Il Sì divide, il No può unire
Gianni Ferrara
«Chi vota "sì" non potrà sentirsi defraudato di alcunché se prevale il «no». La costituzione del 1948 è sempre stata ed è anche la sua Costituzione, è la Costituzione di tutti». il manifesto, 4 dicembre 2016 (c.m.c.)


La Legge costituzionale 15 aprile 2016, n. 88, sulla quale si sta votando, ha già prodotto un effetto. Ed è sicuro, profondo, dilaniante. Ha diviso la Nazione nel suo fondamento, nel suo patto di convivenza. L' ha divisa come mai era accaduto nell’Italia repubblicana.

Non era accaduto in nessuna elezione, neanche durante la guerra fredda, neanche in quella che respinse legge-truffa. La Dc aveva ibernato la Costituzione, ma non l' aveva mai rinnegata, mai provato a deformarla. Non era accaduto in occasione del primo referendum che pur aveva ad oggetto un istituto sensibilissimo per la cultura cattolica. Non era accaduto neanche nel 2006 quando il corpo elettorale respinse il disegno del «premierato assoluto» ordito da Berlusconi.

Accade ora, ed accade perché l’attacco proviene dal governo presieduto da chi capeggia il partito che si era storicamente qualificato come il baluardo della democrazia costituzionale e lo ha diviso. Dopo averne geneticamente modificato gran parte, certamente al vertice. Accade ora, ed accade per la pressione delle centrali del liberismo economico, più agguerrite dopo la crisi, come le banche, e le agenzie di rating, e come l’istituzione sovranazionale del neoliberismo che è Bruxelles, l’Unione europea. Le une e l’altra quanto mai mobilitate a ottenere la riduzione della rappresentanza e l’amputazione delle domande della democrazia, le une e l’altra quanto mai esigenti della stabilità del loro potere, per la governabilità dei più, imponendola ad uno solo, in cambio di fatue preminenze.

La divisione è profonda, vasta e dilaniante perché ha rotto il patto fondante della Repubblica, il patto delle regole della convivenza democratica, di quella civile e di quella politica. Come tale, la divisione era forse imprevista dallo stesso Renzi. Per la lacerazione del tessuto nazionale che ha prodotto avrà sorpreso, con ogni probabilità, anche chi autorevolmente la aveva auspicata, sollecitata e richiesta.
Con i suoi 47 articoli di sconvolgimento della seconda parte della Costituzione, questa legge è oggi votata per essere accettata o respinta da 50 milioni e più di cittadine e di cittadini della Repubblica. È sul patto di cittadinanza quindi che 50 milioni di cittadini stanno votando.

L’accettazione di tali articoli, delle norme che contengono, del disegno complessivo del vertice della Repubblica, del tipo di rapporti tra Stato e Regioni che tali articoli determinano, potrà riunificare le due parti della Nazione che si sono divise e scontrate?Chi avrà respinto il contenuto di tali articoli, il disegno complessivo che ne deriva potrà mai accettare un patto che aveva respinto come proposta? Potrà mai sentirsi vincolato da norme non volute, volte a configurare un regime rappresentativo che ritiene ristretto, con un parlamento mutilato del suffragio popolare di uno dei suoi rami? Può accettare una forma di governo derivata da un meccanismo impregnato di assolutismo ? Potrà rassegnarsi ad un patto dettatogli da chi egli crede che non aveva il potere legittimo per dettarglielo?

Chi vota «sì» non potrà sentirsi defraudato di alcunché se prevale il «no». La costituzione del 1948 è sempre stata ed è anche la sua Costituzione, è la Costituzione di tutti. Potrà essere certamente revisionata assieme a votanti «no» in un clima di ricostruita unità nazionale.
Il «sì» divide. È il «no» che potrà unire.
Sullo stesso tema
Elena Tebano
Corriere della sera, 26 maggio 2018. Una buona sentenza della Corte costituzionale a proposito degli accessi agli asili. Ma il vulnus alla Carta del 1948 è ben più profondo, con commento (e.s)
Liana Milella
la Repubblica, 21 maggio 2018. Il durissimo giudizio di un sommo giurista, sempre in prima linea nella difesa dell’uguaglianza e nella democrazia come declinate dalla Costituzione, intervistato da Liana Milella. Lo ascolterà Mattarella?
Tomaso Montanari
il Fatto Quotidiano, 16 maggio 2018. L'opportuno riepilogo delle affermazioni di Matteo Salvini, leader della destra razzista italiana, espressione di una visione politica che il presidente della Repubblica non può accettare
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg