Tertium non datur. L'Europa e la questione tedesca
Susanne Böhme Kuby
«La Germania ha adottato per la Grecia lo stesso modello di strangolamento e conquista praticato per la  RDT.  Se questo si realizzerà, sarà evidente che l'egemonia economica tedesca finora vigente in Europa si sta trasformando in aperta dittatura del capitale finanziario a guida tedesca. Scritto per eddyburg
L'evoluzione delle ultime estenuanti "trattative" a Bruxelles - dopo il referendum del 5 luglio - sul destino greco ed europeo riafferma alcuni punti chiave della controversia iniziale: i responsabili dei vari organismi finanziari europei e tedeschi (Eurozona) non sono disposti ad alcun compromesso con un governo di sinistra che intende anche solo allentare la pressione sui paesi del sud europeo che soffrono la supremazia e lo strangolamento finanziario tramite la politica imposta dell'austerita'. E mette in evidenza il fatto che le forze dominanti non sono disposte a lasciare alcuno spazio per una qualsiasi "alternativa" all'interno del sistema europeo neoliberale.

I creditori internazionali e i gruppi di potere ad essi legati preferiscono tener in vita il proprio debitore anziche' amazzarlo (come ha minacciato il ministro delle finanze tedesche). Un "Grexit" avrebbe portato la Grecia di fatto all'insolvenza e ad un taglio del debito, che a sua volta avrebbe potuto destabilizzare tutta la zona Euro, lasciandola di nuovo alla speculazione finanziaria. Avrebbe inoltre potuto mettere a rischio la collocazione geopolitica della Grecia come avamposto sudorientale Usa nella Nato.
Quindi si e' fatto di tutto per destabilizzare il governo a guida Syriza, rifiutando ogni apertura ad uno sviluppo autonomo, ri-imponendo addirittura il controllo diretto della Troika, che dovrebbe vegliare sulle ulteriori "riforme". Con cio'cessera' ogni ultima parvenza di sovranita' nazionale.
Trovera' ora applicazione il modello tedesco della Treuhand (nome del programma di rapina imposto durante la seconda guerra mondiale nei territori europei orientali occupati militarmente), gia' proposto da Angela Merkel anni fa', quel modello di svendita con il quale il capitale occidentale si e'impadronito dell'intera economia tedesco-orientale (Rdt) in pochi anni (1990/94) distruggendola di fatto (e tutto il suo contesto di relazioni di scambio con i paesi dell'ex-blocco sovietico).
Questo tipo di privatizzazione verra' ora applicato alle infrastrutture e al patrimonio pubblico della Grecia e li trasferira' - in gran parte - direttamente in mano ai creditori. Sembra che Tsipras sia riuscito ad evitare il fondo lussemburghese ideato all'uopo dal Ministro Schaeuble, che ha suscitato qualche protesta anche da parte di altri vicini europei, ma la sostanza non cambia.

Siccome tutto questo e' in aperto contrasto con le direttive del programma di Syriza e con l'esito del recente referendum greco l'attuale coalizione di governo non potra' sopravvivere ad Atene e le neo-elezioni, che il governo tedesco auspica da tempo, sono all'orizzonte.

Se questo si realizzera' sara' evidente che l'egemonia economica tedesca finora vigente in Europa si sta trasformando in aperta dittatura del capitale finanziario a guida tedesca.
Il resto dell' Europa e soprattutto le sue sinistre vecchie e quelle nuove in fieri sono avvertite. Tertium non datur.
Riferimenti

Di Susanna Kuby vedi anxèche, su eddyburg, Riflessioni sul ricordo pubblico sull'Olocausto. L'autrice, ricercatrice con le università di Udine, Genova e Venezia, studiosa della cultura tedesca del Novecento, è particolarmente attenta all'evoluzionr culturale e politica nel secondo dopoguerra
Sullo stesso tema
Edoardo Salzano
Descrivevo una settimana fa il parlamento italiano come un enorme guscio vuoto. Deprecavo la totale assenza della politica parlamentare come il luogo del confronto tra le diverse visioni sul presente e il futuro della società. Il nuovo governo e le sue dichiarazioni confermano il mio giudizio. (segue)
Wu Ming
Wu Ming svela la verità nascosta dietro le esagerazioni mediatiche sull'esito delle elezioni europee in Italia: "Se proprio si vuole ragionare in termini di percentuali, ragionando sul 100% reale vediamo che la Lega ha il 19%, il PD il 12%, il M5S il 9,5%. Sono tutti largamente minoritari nel Paese [...] Salvini non ha con sé gli italiani [...] #Salviniscappa può essere un buon sismografo nei prossimi mesi. L’effetto-shock (ingiustificato) del «34%» finirà, il conflitto sociale no".
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg