo tipo di industria.
Eppure la Commissione si sta muovendo in questo senso. Ifinanziamenti al settore bellico dovrebbero provenire dai “risparmi” delbudget Ue - risparmi che potrebbero invece essere investiti per sostenereprogrammi poco finanziati come quelli legati alla tutela dei diritti umaniPotenziare la militarizzazione a scapito dei diritti umani e della risoluzionedi conflitti: questa non è l’Europa di pace che vogliamo costruire.
Molti pacifisti in Europa e decine di organizzazioni si sonomobilitate la scorsa settimana. Ma hanno bisogno di noi, di migliaia di noi,per essere sicuri di essere ascoltati. E qui entriamo in gioco noi e lanostra comunità: possiamo dare un grande sostegno a chi lotta in nome dellapace. Abbiamo sei giorni prima del summit a Bruxelles - non perdiamoquesta opportunità! Fai appello al tuo governo ora!
Il modo migliore per moltiplicare l’impatto della nostraazione è inoltrare questa e-mail ai tuoi contatti. I tuoi amici si fidano di tee questa è la migliore garanzia per essere sicuri che si impegnino ad agire!Dobbiamo essere in migliaia e basta davvero solo un clic: ti va di inviarequesta e-mail ai tuoi amici?
Sperando in un futuro di pace,
Olga (Bologna), Virginia (Madrid), Oliver (Berlino) e tuttala squadra di WeMove



Sullo stesso tema
Eddyburg
Un appello per invitare la Politica a occuparsi di cose che la politica politicante trascura del tutto, mentre sono vitali per chi abita nel pianeta Terra (e in Italia) oggi e vorrebbe viverci anche domani. In calce le adesioni
Eddyburg
17 ottobre 2017. Una iniziativa che dovrebbe ripetersi in ogni piazza d'Italia, grande o piccola sia la città o il paese. Un appello che dovrebbe essere un canto per tutti i petti
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg