Non é colpa di Le Pen se gli altri sbagliano
Antonio Padellaro
«Non sarebbe meglio comprendere, finalmente, le ragioni che spingono milioni di cittadini europei ad abbracciare idee e programmi “sbagliati”, poiché quelli “giusti” stanno sostanzialmente fallendo?». Il Fatto Quotidiano, 8 dicembre 2015 (m.p.r.)
La risposta esatta al successo del Front National in Francia arriva da un altro mondo, il Venezuela, dove in altre elezioni e con altri problemi, Nicolás Maduro, il caudillo travolto dai suoi nemici politici, non ha evocato l’apocalisse e ha preso atto del risultato: “Noi sconfitti ma ha vinto la democrazia”.
Forse il pessimo erede di Hugo Chavez non aveva scelta ma ritornati nel nostro continente ci chiediamo a cosa serva la demonizzazione dei seguaci di Marine e Marion Le Pen, la descrizione di milioni di elettori come dei nazifascisti con le teste rasate oppure dei subumani invocanti l’immediata espulsione di tutti i musulmani dai confini francesi. Certo, domenica sera, di teste rasate ce n’erano in giro a festeggiare, senza contare che le “soluzioni finali” hanno radici profonde nel Paese della Marsigliese ma anche dei collaborazionisti di Vichy. Però, nelle foto dell’esultanza dell’estrema destra, non si vedono camicie brune bensì signori dall’aria benpensante (che forse la volta scorsa avevano votato Sarkozy), alcune dame finte bionde sintoniche alle Le Pen e molti giovani in giacca e cravatta. Insomma, facce della stessa antropologia che in Italia vota per Matteo Salvini, che in Germania riempie le piazze contro la Merkel e le sue aperture ai rifugiati siriani, che ha fornito consensi plebiscitari ai governi xenofobi in Ungheria e Polonia. 
Anche se da essi tutto ci divide (e per chi scrive è certamente così), cosa vogliamo fare? Dequalificarli tutti come elettori di serie B, appestati politici da tenere a distanza con una sorta di razzismo alla rovescia? O non sarebbe meglio comprendere, finalmente, le ragioni che spingono milioni di cittadini europei ad abbracciare idee e programmi “sbagliati”, poiché quelli “giusti” stanno sostanzialmente fallendo? Se «in una delle maggiori società dell’Occidente un terzo dei suffragi ha scelto il partito che più rappresenta la collera, il risentimento, l’odio, la paura del terrorismo» (Bernardo Valli), si tratta di una reazione isterica di massa? O di sentimenti diffusi a cui la sinistra di Hollande e la destra moderata di Sarkozy non hanno saputo dare la risposta giusta, regalandoli alla risposta sbagliata anti-immigrati e islamofoba della destra radicale? 
E se in termini tattici è comprensibile, in vista dei ballottaggi di domenica prossima, la ricerca di un compromesso tra socialisti e centrodestra per arginare l’offensiva del FN, in procinto di annettersi sei grandi regioni, sarà sufficiente ricreare lo spirito del Front Républicain per arginare la deriva lepenista che rifiuta l’euro e invoca il ripristino della pena di morte? O una volta salvato il salvabile non sarebbe meglio un profondo esame dei vizi e degli errori commessi in questi decenni, a targhe alterne, dalle forze “repubblicane”, dalla politica che si sente buona. Il governo socialista che con le stragi di Charlie Hebdo e del 13 novembre ha mostrato di sé il peggio quanto a impreparazione e superficialità. E l’opposizione conservatrice la cui esistenza è certificata soprattutto dagli scandali da cui deve difendersi il suo malconcio leader Sarkozy. 
E sul voto di domenica non avrà avuto anche il suo peso la ragazza Marion che a dispetto del credo reazionario e antiabortista (via le sovvenzioni alle associazioni “multiculturaliste”) impone l’immagine di una politica nuova, femminile, senza scheletri nell’armadio, non più rappresentata dai vecchi politicanti tromboni, attenti soltanto alla conservazione dei propri privilegi? Un po' come in Italia il M5S, o Podemos in Spagna ma con molti meno rischi per la democrazia. Se la Francia repubblicana saprà apprendere la lezione del 6 dicembre, il lepenismo 2.0 potrà essere una delle tante malattie ricorrenti ma guaribili dei sistemi dediti all’autoconservazione. Altrimenti, aspettiamoci un nuovo Houellebecq e una Sottomissione francese riveduta e corretta. Non più un governo islamico moderato che impone lo studio del Corano e consiglia la poligamia, ma una giunta di fascisti in doppiopetto (con l’aggiunta di qualche testa rasata) che persegue la discriminazione etnica e distribuisce armi ai cittadini per la difesa della razza bianca.
Sullo stesso tema
Gianni Ferrara
Una visione ottimistica della proposta di "modifica ragionevole" della Costituzione. Se son rose fioriranno, e a noi le rose piacciono.
Stefano Rodotà
«Il premier Renzi governa come se ci fossero già l’Italicum e la nuova Costituzione. Il presidente Mattarella non distoglierà lo sguardo da questa situazione. Il bipolarismo crolla ma non c’entra il populismo. I partiti non sanno più leggere la società» Intervista di Andrea Fabozzi.
Alfonso Gianni
Tra le cose nelle quali Renzi eccelle, e supera di gran lunga i suoi predecessori, è l'arte di sparare balle. I picchi della menzogna sono più alti. Ma più profonde ci sembrano le valli della credulità. Qualcuno che sa vedere dietrio il fumo per fortuna c'è ancora: gli auguriamo lunga vita
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg