Il 25 aprile dovremmo festeggiarlo in classe
Alex Corlazzoli

«Oggi chi educa ha il dovere di porsi una domanda: stiamo facendo tutto il possibile perché quella storia non finisca nella riga di un libro?». Il Fatto Quotidiano online, 24 aprile 2016 (c.m.c.)


“Il 25 aprile? La festa della mamma”. Per fortuna non sono tutti così i giovani ma la video intervista realizzata da Ballarò un anno fa, in occasione del 70esimo della Liberazione, ci mostra uno dei volti degli italiani: ignoranti, disinteressati del passato, menefreghisti, incapaci di fare quell’esercizio della memoria necessario ad un popolo. Ogni volta mi domando: perché siamo arrivati a questo punto? Chi non ha fatto il suo dovere? Cos’è successo in questi anni? E’ possibile che ci sia ancora un giovane che confonde la festa della Repubblica con quella della Liberazione o non sa nemmeno in che anno è accaduta? Nel video citato si vede un giovane di circa 30 anni che spiega alla collega Eva Giovannini “Ritengo ci siano feste più importanti come il Natale o la Pasqua”.

Ascoltare queste parole fa venire i brividi. Ma non basta.

Non basta a chi ha avuto il dono di conoscere Elisa Springer; a chi ha ascoltato il partigiano Armando Gasiani che a 88 anni non smette di andare nelle scuole a spiegare ai ragazzi quei mesi trascorsi nel campo di concentramento a Mauthausen. Oggi chi educa ha il dovere di porsi una domanda: stiamo facendo tutto il possibile perché quella storia non finisca nella riga di un libro? Tra vent’anni, la festa della Liberazione, sarà solo una giornata di vacanza in più?

Ecco perché credo che il 25 aprile dovremmo farlo in classe o fuori dalla scuola, magari andando con i nostri ragazzi al campo di concentramento a Fossoli, a Sant’Anna di Stazzema, a casa dei fratelli Cervi a Gattatico, alla risiera di San Sabba. Oppure dovremmo aprire le nostre aule ai partigiani, a chi ha ancora qualcosa da raccontare ai nostri ragazzi.

Non riesco a sopportare l’idea che lunedì qualcuno possa approfittare del 25 aprile per stare a letto qualche ora in più, per voltare le spalle alla storia e farsi una gita al lago d’Iseo. Non abbiamo bisogno di un giorno in più di vacanza ma di una giornata di vera festa. E la festa si può fare anche in classe. Dobbiamo recuperare il valore delle parole e quello di una giornata come la Liberazione perché non resti solo una scritta rossa sull’almanacco. Lunedì sarebbe bello che mamme e papà, maestri e professori leggessero ai ragazzi uno dei tanti libri scritti per bambini e ragazzi sulla Resistenza. A loro dobbiamo consegnare quello che Elisa Springer, Tina Anselmi, Lia Levi e tanti altri hanno passato a noi. Perché la memoria non duri quanto un orgasmo, come disse un giorno l’amico Marco Paolini.
Sullo stesso tema
Africa Bianchi
Il 25 Aprile 1945 l'Italia si riscattò dall'asservimento al nazismo. Oggi più che mai è necessario il monito di Bertold Brecht: «E voi, imparate che occorre vedere e non guardare in aria; occorre agire e non parlare. Questo mostro stava una volta per governare il mondo! I popoli lo spensero, ma ora non cantiam vittoria troppo presto il grembo da cui nacque è ancora fecondo». Con queste parole si apre il Museo Monumento al Deportato di Carpi,
Alessandro Robecchi
il Fatto quotidiano, 25 aprile 2018. Non è facile far comprendere chi non ha vissuto quegli anni come la nostra libertà di oggi e la tensione verso l'uguaglianza vivono ancora in noi grazie a ciò che allora si riuscì a fare. È ben più facile dimenticare che molti uomini e donne, chiamati "partigiani" morirono per noi
Annalisa Camilli
Internazionale , 20 febbraio 2018. Un popolo che alberga ancora tanto colonialismo, razzismo, e soprattutto ignoranza della sua stessa storia difficilmente può non avere rigurgiti fascisti
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg