Governo, aiuto. Ma perché?
Emilio Battisti
«La retorica sui successi di Expo impedisce di mettere a fuoco i problemi: oltre all’inquinamento dei terreni, la difficile accessibilità e mobilità, come ottenere una appropriata composizione sociale e come perseguire la qualità urbana perché non si realizzi un altro pezzo di periferia, isolata dal resto del territorio». Il Fatto Quotidiano, 11 novembre 2015 (m.p.r.)
Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha affermato che l’area di Expo «ha caratteristiche uniche sia dal punto di vista logistico che tecnologico» e che quel «milione di metri quadrati … sono raggiungibili facilmente con ogni mezzo… e dotati di infrastrutture tecnologiche». Se fosse vero, per quale motivo ci sarebbe la necessità di fare intervenire il governo nel suo recupero dopo la manifestazione? E come mai per eseguire una normale, per quanto importante, operazione di natura urbanistica da coordinare tra i comuni di Milano e Rho servirebbe, anche a detta del ministro Maurizio Martina, «un interlocutore forte» un «dominus», come lo definisce Pisapia, «che unisca alcuni poteri speciali a un ruolo diretto e strategico all’interno di Arexpo» ossia nella società che possiede le aree?
Considerato che le aree di Expo si estendono sia nel territorio di Milano che in quello di Rho, a che cosa servono allora i due assessori all’urbanistica, Alessandro Balducci e Pietro Romano, sindaco di Rho con delega all’urbanistica? Altri giornali hanno riferito che il principale problema sarebbe Arexpo, soggetto troppo debole per gestire il post evento. Ma Arexpo, formata da Regione, Città metropolitana, Comuni di Milano e di Rho e da Fondazione Fiera comprende le tre più importanti amministrazioni locali che rinunciano inspiegabilmente alle loro prerogative sul governo del territorio. E il ministro Martina ha affermato: «il fatto che lo Stato (o il governo?, ndr) non sia nella società Arexpo è un elemento che ha creato una disomogeneità… Ci troviamo in una situazione non allineata tra gestione e proprietà. Stiamo lavorando per allineare bene le cose e poter essere utili».
Ma perché mai il governo dovrebbe allinearsi? Invocare l’intervento del governo può avere la motivazione di disporre di altri finanziamenti pubblici, oltre a quanto già speso per Expo. La retorica sui successi di Expo e sulla qualità delle aree impedisce di mettere a fuoco i problemi: oltre all’inquinamento dei terreni, dell’aria e acustico, la difficile accessibilità e mobilità, la vischiosità delle procedure, a meno che si ricorra a poteri del “dominus” che con procedure d’urgenza ridurrà garanzie e tutele, la difficile sostenibilità economica che comporterà altri oneri a carico dei cittadini, come ottenere una appropriata composizione sociale per evitare il degrado e realizzare invece una vitale componente della Città metropolitana, e come perseguire la qualità urbana e architettonica perché non si realizzi un altro pezzo di periferia, isolata dal resto del territorio. 
Sono certo di interpretare i sentimenti di molti progettisti e dell’Ordine degli Architetti - fin dal 2008 impegnato a documentare il dopo Expo nei casi emblematici di Hannover, Siviglia e Saragozza - affermando che non rinunceremo a prendere posizione sui problemi che si stanno manifestando, mettendo a disposizione le nostre conoscenze per favorire un pubblico dibattito nel quale inviteremo a confrontarsi i responsabili delle istituzioni. 
Emilio Battisti, architetto, già ordinario di Composizione Architettonica Politecnico di Milano
Sullo stesso tema
Lodo Meneghetti
I contrafforti dell’urbanistica hanno ceduto, sembianti dell’architettura si sono sfigurati, spazi umanizzati si sono imbestiati, ragione e sentimento del bello si sono anestetizzati, corpo-anima del brutto si è impinguato. (segue)
Maria Cristina Gibelli
Continua senza pudore a Milano la farsa della consultazione dei cittadini sui ‘grandi progetti’ di rigenerazione urbana.
Vincenzo Robustelli e Mario Vitiello e A
Giovedì 28 febbraio, ore 18.00, a Milano presso l’auditorium Stefano Cerri di via Valvassori Peroni si tiene un importante incontro pubblico per discutere dell’inaccettabile progetto di svuotamento di Città Studi: con Salvatore Settis, Paolo Berdini e Serena Vicari Haddock.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg