Il freddo e gli strumenti per assistere i senza fissa dimora
Don Virginio Colmegna
Don Virginio Colmegna riflette sull' "emergenza freddo" di queste settimane. Ne approfittiamo per chiedere ai lettori di eddyburg di area milanese di mobilitarsi: per favore, portate alla Casa della Carità coperte, giacconi, indumenti invernali maschili e scarpe. Il servizio docce è in grande difficoltà! la Repubblica Milano, 13 gennaio 2017 (m.c.g.)



Perché non vanno nei dormitori? Perché rifiutano l’accoglienza? Perché preferiscono la strada anche con queste temperature? In questi giorni di gelo, sono domande che mi capita spesso di sentire quando si parla di senza dimora. Ne ho conosciuti parecchi e altrettanti ne incontro ogni giorno. Eppure una risposta non ce l’ho. O meglio, non ne ho una sola, univoca, ma tante e diverse. Come tante e diverse sono le persone che in questo inverno continuano a dormire all’addiaccio.

Luigi lo fa perché in dormitorio ha avuto brutte esperienze, Maria perché ha problemi di salute mentale, Abdel perché è senza documenti, Aleksander perché, da poco in Italia, ancora non sa dove chiedere aiuto ed Emanuele perché non vuole separarsi dal cane. Sono motivazioni che possono essere considerate sensate o folli, ma che ci ricordano quanto gli homeless non siano una massa indistinta e omogenea. Sono persone senza dimora, certo, ma pur sempre persone che, in quanto tali, hanno un’individualità, una storia, relazioni, necessità e idee, giuste o sbagliate che siano. Il dovere di aiutarle però rimane. E non solo quando le temperature scendono sotto zero.

Le assi lungo cui muoversi sono due. La prima è strutturale e di lungo periodo, ed è la lotta alla povertà, intesa in una doppia accezione: prevenzione, da un lato, e percorsi di uscita, dall’altro. Mi sono già augurato che Milano diventi in questo ambito un esempio nazionale e, quindi, spero proprio che nel 2017 si affronti seriamente il tema del reddito di base. Nel frattempo però - e questa è la seconda direzione - serve aiuto per chi in strada già c’è. In Italia i senza dimora sono 50.724. Come ha dichiarato la presidente fio.PSD Cristina Avonto, «se si lavorasse in una logica di programmazione, durante tutto l’anno, quando arriva l’inverno non saremmo in questa situazione». Ha ragione: per proteggere davvero i senza dimora dal freddo, servono percorsi continuativi di conoscenza e fiducia.

Anche Milano deve operare in quest’ottica, pur tenendo conto delle sue peculiarità. La nostra è la città che in tutto il Paese ospita il maggior numero di homeless: 12.004. Ed è anche uno dei centri che oggi mette a disposizione più posti durante la cosiddetta “emergenza freddo”: 2.780, il doppio rispetto al 2010. Eppure, in questi giorni, alcuni di questi letti, tra i 200 e i 300, sono rimasti vuoti. Sembra un paradosso. Io credo debba debba diventare uno stimolo.

Dopo l’aspetto quantitativo, bisogna migliorare anche l’aspetto qualitativo dell’accoglienza. Più che dormitori, servono alberghi e non sto parlando di stanze singole, bagni lussuosi e stelle di qualità. Gli alberghi vanno incontro alle esigenze dei loro clienti. Così dovrebbero fare anche i servizi per la grave emarginazione, offrendo risposte non massificate, il più diversificate possibili, adatte alle diverse esigenze, segnate da una continuità della relazione e da una pluralità di servizi.

Non solo. Esiste una porzione di popolazione senza dimora che faticherebbe comunque a entrare nel circuito dell’ospitalità. È il caso di quel cittadino polacco mancato per il freddo in via Antegnati alcuni giorni fa. Milano deve occuparsi anche delle persone come lui, mettendosi proattivamente alla loro ricerca, andando loro incontro non solo durante l’inverno.

Credo sia necessario allora creare un osservatorio che monitori tutte quelle aree dove il disagio è forte e nascosto. Penso a una struttura snella che raccolga informazioni, segnali criticità e interagisca coi servizi. Ma soprattutto immagino uno strumento utile alle istituzioni, per far sì che il freddo, anche il più improvviso e rigido, non sia più un’emergenza per Milano e i suoi cittadini senza dimora.


Sullo stesso tema
Marco Pozza
Huffington post e la Nuova Venezia, 19-20 novembre 2017. «Siamo alla vigilia delle celebrazioni della Giornata Mondiale dei Poveri. Non la giornata mondiale della povertà, non la giornata mondiale contro la povertà». Articoli dei sacerdoti Camillo Ripamonti e Marco Pozza.(m.p.r.)
Pietrangelo Buttafuoco
il Fatto Quotidiano, 20 novembre 2017. «Privi d’identità, vivono confinati nelle riserve, registrati in un’anagrafe separata con una “Status card”, non pagano tasse e sono sussidiati con 800 $ al mese». (p.d.)
Eddyburg
Internazionale, 17 Novembre 2017. L'11 novembre era l'anniversario dell'indipendenza polacca, celebrazione che è diventata un punto di riferimento per i movimenti di estrema destra di tutta Europa (segue). (i.b)
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg