Ambiente, l’ultima fiammata di Obama prima dell’era Trump
Luca Celada
«Il caso Fca. Il nuovo segretario di Stato è l’ex numero uno della Exxon, mentre all’Epa - l’agenzia di tutela dell’ambiente - il neo presidente ha messo Pruitt, amico delle corporation». il manifesto, 14 gennaio 2017 (c.m.c.)


Quello della nuova amministrazione sarà un dietrofront coordinato su tutti i fronti per riportare il paese indietro di mezzo secolo su riforme, rete sociale, immigrazione, voto alle minoranze e ambiente. Per molti versi la politica ambientale è stata la maggiore success story dell’amministrazione Obama. Negli ultimi 8 anni la generazione di energia eolica è aumentata di 30 volte, all’industria sono state imposte le norme atmosferiche più severe di sempre e ai costruttori di auto regole di efficenza che entro il 2050 dovranno dimezzare i consumi di carburante.

La multa di 4,3 miliardi di dollari imposta alla Volkswagen per la truffa delle emissioni diesel e il fascicolo Fiat aperto l’altro giorno dalla Environmental Protection Agency (EPA), dimostra la priorità della protezione dell’ambiente. Ma se la VW pagherà, la pratica Marchionne verrà quasi certamente archiviata dal governo che si insedierà venerdì prossimo.

Trump che ha promesso di «rifare grandi gli idrocarburi americani», ha schernito le politiche ambientali di Obama come una crociata contro l’industria. Il governo che ha scelto come Segretario di Stato il presidente della Exxon, quasi sicuramente dichiarerà guerra all’ambientalismo globale col possibile rinnegamento degli accordi di Parigi.

Quanto alle politiche domestiche nulla può essere più emblematico della nomina a direttore dell’EPA di Scott Pruitt. Presentato da Trump come «leader nazionale contro la guerra al carbone promossa da Obama» il compito di Pruitt sarà quello di firmare una resa incondizionata dell’ambiente che il suo dicastero sarebbe tenuto a tutelare. Come procuratore generale dell’Oklahoma Pruitt ha passato una carriera a querelare l’ente stesso che ora va a dirigere per conto di conglomerati energetici.

Agli atti del suo ufficio esistono lettere di protesta per le «eccessive norme ambientali» rivelatesi poi copiaincollate da comunicati di aziende petrolifere, come la Devon Energy, che dominano l’economia dell’Oklahoma. Con la scusa della «tutela dei diritti degli stati» dall’ingerenza federale la missione di Pruitt, la cui nomina è stata valutata come uno scherzo crudele dalla comunità ambientalista, sarà di rottamare quarant’anni di protezioni ambientali e dare libero impulso a una politica energetica dettata dai petrolieri a base di carbone, fracking e trivellazioni in aree protette. È facile immaginare quindi che la prosecuzione delle infrazioni automobilistiche comprese quelle della Fiat Chrysler non saranno prioritarie per la EPA di Pruitt.

Il valore delle ultime iniziative di Obama sembrerebbe dunque del tutto simbolico, ma forse ma non del tutto. Molte battaglie politiche infatti sono ora destinate a spostarsi sul confronto fra una Washington espugnata dalle corporation e le amministrazioni statali.

Sull’ambiente sarà determinate il peso della California: lo stato più popoloso rappresenta ad esempio di gran lunga il maggiore mercato automobilistico nazionale e per questo è da sempre battistrada sulle politiche ambientali. Non è pensabile competere senza adeguarsi alle norme che permettono la commercializzazione di vetture in California. È la ragione per cui all’atto pratico le regole californiane si convertono di fatto in norme per tuttii costruttori. Lo ha appreso Marchionne quando è stato obbligato a rispettare le quote richieste e commercializzare in California le 500 elettriche che sul suo bilancio gravano come una perdita, come non perde occasione di lamentare.

La protezione dell’ambiente americano – e globale – dipenderà quindi in parte dall’adeguamento all’innovazione tecnologica imposta sulla West Coast e che il governatore Jerry Brown ha giurato se necessario di difendere a tutti i costi. L’iniziativa di Obama a carico dell Fiat è un ultimo assist a chi come lui dovrà, nella notte trumpista, raccogliere il testimone ambientale.
Sullo stesso tema
Virginia Della Sala
il Fatto Quotidiano, 15 novembre 2017. «Oltre 60 miliardi di investimenti nelle energie rinnovabili: l’isola del Pacifico cerca di smarcarsi da Pechino puntando sull’ecologia. Ma alla Cop23 viene messa alla porta». (p.d.)
Pierfrancesco Curzi
«In barba alla crisi economica, il presidente porta avanti il progetto di una nuova Capitale».
Eddyburg
Lo Stato della California assume la leadership della difesa degli "immigrati illegali" che la feroce politica di Donald Trump vuole cacciare dalla loro patria.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg