Nutrire il pianeta o le multinazionali? Un convegno a giugno
Eddyburg
Un gruppo di intellettuali e attivisti (da Moni Ovadia a Mario Agostinelli, da Alex Zanotelli a Gianni Tamini) riapre la critica alla mistificazione del Grande Evento milanese. Il manifesto, 27 maggio 2015

Ora tutto il dibat­tito su que­sta Expo rischia di dover ruo­tare attorno ad un’unica foto­gra­fia: da un lato migliaia di per­sone entu­sia­ste tra gli stand della grande Espo­si­zione, dall’altra le auto bru­ciate e la città sfre­giata. Ma non è così. Restano tutte le ragioni della cri­tica ad Expo. Restano le tante per­sone che al di là dell’adesione alle mani­fe­sta­zioni con­ti­nuano a pen­sare che occorre insi­stere nella cri­tica e con­ti­nuare ad avan­zare pro­po­ste alter­na­tive su con­te­nuti precisi.

Occorre ripar­tire dal grande con­ve­gno rea­liz­zato il 7 feb­braio a Milano, costruendo con­sensi ampi, par­lando a tutte e a tutti, per­ché il tema: «Nutrire il pianeta..energia per la vita» riguarda ognuno di noi e ben poco ha a che fare con quanto rea­liz­zato da que­sta Expo.
Noi con­ti­nue­remo que­sto impe­gno — anche in pre­vi­sione del con­ve­gno inter­na­zio­nale che si svol­gerà a Milano venerdì 26 e sabato 27 giu­gno con la seconda edi­zione di: «Expo nutrire il pia­neta o nutrire le mul­ti­na­zio­nali» — affin­ché: diritto all’acqua, diritto al cibo e giu­sti­zia sociale non siano solo degli slogan.

Ripar­tiamo da qui e dalla cri­tica alla Carta di Milano. La Carta c’è, è uffi­ciale. E’ stata pre­sen­tata coi toni dei grandi eventi isti­tu­zio­nali che cam­biano la Sto­ria. Ma non sarà così. La Carta di Milano sci­vo­lerà nella sto­ria senza inci­dere alcun­ché, legit­ti­mando ancora il modello agroa­li­men­tare che ha pro­dotto inso­ste­ni­bi­lità, disa­stri ambien­tali e le ter­ri­bili ini­quità che vive il mondo e che la stessa Carta denun­cia ma igno­rando lo stra­po­tere poli­tico delle mul­ti­na­zio­nali, che stanno den­tro ad Expo e che sot­to­scri­vono la Carta.

Il pre­si­dente Sala ebbe a dire a suo tempo che in Expo dove­vano coniu­garsi il dia­volo e l’acqua santa: pen­siamo inten­desse Coca Cola, Mon­santo e l’agricoltura fami­liare e di vil­lag­gio, i Gas, il bio­lo­gico ecc… Il risul­tato è che nella Carta si sen­tono il lin­guag­gio, le dif­fi­coltà, le media­zioni e i con­tri­buti di tanti docenti, per­so­na­lità e realtà asso­cia­tive che hanno cer­cato di miglio­rarla, ma pur­troppo il loro one­sto sforzo si è tra­dotto uni­ca­mente in un sac­cheg­gio del lin­guag­gio dei movi­menti dei con­ta­dini e di coloro che si bat­tono per la difesa dell’acqua come bene comune e in favore delle ener­gie alter­na­tive al petrolio.

La Carta di Milano, pre­sen­tata come l’eredità che Expo lascia al mondo, è una grande ope­ra­zione media­tica, che si limita a dichia­ra­zioni gene­ri­che senza andare alle cause e alle respon­sa­bi­lità della situa­zione attuale. Non una parola sui sus­sidi che la Com­mis­sione euro­pea regala alle mul­ti­na­zio­nali euro­pee agroa­li­men­tari per­met­tendo loro una con­cor­renza sleale verso i pro­dut­tori locali; non una parola sugli accordi com­mer­ciali tra l’Europa e l’Africa (gli Epa) che distrug­gono l’agricoltura afri­cana; né si parla del water e land grab­bing; né degli Ogm che espro­priano dal con­trollo sui semi i con­ta­dini e che con­di­zio­nano l’agricoltura e l’economia di grandi paesi come il Bra­sile e l’Argentina; né si accenna alle volontà di pri­va­tiz­zare tutta l’acqua pota­bile e di mone­tiz­zare l’intero patri­mo­nio idrico mon­diale, né si fanno i conti con i com­bu­sti­bili fos­sili e il fraking.

Nella “Carta” si parla di diritto al cibo equo, sano e soste­ni­bile, si accenna per­sino alla sovra­nità ali­men­tare, si ricorda che il cibo oggi dispo­ni­bile sarebbe suf­fi­ciente a sfa­mare in modo cor­retto tutta la popo­la­zione mon­diale, si spre­cano parole nate e vis­sute nella carne dei movi­menti, ma poi? 

La respon­sa­bi­lità di tutto que­sto sarebbe solo dei sin­goli cit­ta­dini: dello spreco fami­liare (che è invece sur­plus di pro­du­zione) che andrebbe orien­tato verso i poveri e verso le opere cari­ta­te­voli, sta nella loro man­canza di edu­ca­zione ad una cor­retta ali­men­ta­zione, al rispar­mio di cibo e di acqua, ad una vita sana e sportiva.

Le respon­sa­bi­lità pub­bli­che e pri­vate sono igno­rate. Manca la con­cre­tiz­za­zione del diritto umano all’acqua pota­bile come indi­cato dalla riso­lu­zione dell’Onu del 2010 e man­cano gli impe­gni per impe­dirne la privatizzazione.

Man­cano le misure da intra­pren­dere con­tro l’iniquità di un mer­cato e delle sue leggi, che stran­go­lano i con­ta­dini del sud ma anche del nord del mondo. Man­cano rife­ri­menti a bloc­care gli Ogm su cui oggi si gioca con­cre­ta­mente la sovra­nità ali­men­tare. Man­cano i vin­coli altret­tanto con­creti all’uso dei diser­banti e dei pesti­cidi che inqui­nano ormai le acque di tutto il mondo e avve­le­nano il nostro cibo.
Ne prenda atto Sala da buon cat­to­lico: il dia­volo scappa se l’acqua è vera­mente santa. Ma qui di acqua santa non c’è trac­cia, men­tre i dia­voli, sotto men­tite spo­glie, affol­lano la nostra vita quo­ti­diana e i padi­glioni di Expo.


Moni Ova­dia, Alex Zano­telli, Vit­to­rio Agno­letto, Mario Ago­sti­nelli, Piero Basso, Vit­to­rio Bel­la­vite, Franco Cala­mida, Mas­simo Gatti, Anto­nio Lupo, Emi­lio Moli­nari, Sil­vano Pic­cardi, Paolo Pinardi, Basi­lio Rizzo, Erica Rodari, Anita Sonego, Guglielmo Spet­tante, Gianni Tamino, Vin­cenzo Vascia­veo Asso­cia­zione CostituzioneBeniComuni
Sullo stesso tema
Ilaria Boniburini
4-8 settembre: un campeggio per sostenere un cambiamento radicale: assemblee e dibattiti sulla crisi climatica, grandi opere, estrattivismo, ecotransfemminismi, neocolonialismi e migrazioni forzate; il 7 marcia per la giustizia climatica.
Guido Viale
Dall'assemblea dei giovani è emersa una completa piattaforma politica e culturale per una radicale trasformazione di una società in fase di avanzata decomposizione in una società nuova e pienamente umana, all'altezza delle sfide che il pianeta deve affrontare. Qui l'articolo. (e.s.)
Maurizio Rovini
Bisogna tornare a pianificare, non per il profitto, ma per gestire l'uscita dal fossile e contenere il riscaldamento globale, convertendo l'economia e indirizzando investimenti alle energie e produzioni alternative locali, tassando patrimoni e aziende inquinanti. La risposta non è la green economy o le soluzioni tecnologiche. (i.b.)
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg