Gli emarginati poveri e bianchi che odiano lo Stato
Roberto Minervini
Il regista Roberto Minervini sulla strage nella chiesa di Charleston. Il Fatto Quotidiano, 19 giugno 2015 (m.p.r.)
«Non mi sorprende questo eccidio di stampo razziale a Charleston, non solo perché nel sud degli Stati Uniti l'odio dei bianchi nei confronti dei neri è una realtà quotidiana, ma anche perché il Sud è rimasto secessionista e non digerisce le imposizioni delle istituzioni centrali». Roberto Minervini, regista del potente docufilm Louisiana, molto applaudito dalla critica a Cannes, vive negli Usa da 15 anni e da tempo si è trasferito nel Sud, in Texas «perché lì è come stare in prima linea. Tutti i problemi dell'America sono presenti e ampliati». Il regista marchigiano, che avrebbe voluto fare il reporter di guerra, in Louisiana a mostra la vita dei cosiddetti white trash, i bianchi spazzatura, molto spesso veterani dell'Afghanistan e Iraq, che vivono dentro roulotte e passano il tempo bevendo, drogandosi di metanfetamina e sparando con armi d'assalto durante esercitazioni tra mangrovie e acquitrini.
«Gli Stati Uniti sono avvelenati dalla disparità sociale, dalla lobby delle armi e da quella farmaceutica, visto che le droghe sintetiche sono derivate dai farmaci venduti senza ricetta. Questo mix ha stimolato negli anni la crescita di un grande ceto bianco povero, frustrato, razzista, violento e distrutto dalla droga. La colpa di questo degrado la attribuisco alle politiche dei vari presidenti e del Congresso. In Louisiana c'è una sequenza in cui un gruppo paramilitare mitraglia, fino a farla saltare, una macchina dietro il cui finestrino c'è la maschera del presidente Obama. Durante tutto il documentario sia la comunità di tossici e alcolisti sia i paramilitari, alcuni dei quali imparentati, insultano i neri, specialmente il presidente per non aver fatto nulla per migliorare la loro condizione economica e aver tentato di regolarizzare il mercato delle armi». 
«Purtroppo - conclude Minervini - alla fine anche lui non ce l'ha fatta, segno che non solo i repubblicani ma anche i democratici non possono permettersi di fare a meno dei voti e dei soldi della potentissima industria delle armi. La gente inoltre, specialmente nel sud, si sente minacciata dallo Stato centrale ed è per questo che i paramilitari dicono che a Washington vogliono cancellare le libertà sancite dalla Costituzione, il secondo emendamento in cui viene autorizzato il possesso di armi. Queste milizie ore sono diventate scomode ma lo Stato le aveva usate per compiere il lavoro sporco come sparare ai migranti messicani che cercavano di entrare negli Usa». In questo clima di anarchia armata e miseria, la guerra che i bianchi poveri, in senso economico e culturale, hanno ingaggiato nei confronti dei neri ancora più poveri, era inevitabile. «I bianchi in miseria sono in aumento e si trovano a vivere sempre più di frequente in periferia vicino ai ghetti dei neri».
Sullo stesso tema
Virginia Della Sala
il Fatto Quotidiano, 15 novembre 2017. «Oltre 60 miliardi di investimenti nelle energie rinnovabili: l’isola del Pacifico cerca di smarcarsi da Pechino puntando sull’ecologia. Ma alla Cop23 viene messa alla porta». (p.d.)
Pierfrancesco Curzi
«In barba alla crisi economica, il presidente porta avanti il progetto di una nuova Capitale».
Luca Celada
«Il caso Fca. Il nuovo segretario di Stato è l’ex numero uno della Exxon, mentre all’Epa - l’agenzia di tutela dell’ambiente - il neo presidente ha messo Pruitt, amico delle corporation
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg