Caporalato, diamo voce a chi non ce l’ha
Nicolò Carnimeo
«Un libro che è un grido d’allarme. Enrica Simonetti: "Morire come schiavi. La storia di Paola Clemente nell’inferno del caporalato" , edizioni Imprimatur». Il Fatto Quotidiano online, 29 giugno 2016 (c.m.c.)




Bisogna dare voce a chi non ce l’ha. A chi non ha alcun diritto se non quello di morire di fatica, sotto un sole e una calura che, al Sud, spesso non perdona. La manifestazione e il corteo a Bari dei giorni scorsi ha riportato all’attenzione dell’opinione pubblica la piaga del caporalato che riguarda non solo gli immigrati ma anche moltissimi italiani.

Lo sfruttamento non ha colore. Non possiamo rimanere indifferenti, è necessario informarsi, capire cosa accade sotto i nostri occhi. Chi volesse farlo può leggere il documentato saggio di Enrica Simonetti: Morire come schiavi. La storia di Paola Clemente nell’inferno del caporalato, edizioni Imprimatur.

L’autrice è una giornalista e racconta “quasi” in prima persona la storia di Paola Clemente, morta a quarantanove anni nei campi di Andria, e delle sue braccia, sfruttate per troppe ore nei campi, con la ricompensa di due euro all’ora.Un libro che è un grido d’allarme, un saggio che possiamo definire “letterario”, perché Enrica Simonetti è capace di raccontare; la sua inchiesta indaga le radici di un Sud (non ci riferiamo solo al nostro, ma a tutti i Sud) dove le piaghe non si rimarginano mai.

Rimangono vive perché figlie dello stesso sistema economico che le ha create, del quale siamo tutti complici, non solo perché abbiamo perso la capacità di indignazione, ma perché continuiamo a comprare i prodotti delle aziende i cui prodotti sono figli dei “campi della vergogna” dove, appunto, si muore per due euro all’ora.

Ci vorrebbe un altro Di Vittorio? Sì, forse, ma Di Vittorio può e deve essere ciascuno di noi, basta non chiudere gli occhi, denunciare come ha fatto la brava giornalista del saggio.
Sullo stesso tema
Gilberto Pierazzuoli
perUnaltracittà online, 4 giugno 2018. Un nuovo contributo all’analisi di nessi decisivi per il nostro presente e il futuro dell’umanità nel quadro della riflessione sull’ecologia politica e della tensione tra operaismo e decrescita
Piero Bevilacqua
Per una didattica della carezza, Progedit Bari, 2017, pp. 214. «Una requisitoria contro quel “tipo di educazione, in cui la qualità dell'istruzione è misurata sulla quantità di competenze e conoscenze che l'insegnante riesce a depositare nella testa dello studente”».
Piero Bevilacqua
Osservatorio del sud, 10 aprile 2018. Il primo capitolo della Rivista Molisana di storia e scienze sociali 9-10, Beni comuni, gennaio 2015. (m.p.r.)
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg