L’iniezione che serve a Pechino
Tonino Perna
«Cina. Liquidità? No, socialismo. Per far ripartire il Paese bisognerebbe seguire il programma di Jeremy Corbyn, che auspica un "più liquidità per tutti"». Il manifesto, 1 settembre 2015

Il crollo della Borsa di Shan­gai non è stato un inci­dente di per­corso, ma il segno tan­gi­bile che anche il modello di accu­mu­la­zione cinese è ormai subal­terno alle dina­mi­che della finanza glo­ba­liz­zata. Nel modo di pro­du­zione capi­ta­li­stico i crolli finan­ziari sono fisio­lo­gici e ser­vono a redi­stri­buire la ric­chezza finan­zia­ria dal basso verso l’alto, a con­tri­buire deci­sa­mente a quel pro­cesso di concentrazione/centralizzazione del capi­tale che a metà del XIX secolo Marx aveva genial­mente intuito.

Nel caso cinese, per spie­garci meglio, sono i novanta milioni di pic­coli e medi rispar­mia­tori che ave­vano inve­stito nella Borsa di Shan­ghai ad averci rimesso le penne: colti dal panico hanno sven­duto i titoli su cui ave­vano inve­stito i pro­pri risparmi. Di con­tro, i grandi gruppi finan­ziari, cinesi e non, hanno avuto l’opportunità di com­prare que­ste azioni a prezzi strac­ciati e lucrare sulla loro risa­lita, come pun­tual­mente si è veri­fi­cato in que­sti ultimi giorni. Ma, la crisi finan­zia­ria non si è chiusa e il mondo trema per­ché l’economia cinese ha avuto finora un ruolo di loco­mo­tiva rispetto al resto dell’economia-mondo.

I mass media occi­den­tali hanno molto apprez­zato l’intervento della Banca Cen­trale cinese che ha abbas­sato i tassi d’interesse e le riserve obbli­ga­to­rie delle ban­che ed immesso una liqui­dità di circa 20 miliardi di dol­lari. Alcuni ana­li­sti hanno usato l’espressione di Quan­ti­ta­tive Easing (Q.E.) alla cinese per indi­care la scelta del governo di Pechino di aumen­tare la liqui­dità del sistema, evi­tando che si inne­sti un pro­cesso defla­zio­ni­stico che por­te­rebbe ad una bru­sca fre­nata dell’economia reale. Ed è qui la que­stione di fondo: il capi­ta­li­smo glo­ba­liz­zato non può sop­por­tare una cre­scita lenta o addi­rit­tura la reces­sione.

Secondo David Har­vey, noto geo­grafo ed eco­no­mi­sta inglese, per man­te­nere un livello accet­ta­bile del tasso di pro­fitto medio la cre­scita eco­no­mica glo­bale deve viag­giare ad un tasso medio di almeno il 3 per cento l’anno. E gli Usa da soli non bastano: il ruolo della Cina è cen­trale per il sistema capi­ta­li­stico su scala mon­diale — insieme ad India, Bra­sile e Rus­sia — per man­te­nere alto il livello della domanda aggre­gata a livello globale.

Ma, la Cina per man­te­nere ele­vato il suo tasso di cre­scita avrebbe biso­gno di rilan­ciare la domanda interna, e que­sto richiede una redi­stri­bu­zione della ric­chezza e quindi un altro modello sociale e poli­tico. E’ quello auspi­cato da Jeremy Cor­byn, lea­der emer­gente del par­tito labu­ri­sta inglese, che ha messo al cen­tro del suo pro­gramma elet­to­rale il Q.E. for the peo­ple. Que­stione cen­trale, ine­lu­di­bile, se si vuole affron­tare seria­mente la crisi in corso. La sola immis­sione di liqui­dità in grande quan­tità decisa prima dalla Fed e poi dalla Bce non risolve la crisi da domanda o meglio da sovra­pro­du­zione di cui sof­fre l’economia-mondo. Solo una grande redi­stri­bu­zione della ric­chezza potrebbe risol­le­vare le sorti dell’economia mon­diale, dando la pos­si­bi­lità a cen­ti­naia di milioni di per­sone di acce­dere a beni e ser­vizi essenziali.

Basti pen­sare che 1,2 miliardi di per­sone sono prive di acqua pota­bile e oltre 1,5 miliardi vivono in zone urbane o rurali senza fogne e cana­liz­za­zione delle acque, con con­se­guenti malat­tie (come la dis­sen­te­ria, il colera, il tifo, ecc,) causa prima della mor­ta­lità infan­tile in que­ste aree. Senza con­tare l’alimentazione e i far­maci essen­ziali di cui sono pri­vati circa un quinto degli abi­tanti del nostro pianeta.

Ma, una grande inie­zione di liqui­dità mone­ta­ria a favore delle fasce più deboli della popo­la­zione, clas­sica ricetta key­ne­siana, non può avve­nire pun­tando sola­mente sull’aumento quan­ti­ta­tivo di moneta in cir­co­la­zione. Il motivo è noto: il debito mon­diale — pub­blico e pri­vato — vale più di tre volte il Pil ed in molti paesi indu­stria­liz­zati ha rag­giunto livelli di inso­ste­ni­bi­lità. E la Cina non fa ecce­zione: il solo inde­bi­ta­mento delle imprese pri­vate è pari al 200 per cento del Pil, men­tre quello pub­blico, pur miglio­rando nell’ultimo decen­nio, è pari ad oltre il 120 per cento. In breve, la Cina sof­fre di tutti i mali dell’Occidente con un’aggravante: il modello di neo­li­be­ri­smo auto­ri­ta­rio (spesso con­fuso con il capi­ta­li­smo di Stato) è gui­dato dal più grande par­tito comu­ni­sta del mondo, che ha impe­dito finora l’emergere di una alternativa.

Un modello di svi­luppo che ha por­tato la Cina ad un tasso di cre­scita che non ha uguali nella sto­ria dello svi­luppo eco­no­mico: negli ultimi quin­dici anni il Pil cinese è cre­sciuto del 300 per cento, con un tasso medio annuo di oltre il 10 per cento. E que­sta inso­ste­ni­bile acce­le­ra­zione, come è noto, ha pro­dotto gua­sti sul piano sociale ed ambien­tale che sono stati coperti dalla pol­vere del tasso di cre­scita dell’economia reale.

Come Simone Pie­ranni ed altri hanno spie­gato più volte su que­sto gior­nale, il gruppo diri­gente del Pcc ha un biso­gno vitale di un tasso di cre­scita soste­nuto per man­te­nere il con­senso. Ma, il modello di svi­luppo export orien­ted non basta più: la crisi delle eco­no­mie mature dell’Occidente lo impe­di­sce. Solo la cre­scita del mer­cato interno — che avrebbe un bacino di circa 600 milioni tra con­ta­dini ed ope­rai che vivono sotto la soglia di povertà — potrebbe ancora per­met­tere alla Cina di cre­scere, ma richie­de­rebbe una redi­stri­bu­zione del red­dito che col­pi­rebbe la «classe agiata» cinese che ha un peso rile­vante nello stesso par­tito comunista.

Insomma, per far ripar­tire il paese la Cina avrebbe biso­gno di una inie­zione di socia­li­smo più che di liqui­dità mone­ta­ria. Né più né meno che noi euro­pei. Ormai i prin­ci­pali feno­meni eco­no­mici, sociali ed ambien­tali si pre­sen­tano allo stesso modo in tutti i paesi del mondo: il pro­cesso di glo­ba­liz­za­zione capi­ta­li­stica si è com­piuto. Il che signi­fica che non è più pos­si­bile spo­stare sulle future gene­ra­zioni il peso della crisi eco­no­mica ed eco­lo­gica. Signi­fica altresì che dob­biamo pun­tare ad un Q.E. for the Peo­ple, ma nel rispetto degli equi­li­bri ambien­tali se non vogliamo cadere in una trap­pola peg­giore. Que­sta potrebbe essere la nuova ban­diera della Sini­stra Europea.
Sullo stesso tema
Gianni Ferrara
Una visione ottimistica della proposta di "modifica ragionevole" della Costituzione. Se son rose fioriranno, e a noi le rose piacciono.
Stefano Rodotà
«Il premier Renzi governa come se ci fossero già l’Italicum e la nuova Costituzione. Il presidente Mattarella non distoglierà lo sguardo da questa situazione. Il bipolarismo crolla ma non c’entra il populismo. I partiti non sanno più leggere la società» Intervista di Andrea Fabozzi.
Alfonso Gianni
Tra le cose nelle quali Renzi eccelle, e supera di gran lunga i suoi predecessori, è l'arte di sparare balle. I picchi della menzogna sono più alti. Ma più profonde ci sembrano le valli della credulità. Qualcuno che sa vedere dietrio il fumo per fortuna c'è ancora: gli auguriamo lunga vita
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg