Uno solo al comando, un favore alle mafie
Antonio Ingroia
Se passa la controriforma Renzi-Boschi-Napolitano sarà più semplice per la mafia e le altre lobby più o meno occulte controllare la politica. Il Fatto Quotidiano, 1 dicembre 2016 (p.d.)
Era inevitabile che i toni della campagna referendaria si sarebbero inaspriti con l’approssimarsi del voto, ma si è andati piuttosto al di là delle peggiori previsioni, vista la gran quantità di sciocchezze messe in libertà dai tanti che, incapaci di confrontarsi nel merito, fanno a gara a chi dice la cretinata più grossa.

In una campagna elettorale ove si riaffacciano tanti ruderi della Prima Repubblica, è ricomparso perfino l’ex Guardasigilli Claudio Martelli, che non perde occasione, neppure quando si parla di referendum, per cercare di ridicolizzare la trattativa Stato-mafia, forse perché cerca di nascondere la verità: e cioè che la sua vita di condannato a morte dalla mafia è stata salvata, assieme a quella di vari politici e ministri del tempo, proprio grazie a quella oscena trattativa che ha mietuto decine di vittime innocenti.

E già che c'era, confuso e a corto di argomenti, come tanti sostenitori del fronte del Sì, ha affastellato un po’ di commenti denigratori della mia persona e degli argomenti per votare No, confondendo il Guatemala con il Nicaragua, attribuendomi incarichi che non ho mai ricoperto, citando a sproposito Crozza, e provando a ridicolizzare un processo serio e supportato da prove robuste, come quello sulla trattativa, che ha l’unica colpa, agli occhi della casta politica che ne ha beneficiato, di voler fare chiarezza su una delle pagine più dolorose e buie della nostra storia.

Ma se dilungarsi su Martelli sarebbe tempo perso, va affrontato seriamente un argomento che sostengo con convinzione, anche sulla base di ciò che sappiamo sulla mafia. Dire che il No è un voto antimafia, perché alle mafie questa controriforma non può che piacere, non è una boutade o un eccesso da campagna elettorale, come la liquida chi non ha capito o voluto capire. È invece una logica e dimostrata conseguenza di alcune premesse.

Se è vero, come è vero,che l’obiettivo strategico coerentemente perseguito con questa pessima riforma è quello di trasformare la nostra democrazia orizzontale in una Repubblica verticale, di tagliare spazi di partecipazione e contrappesi istituzionali per favorire la concentrazione del potere nelle mani di un uomo solo al comando, è perfino banale desumerne che quell’uomo solo sarà più facilmente condizionabile dalle lobby occulte che hanno sempre condizionato la storia del nostro Paese.

Non è un caso che questa riforma riprenda antichi progetti, rilanciando soluzioni messe nero su bianco anni addietro dalla commissione Trilateral, dalla P2 e da banche d’affari come la Jp Morgan. E fra le tante lobby occulte, quali hanno avuto in Italia maggiore capacità di condizionamento della politica e dell’economia se non le organizzazioni mafiose che hanno operato e operano attraverso il controllo del territorio e dei voti, i legami con la massoneria deviata, e la convergenza d’interessi con insospettabili centri di potere affaristico-finanziario?

Se passa la controriforma Renzi-Boschi-Napolitano, per la mafia sarà chiaramente più semplice controllare la politica, e per questo è normale che abbia interesse a che vinca il Sì, così come tutte le altre lobby più o meno occulte che hanno sostenuto analoghi progetti di stravolgimento di una Costituzione, come la nostra, fondata sulla democrazia orizzontale.

Verticalizzare e centralizzare il potere ne facilita il condizionamento. E per farlo occorre desovranizzare il popolo e togliere ogni decentramento e orizzontalità al potere. È proprio per questo che opporsi a questo disegno votando No è un voto antimafia.

Ma oggi in Italia di mafia non si vuole parlare, c’è una totale rimozione collettiva, tant’è che in nessun dibattito, tribuna politica o talk show viene mai dato spazio e voce a chi sostiene certe “eresie”. Troppo pericoloso. Si diceva una volta che la mafia non esiste. Evidentemente per qualcuno è ancora così.
Sullo stesso tema
Elena Tebano
Corriere della sera, 26 maggio 2018. Una buona sentenza della Corte costituzionale a proposito degli accessi agli asili. Ma il vulnus alla Carta del 1948 è ben più profondo, con commento (e.s)
Liana Milella
la Repubblica, 21 maggio 2018. Il durissimo giudizio di un sommo giurista, sempre in prima linea nella difesa dell’uguaglianza e nella democrazia come declinate dalla Costituzione, intervistato da Liana Milella. Lo ascolterà Mattarella?
Tomaso Montanari
il Fatto Quotidiano, 16 maggio 2018. L'opportuno riepilogo delle affermazioni di Matteo Salvini, leader della destra razzista italiana, espressione di una visione politica che il presidente della Repubblica non può accettare
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg