Grillo: "Adesso è il momento di proteggerci, rimpatriare subito tutti gli immigrati irregolari"
Annalisa Cuzzocrea
Difficile riuscire a giovare, al tempo stesso, a Matteo Salvini, raggiungendolo nel suo inferno razzista e xenofobo, e  a Matteo Renzi, al quale si toglie l'unico antagonista numericamente significativo. Grillo sembra esserci riuscito. A meno che il movimento che ha creato riesca a liberarsi di lui. La Repubblica, 24 dicembre 2016


Adessoè il momento di agire e proteggerci, scrive Beppe Grillo sul blog del Movimento5 Stelle. E aggiunge, tra le cose da fare subito, il rimpatrio immediato -« a partire da oggi» - di tutti gli immigrati irregolari. E lasospensione del trattato di Schengen - con la chiusura immediata dellefrontiere - in caso di attentati in Europa almeno finché il livello di allertanon si è abbassato.

«Due agenti della polizia, Cristian Movio e Luca Scatà - dice il capopolitico M5S -  stanotte hanno rischiato la loro vita durante un banalecontrollo di documenti.
L'uomoche avevano fermato era l'assassino di Berlino che ha subito estratto la pistola ferendo Cristian.Luca, poliziotto in prova e con appena 9 mesi di servizio, ha reagito a sanguefreddo, ha sparato e ha ucciso il terrorista. Due eroi, che hanno rischiato didiventare due nuovi santi laici. Tutta l'Italia, tutta l'Europa sono grate aquesti due ragazzi. Io personalmente mi sento in dovere di ringraziarli eabbracciarli, specialmente Cristian che ora è in ospedale con una spallaforata».

Ma, continua Grillo, «è folle che due agenti ordinari debbano essere messia repentaglio e ritrovarsi ad avere a che fare con un terrorista ricercato damezza Europa. Questo accade perché la situazione migratoria è ormai fuoricontrollo». Secondo il Movimento 5 Stelle, «l'Italia sta diventandoun viavai di terroristi, che non siamo in grado di riconoscere e segnalare, chegrazie Schengen possono sconfinare indisturbati in tutta Europa».

Il blog conclude con quattro punti programmatici perché «Bisogna agireora». Quindi, «chi ha diritto di asilo resta in Italia, tutti gliirregolari devono essere rimpatriati subito a partire da oggi»; comesecondo punto: «Schengen deve essere rivisto: qualora si verifichi unattentato in Europa le istituzioni devono provvedere a sospenderloimmediatamente e ripristinare i controlli alle frontiere almeno finché illivello di allerta non sia calato e tutti i sospetti catturati»

; terzo:«creazione di una banca dati europea sui sospetti terroristi condivisa contutti gli stati membri, utilizzando anche quelle attuali; quarto, quello che i5 stelle hanno già proposto con una mozione approvata dal Parlamento,«revisione del regolamento di Dublino».

«Fino a oggi è stato il tempo del dolore, della commozione, dellasolidarietà - conclude Beppe Grillo - adesso è il momento di agire eproteggerci».

Prima di lui, aveva parlato Matteo Salvini: «Bisogna votare nel 2017, conprimo punto del programma lo stop all'ingresso di qualsiasi tipo diimmigrazione, fatti salvi donne e bambini che scappano dalle guerre», hadetto il leader della Lega. «In Italia non deve più entrare uno spillo,dal 

2017 su la cerniera».

Arriva anche il commento di Giovanni Toti, governatore della Liguria:«Dobbiamo ripristinare i controlli alle frontiere, ai valichi ferroviari,nei porti, identificare chi arriva sui barconi. Sono sempre stato per un'Europaaperta e accogliente e non penso che la soluzione sia chiudersi
nella paura eliminando i nostri modelli di libertà:chi non ha nulla da nascondere non ha problemi a mostrare un documento neiposti di controllo. Chi invece ha qualcosa da nascondere sarebbe bene noncircolasse liberamente».

Sullo stesso tema
Riccardo Noury
«La risoluzione, sottolinea che gli insediamenti israeliani costituiscono “una flagrante violazione del diritto internazionale e stanno mettendo in pericolo la praticabilità della soluzione a due stati nonché una pace giusta, duratura e completa”». Il Fatto Quotidiano online, 27 dicembre 2016 (c.m.c.)
Alessia Candito
«Riace, dalla ribalta su Fortune ai sospetti per un video “Non voglio ombre”. E dà l’ultima parola ai cittadini
Carlo Di Foggia
Nuovo regalo ai parassiti che hanno fatto il loro nido nel mondo della finanza. Chi pagherà? Ciò che resta del nostro welfare:dalla sanità all’assistenza, dalla formazione alla ricreazione, dalle bellezza all’utilità delle nostre città.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg