Le agenzie interinali a Marghera, da Hollomon a Brugnaro
Gianni Moriani
Dal divieto dell’attività di collocamento privata e della mediazione di lavoro interinale alla sua regolarizzazione. La Nuova Venezia, 6 marzo 2017 (m.p.r.)




I recenti sei arresti in Puglia per la morte di una bracciante, sollevano il problema del ruolo delle agenzie interinali, che hanno avuto sorprendentemente Marghera come incubatore. Vediamo perché. Sino alla liberalizzazione degli anni Novanta, in Italia il mercato del lavoro era sottoposto al regime del sistema di collocamento pubblico obbligatorio gestito da uffici pubblici, regolato dalla legge 264 del 1949. La successiva legge 1369 del 1960 vietava la mediazione e l’interposizione nei rapporti di lavoro; l’inosservanza di questa norma comportava l’applicazione di pesanti sanzioni penali. Il divieto dell’attività di collocamento privata e della mediazione di lavoro interinale aveva la giusta finalità di tutelare i lavoratori.
Nel 1993, Charles Edward Hollomon (uno statunitense della Georgia dalla doppia nazionalità), fondò a Marghera l’agenzia Spider: una vera e propria agenzia interinale avente per oggetto specifico l’intermediazione per il lavoro ad interim (dal latino, provvisorio): fu la prima del suo genere in Italia. Che questo sia accaduto nella Marghera industriale, cioè nella terra di uno dei capisaldi delle lotte operaie negli 1960/70, appare come una beffa del destino, uno sfregio sul volto della sua storia. L’agenzia di Hollomon si occupava di far incontrare domanda e offerta nel mercato del lavoro, disponendo di book fotografici dei vari candidati, come quelli tuttora in uso dalle agenzie per cercare una/un partner o una escort. 
Nel Veneto, in breve tempo l’agenzia Spider mise assieme più di 200 mila curricula. Essendo “contra legem” l’imprenditore dovette chiudere l’attività. Con la legge delega 196 del 1997, sollecitata dall’Unione Europea (conosciuta come legge Treu, all’epoca ministro del Lavoro e della Previdenza sociale) vennero emanate le norme per regolare direttamente l’apprendistato e legalizzare il lavoro interinale, fino ad allora illegale in Italia. Tant’è vero che prima dell’approvazione della legge 196, in un faccia a faccia televisivo con Hollomon, il ministro Treu definì illegale l’attività intrapresa dall’agenzia Spider. 
Aperta la strada, immediatamente (1997) Luigi Brugnaro fondò, sempre a Marghera, sfregiandola così nuovamente, l’agenzia interinale Umana Spa, che rapidamente diventò leader indiscussa in Veneto (ora è l’ottava agenzia per fatturato in Italia). Non va dimenticato che Ferruccio, il padre di Luigi Brugnaro, quando lavorava alla Montefibre, organizzò lotte durissime contro la precarietà del lavoro, fino a prendersi le manganellate della polizia e ad alzare contro queste ingiustizie un alto grido di protesta nelle sue poesie, scrivendo: sono sempre stato con “la gente più sfruttata della terra”. 
Le agenzie interinali si arricchiscono sfruttando la precarietà del lavoro, in particolare quella che colpisce i giovani, i nostri figli. Di fatto, queste agenzie si configurano come una legalizzazione dell’abominevole intermediazione, svolta dal caporalato. Che nella morte della bracciante agricola Paola Clemente, stroncata dalla fatica tra i vigneti di Andria nel luglio 2015, sia implicata anche un’agenzia interinale, la dice lunga tanto sulla sgangheratezza del nostro sistema normativo, quanto sulla inadeguatezza dei controlli ai quali queste agenzie sono sottoposte. Turba non poco le nostre coscienze di cittadini veneziani avere un sindaco paladino delle agenzie interinali (dal 2012 al 2014 egli è stato addirittura il presidente dell’associazione di categoria nazionale), che, seppur legalmente riconosciute, possono essere ritenute eticamente esecrabili, perché è dis-umana ogni attività che “specula” sull’intermediazione del lavoro. 
Sullo stesso tema
Roberto Ciccarelli
Il manifesto, 17 giugno 2018. Resoconto di una manifestazione contro il razzismo e contro lo sfruttamento. Forse segna l'inizio di un percorso di liberazione. Con commento (e.s)
Lorenzo Cini e Nicolò Bertuzzi
Sbilanciamoci.info, newsletter 551, 11 maggio 2018. Un'inchiesta ampia e accurata che testimonia non solo la delusione per la vecchia politica politicante, ma anche la rassegnazione a una situazione che non si spera di poter cambiare
Laura Pennacchi
il manifesto, 3 maggio 2018. 
Tentativi generosi di trasformare il capitalismo rimanendo nel suo ventre e utilizzando "a buon fine" le innovazioni tecnologiche non sembrano suscettibili di interrompere la sua discesa verso il baratro
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg