Via dei Fori imperiali, affondo di La Regina: “Smantelliamola, ormai non si usa più”
Francesco Erbani
«"Salviamo via Alessandrina. L’area archeologica diventerà il centro reale della città". "L'archeologia non è un ambito monumentale recintato, ma elemento vitale della città contemporanea"». Repubblica.it, 9 marzo 2015


«Guardi queste foto. Le ho scattate stamattina alle 10. In via dei Fori imperiali non passa una macchina, solo pedoni sui marciapiedi». L'ex soprintendente Adriano La Regina torna protagonista della battaglia che lo vide schierato, fra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta, a favore del Progetto Fori, lo smantellamento dello stradone che taglia l'area archeologica centrale. Oggi terrà una conferenza organizzata dall'Associazione Bianchi Bandinelli intitolata "Roma moderna. I Fori e la città" (ore 16,30, Istituto nazionale di Archeologia e Storia dell'Arte, piazza San Marco 49).

La proposta verrà rilanciata, insiste Vezio De Lucia, presidente della Bianchi Bandinelli, «perché siamo convinti dell'assoluta modernità del progetto e perché l'archeologia non è un ambito monumentale recintato, ma elemento vitale della città contemporanea». La palla poi ritornerà al ministero per i Beni culturali, che non ha ancora preso una posizione, e al Campidoglio, dove l'assessore Giovanni Caudo è favorevole al progetto, mentre il suo collega Guido Improta propone di far passare su via dei Fori il tram. All'incontro di oggi interverranno anche il nuovo soprintendente all'archeologia, Francesco Prosperetti, il direttore generale del Mibact, Francesco Scoppola, e lo stesso Caudo.

Che cosa dimostrano queste foto?
«Via dei Fori imperiali sembra una pista d'aeroporto. È ormai utilizzata assai poco e la si può rimuovere senza provocare danni alla circolazione. I danni furono evocati anche trent'anni fa, quando con Cederna, Benevolo, Insolera e con il sindaco Petroselli sostenemmo la demolizione. Ma forse con maggiori ragioni di oggi dopo i provvedimenti che allontanano il traffico da lì».

Allora chi difendeva la strada sosteneva anche che essa possedesse una sua storicità. E questo argomento lo si ritrova nei lavori della Commissione mista Comune-ministero, della quale lei ha fatto 
«Ne ho fatto parte, ma ho votato contro la scelta di conservare la strada voluta dal fascismo. Al tempo stesso non condivido affatto l'ipotesi di smontare la via Alessandrina, che invece ha un'impronta storica molto marcata, risalendo il suo tracciato al Rinascimento. Inoltre, eliminando via dei Fori imperiali, via Alessandrina può comunque assicurare un collegamento fra piazza Venezia e via Cavour".

Ma per l'operazione via Alessandrina è previsto un finanziamento da parte dell'Azerbaidjan.
«Non mi sembra affatto un buon motivo. Destiniamo quei soldi ad altri interventi di restauro, molto più utili».

E quali sarebbero i costi del recupero integrale e della riunificazione dei Fori?
«Non sono elevatissimi. Dobbiamo anche considerare che i costi sociali sono stati già pagati con la demolizione del quartiere Alessandrino durante il fascismo e con l'allontanamento forzato di chi ci abitava. Mentre i benefici che se ne possono trarre sono molto elevati».

Quali sono i benefici?

«È un'occasione di rinnovamento della città nel suo complesso. Non toccare via dei Fori imperiali significa invece lasciare le cose come stanno. È un atto conservatore. Eliminarla e riavviare una intensa campagna di scavo produce un nuovo paesaggio urbano. Può apparire paradossale, ma è così. Non si torna all'assetto antico dei Fori, che non esiste più. Ma, attraverso un lavoro d'interpretazione e di selezione, di che cosa salvaguardare e che cosa no, si realizza una diversa sistemazione dell'area archeologica, che comprende anche un assetto del verde. È un prodotto creativo, culturalmente attrezzato. Il centro storico di Roma è protetto e questo è l'unico intervento possibile in esso».

Lei pensa a una grande opera di valorizzazione di un bene culturale?
«Sì, ma non solo. Intanto quando si parla di valorizzazione non bisogna pensare solo ai riflessi economici. Il punto vero è che l'area archeologica diventerà il centro reale della città. Sarà un luogo di attraversamento come lo sono piazza Navona e piazza Farnese. Sarà uno spazio restituito alla vita quotidiana. Roma conserva un patrimonio non conosciuto, latente: ed è indispensabile recuperarlo per ragioni di carattere storicoculturale, e poi per un migliore assetto non solo del centro storico, ma della città intera».


 
Sullo stesso tema
Chiunque può usare o riprodurre le informazioni e i materiali originali contenuti nelle pagine di questo sito. Tale uso sarà tuttavia condizionato, ove si tratti di materiali propri di eddyburg.it alla citazione dell’autore così come compare nel sito e alla indicazione della fonte originaria in modo visibile e con la seguente dicitura: “tratto dal sito web eddyburg.it”. Per i materiali derivanti da altre fonti si suggerisce di rivolgersi ai relativi autori o editori.
Per sostenere l'Associazione eddyburg e le sue attività ci sono due modi non necessariamente alternativi: partecipare attivamente aderendo all'Associazione eddyburg e sostenendo economicamente le nostre attività attraverso una erogazione liberale.
Eddyburg
Enrico De Nicola, presidente provvisorio della Repubblica, Alcide De Gasperi (DC), Umberto Terraccini (PCI) firmano il 27 dicembre 1947 la Costituzione repubblicana, elaborata da una assemblea costituente di 556 rappresentanti dei partiti antifascisti.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg